Lo scacco matto dell'Algeria al Qatar: il ritorno della Siria nella Lega Araba

Lo scacco matto dell'Algeria al Qatar: il ritorno della Siria nella Lega Araba

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Abdelkader S. - Algerie Patriotique

È uno scacco matto quello che l'Algeria si prepara a fare contro il Qatar. I miliardi di dollari spesi in propaganda e organizzazioni sovversive sono andati in fumo. 

Dieci anni dopo l'inizio della “primavera araba”, il piano del regime di Doha di insediare i Fratelli Musulmani in tutti i paesi arabi non monarchici è crollato. La campana a morto suonerà il prossimo marzo, in occasione del Vertice della Lega araba, che vedrà il ritorno ufficiale della Siria.

 Un ritorno che avverrà ad Algeri, baluardo inespugnabile che ha resistito ad assalti a tutto campo.

L'incontro tra i capi dei servizi segreti sauditi e siriani e la visita del ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti a Damasco ha suscitato grande rabbia tra gli Al-Nahyane che si sono affrettati a chiedere la fine della "normalizzazione con "il regime di Bashar Al-Assad" (sic). 

Questo contatto diretto e questo spostamento, il primo dopo dieci anni di guerra civile, segnano una svolta decisiva nel dossier siriano. Il Qatar, infatti, privato dei suoi islamisti, si trova isolato, anche all'interno della sua famiglia del Consiglio di cooperazione del Golfo. Il piano che doveva riconfigurare il Medio Oriente a beneficio di Israele, fomentato dagli Stati Uniti, è crollato e cambiamenti "urgenti" nella strategia di smembramento di questa regione del mondo, che va dalla penisola arabica all'Atlantico, doveva essere operato.

L'Algeria, che nel 2011 ha resistito allo tsunami delle rivolte popolari abilmente organizzate dalle farmacie sotto la CIA (CANVAS, NED, NDI, Freedom House, ecc.) e portate avanti da strumenti di propaganda qatarina (Al-Jazeera), saudita (Al-Arabiya ), Emirati (Sky News), francese (France 24) e americana (Al-Hurra), saranno la tomba di questo diabolico complotto che ha rovinato interi paesi, provocando micidiali guerre civili in Yemen, Libia e Siria e infinite crisi politiche in Tunisia, definita la “culla” del “risveglio democratico dei popoli arabi”. 

Per quanto riguarda l'Egitto, i litigi di cappella tra l'emirato lillipuziano del Qatar e il colosso saudita hanno portato alla rimozione dei Fratelli Musulmani dal potere da parte dell'esercito.

L'Algeria non ha aspettato il capovolgimento della situazione in favore di Bashar Al-Assad per manifestare il suo categorico rifiuto di ogni ingerenza in Siria, opponendosi al conglomerato di Stati che - loro malgrado, per la maggior parte - della dottrina americana che mira a trasformare il panorama politico ed economico dell'insieme dalla Mauritania all'Afghanistan, in Asia centrale. 

L'ex ministro degli Esteri Abdelkader Messahel ha visitato Damasco in un'epoca in cui la Siria viveva nell'autarchia, circondata da ogni parte da paesi ostili, occupata dagli eserciti americano, turco, israeliano e francese e in preda al terrorismo islamista finanziato e mantenuto dalla stessa persone che affermavano di voler liberare il popolo siriano dalla dittatura. 

La Siria, sostenuta militarmente e diplomaticamente dalla potente Russia, è sulla buona strada per tornare ad essere l'attore dominante che è sempre stata sullo scacchiere mediorientale e si sta lentamente ma inesorabilmente riprendendo da una guerra sporca che sta per vincere, in attesa di iniziare la ricostruzione del Paese con l'aiuto degli stessi Stati che avevano creduto, un decennio fa, di poter distruggere questo baluardo contro l'espansionismo sionista.

 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti