Londra ha nascosto diversi attacchi sauditi ai civili nello Yemen

Londra ha nascosto diversi attacchi sauditi ai civili nello Yemen

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Secondo un rapporto pubblicato oggi dal quotidiano britannico The  Guardian, il governo di Londra è sotto forte pressione, in quanto deve spiegare perché non ha registrato nel suo elenco riservato di violazioni del diritto internazionale umanitario una serie di attacchi aerei e violazioni dei diritti umani commesse dalla coalizione saudita nello Yemen dal 2015.

L'esistenza di questi dati riservati divenne nota solo quando il Ministero della Difesa britannico dovette affrontare una sfida legale per aver concesso ai produttori di armi britannici licenze di esportazione per vendere armi all'Arabia Saudita per un uso successivo nello Yemen.

Il rapporto elaborato dal governo britannico sugli attacchi sauditi contro la nazione yemenita ha elencato fino allo scorso luglio "500 possibili infrazioni"; tuttavia, i gruppi per i diritti umani affermano che la cifra reale è molto più alta. 

In totale, la coalizione saudita ha effettuato "circa 20.000 attacchi aerei" nello Yemen, secondo i gruppi.

Tra gli attacchi individuati dal gruppo umanitario Yemen Data Project, che il Ministero della Difesa britannico non include nei suoi dati, ci sono le offensive del gennaio 2018 contro un ponte e un mercato a Sana'a (capitale yemenita), incidenti in cui 17 persone persero la vita e più di 20 sono rimasti feriti. 

Allo stesso modo, non include un attacco aereo avvenuto nel settembre 2015 contro un funerale nella provincia settentrionale di Al-Jawf, in cui morirono 30 civili.

Il governo del Regno Unito, lo scorso luglio, aveva annunciato che avrebbe riavviato le vendite di armi all'Arabia Saudita, nonostante i crimini di guerra di Riyadh nello Yemen. Nel sostenere questa decisione, il segretario britannico per il commercio internazionale, Liz Truss, aveva considerato le violazioni dei diritti umani commesse dall'Arabia Saudita nello Yemen "incidenti isolati".

“Da quando è iniziata questa brutale guerra, le forze a guida saudita hanno mostrato un totale disprezzo per la vita e i diritti delle persone nello Yemen. […] Tuttavia, ciò non è stato sufficiente per convincere [il primo ministro britannico] Boris Johnson e Liz Truss a porre fine alle vendite di armi che hanno alimentato la distruzione della popolazione civile", ha denunciatooggi al The Guardian,  Andrew Smith , dall'organizzazione non governativa britannica Campaign Against the Arms Trade (CAAT).

Il Regno Unito ha fornito armi all'Arabia Saudita per oltre 5 miliardi di sterline dall'inizio del conflitto nello Yemen nel 2015.

Vari organismi, tra cui l'organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch (HRW), hanno ripetutamente condannato i "flagranti crimini di guerra" di Riyadh e dei suoi alleati contro il paese più povero del mondo arabo, e  hanno esortato l'Occidente a cessare la vendita di armi all'"assassino" saudita .

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Chi minaccia la pace in Ucraina?   di Bruno Guigue Chi minaccia la pace in Ucraina?

Chi minaccia la pace in Ucraina?

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato di Savino Balzano Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Stage e tirocini? Caporalato legalizzato

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza di Damiano Mazzotti La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

La filosofia scientifica. Miss inco-scienza

27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo di Antonio Di Siena 27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo

27 gennaio e Ucraina: celebrare la smemoria del tempo

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro... di Gilberto Trombetta Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

Privatizzazioni, Draghi tornato per concludere il lavoro...

La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti di Roberto Cursi La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti

La crisi in Ucraina spiegata a due adolescenti