Lloyd Austin: "la sicurezza degli Stati Uniti dipende da ciò che avviene in Ucraina"

Lloyd Austin: "la sicurezza degli Stati Uniti dipende da ciò che avviene in Ucraina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Marinella Mondaini*

Gli Stati Uniti non possono andarsene dall'Ucraina perché ciò arrecherebbe un danno irreparabile alla loro sicurezza. E siccome, dicono, c’è il pericolo dello scontro Russia-Nato, perché la Russia attaccherà la Nato, in tal caso sarebbero i soldati americani a dover andare a combattere, quindi per evitare tutto questo bisogna continuare a sostenere l’Ucraina. Come ha detto il Segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, "la sicurezza degli Stati Uniti dipende da ciò che avviene in Ucraina". Loro, che vivono a diverse migliaia di chilometri dall'Ucraina! E la Russia, che vive a un passo, convive accanto all'Ucraina, la sua sicurezza da cosa dipende?? Quindi se per l’America è strategicamente importante ciò che avviene in Ucraina, è chiaro che con la Russia combatte l’America. Come hanno più volte detto, devono distruggere la Russia perché da questo dipende la loro sicurezza.

Infatti i giornali nostrani in guerra contro la Russia, riportano l’appello dell’ambasciatrice americana a Kiev Bridget Brink, che ha esortato il Congresso statunitense a raggiungere un accordo sul sostegno aggiuntivo a Kiev "il più presto possibile", descrivendo la situazione come " urgente". "Perché è fondamentale garantire e mantenere le conquiste ottenute finora dagli ucraini. E anche per proteggere la nostra sicurezza nazionale".

In realtà, dietro tutto questo baccano, cioè menzogne, imbastito dagli americani per nascondere che in sostanza in Ucraina hanno perso, la Nato sta facendo manovre sotto sotto per prepararsi a entrare in Ucraina, (dove c’è già di fatto da almeno da 9 anni). L’altro ieri, capi Nato sono andati in sordina a trovare Zelenskij…


*Post Facebook del 16 dicembre 2023

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti