Lettera di oltre 1.400 accademici israeliani per porre fine alla guerra a Gaza

Lettera di oltre 1.400 accademici israeliani per porre fine alla guerra a Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Oltre 1.400 accademici israeliani hanno firmato una petizione che chiede al governo di porre fine alla guerra genocida contro la Striscia di Gaza.

"Noi, docenti e personale amministrativo delle istituzioni accademiche israeliane, chiediamo al governo israeliano di porre fine alla guerra a Gaza senza indugio e di assicurare l'immediato ritorno degli ostaggi", si legge nella petizione, scritta in ebraico e in inglese, riportata anche dai media israeliani.

La petizione, intitolata "Un appello al governo israeliano per porre fine alla guerra e garantire il ritorno degli ostaggi", sostiene che la liberazione dei prigionieri israeliani detenuti da Hamas e la fine della guerra "sono imperativi morali e sono in linea con gli interessi israeliani".

I firmatari hanno affermato che l'attacco di Hamas del 7 ottobre ha concesso a Israele "il diritto di autodifesa contro tali atti nei limiti del diritto internazionale".

Tuttavia, questo scopo iniziale è stato esaurito, in parte perché il governo ha deliberatamente evitato di definire una visione strategica o politica al di là della guerra, puntando invece a una non meglio definita "vittoria completa" che, anche secondo gli alti ufficiali militari, non solo è irraggiungibile, ma probabilmente porterà alla morte degli ostaggi".

Nella petizione si avverte che la guerra israeliana "sta causando danni enormi ai civili di Gaza, fame e distruzione senza precedenti delle infrastrutture".

"Porta a molte vittime israeliane, a danni mentali per centinaia di migliaia di persone, a enormi danni economici e a un grave deterioramento dello stato di diritto in Israele e nei territori occupati", è stato aggiunto.

"Impedisce anche la stabilizzazione della situazione nel nord del Paese e il ritorno delle popolazioni sfollate", si legge nella petizione.

"Inoltre, danneggia gravemente la posizione internazionale di Israele, porta all'isolamento internazionale, a implicazioni legali, a boicottaggi culturali e accademici e a danni a lungo termine in molti altri aspetti. Inoltre, mina gravemente la capacità di Israele di adempiere al suo dovere supremo di restituire gli ostaggi", concludono gli accedemici nella loro lettera.


--------------------------------------------------------

A GAZA LA SITUAZIONE UMANITARIA E' FUORI CONTROLLO. LA PULIZIA ETNICA DECISA

C'E' UNA ONG, GAZZELLA ONLUS, CHE NON SI ARRENDE A QUESTE BARBARIE E OGNI GIORNO, EROICAMENTE, PORTA BENI DI PRIMA NECESSITA' ALLA POPOLAZIONE STREMATA




L'ANTIDIPLOMATICO E LAD EDIZIONI, INSIEME A Q EDIZIONI, E' IMPEGNATA ALLA RACCOLTA FONDI PER LA POPOLAZIONE DI GAZA

ACQUISTANDO IL LIBRO "IL RACCONTO DI SUAAD - PRIGIONIERA PALESTINESE" DAL NOSTRO SITO CONTRIBUIRETE ATTIVAMENTE ALL'INVIO DI AIUTI ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti