"L'Unione africana non dispone di meccanismi per disciplinare l'esportazione di pesticidi tossici da parte dell'UE"

"L'Unione africana non dispone di meccanismi per disciplinare l'esportazione di pesticidi tossici da parte dell'UE"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Quello che sarebbe “un giardino” l’Unione europea secondo il capo della diplomazia Ue Josep Borrell, per non smentire la sua fama, invia alla “giungla” pesticidi tossici. Armi per alimentare il conflitto in Ucraina, pesticidi, lacrime e sangue fatti di precarietà sul lavoro, licenziamenti, rincari per i propri cittadini, questo sarebbe il giardino.

Intanto, un ricercatore ha lanciato un allarme: L'Unione Africana (UA) non fornisce alcun meccanismo per governare l'esportazione dell'Unione Europea di pesticidi tossici nel continente che stanno uccidendo le persone e hanno impatti ambientali dannosi.

Edward Wanyonyi, un ricercatore sulla riduzione del rischio di disastri, originario di Nairobi, ha dichiarato al programma settimanale di Press TV Africa Today che se l'UA prende una posizione collettiva contro l'UE, la pratica continuerà.

"Ciò che manca è un meccanismo dell'Unione africana che possa essere in grado di affrontare collettivamente questo problema e garantire che gli Stati membri stiano effettivamente lavorando per una posizione comune, abbiano misure di applicazione e deterrenza comuni", ha affermato.

Public Eye, una ONG svizzera ha recentemente rivelato che nella seconda metà dello scorso anno, le aziende europee hanno emesso notifiche per l'esportazione di oltre 380 tonnellate di insetticidi a base di clorpirifos vietati.

Le stesse società prevedono di spedire importi simili quest'anno. La destinazione di questi mortali pesticidi europei è principalmente in Africa e in alcuni altri paesi a basso o medio reddito.

Nel rapporto si ricorda che la ricerca decennale suggerisce che l'esposizione al clorpirifos danneggia i bambini piccoli e i neonati nel grembo materno.

Si aggiunge che gli studi hanno collegato l'esposizione prenatale alla sostanza chimica a ritardi nello sviluppo, autismo e riduzione del QI.

All'inizio di marzo, all'Assemblea parlamentare paritetica ACP-UE tra l'Unione europea e i Caraibi africani e il Pacifico a Bruxelles, i relatori hanno accusato i paesi dell'UE di doppi standard esportando in Africa pesticidi tossici, che sono vietati nell'Unione europea.

Wanyonyi ha criticato la comunità internazionale per non aver preso una posizione ferma contro l'invio di tali rifiuti pericolosi ai paesi africani.

"È un fallimento della comunità internazionale consentire tali doppi standard perché lo stesso non è comune in luoghi come l'Asia o il Medio Oriente", ha lamentato.

Ha anche attribuito la questione al fatto che i paesi africani non sono in grado di negoziare tali questioni a livello internazionale e anche alla loro incapacità di sorvegliare e pattugliare le loro terre per impedire l'esportazione di tali pericolosi pesticidi.

Ha esortato i parlamentari a sollevare questi problemi presso l'Unione interparlamentare (IPU) per costruire un consenso diffuso e una difesa per fermare l'UE.

“I membri del Parlamento possono anche preparare una serie di misure per rafforzare i livelli di deterrenza e divieto di queste sostanze in modo che non possano essere esportate nei Paesi africani”, ha aggiunto.

Aumentare l'attenzione internazionale sulla questione può aiutare ad adottare una posizione collettiva, ha ribadito Wanyonyi.

"Piuttosto che lamentarci a livello locale, dovremmo essere in grado di sollevare la questione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e all'Assemblea generale in modo che ci sia una posizione collettiva da parte di altri paesi contro la questione", ha osservato, sottolineando che l'irresponsabilità dell'UE è dovuta alla mancanza di sostegno internazionale.

"Deve esserci un certo livello di advocacy per ritenere l'UE responsabile e se ciò avverrà mediante impegni dell'UE a livello del Parlamento europeo o se verrà svolto da qualsiasi altro attore internazionale, compresi i media, ciò dovrebbe avvenire in modo che l'UE può essere richiamata all'ordine", ha concluso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti