Le reazioni nel mondo all'attacco terroristico a Mosca

Le reazioni nel mondo all'attacco terroristico a Mosca

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Istituzioni e politici di varie parti del mondo si sono espressi in merito all'attacco terroristico avvenuto ieri sera presso la sala concerti Crocus City Hall, situata nella provincia di Mosca, in Russia.

Secondo i dati forniti dalle autorità russe, al momento sono 93 le persone morte e più di 100 sono rimaste ferite, ha riferito il Comitato investigativo russo.

Venezuela 

"Il Venezuela esprime le sue più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime di questo attacco criminale e ingiustificabile, e invia un messaggio di solidarietà al presidente Vladimir Putin, al suo governo e a tutto il popolo fratello della Federazione Russa, certo che, uniti, lo faranno affrontare questo momento amaro", si legge in una dichiarazione del presidente venezuelano Nicolás Maduro, condivisa dal ministro degli Esteri Yván Gil.

In precedenza, Gil ha scritto nel suo resoconto alle famiglie delle vittime ed esprimiamo la nostra solidarietà al governo della Federazione Russa.

La vicepresidente venezuelana, Delcy Rodríguez, si è unita ai messaggi di cordoglio: "La nostra solidarietà al coraggioso popolo russo, al suo presidente Vladimir Putin e al governo della Federazione Russa di fronte a questo atroce attacco terroristico. Esprimiamo le nostre condoglianze alle famiglie e alle vittime di questo attacco. "Non esiste una strada per la pce. La pace è la strada", ha detto Gandhi. Ci uniamo alla cultura della pace contro i promotori dell'odio e della violenza".

Cuba

Da Cuba , il presidente Miguel Díaz-Canel ha affermato che il suo Paese condanna questo atto atroce. "Le nostre più sincere condoglianze al governo e al popolo della Federazione Russa per la perdita di vite umane e i numerosi feriti. Vi preghiamo di estenderle alle famiglie e agli amici delle vittime", ha scritto sul suo account X.

Allo stesso modo, il ministro cubano delle Relazioni Estere, Bruno Rodríguez, ha dichiarato: "Condanniamo l'atto terroristico commesso nella sala da concerto Crocus City Hall, nella regione di Mosca, che ha causato la perdita di vite umane e numerosi feriti. Le nostre più sentite condoglianze al popolo e governo della Russia, in particolare ai parenti e agli amici delle vittime".

Bolivia

Dalla Bolivia, anche il presidente Luis Arce si è unito alle condanne, "nella maniera più energica", di questo atto terroristico. "Inviamo tutta la nostra solidarietà e le nostre condoglianze al popolo russo, al fratello presidente Vladimir Putin e alle famiglie delle vittime. Questo tragico evento deve essere ripudiato dall'intera comunità internazionale", ha ribadito.

Nicaragua

Dal Nicaragua hanno inviato una lettera indirizzata a Putin, firmata dal presidente di quel paese, Daniel Ortega, e dal vicepresidente, Rosario Murillo. "Vi scriviamo con il cuore spezzato per la tragedia terroristica appena avvenuta [...] La criminalità terroristica ha ancora una volta messo a dura prova persone innocenti che sono state vittime dell'odio e del confronto che caratterizzano il nazismo e il fascismo. che continua minacciare il mondo", si legge nella lettera, nella quale si ripudia questo fatto e si solidarizza con le famiglie delle vittime.

Messico 

Anche il Ministero degli Affari Esteri del Messico ha espresso rammarico per l’attentato terroristico:

"Il Messico respinge qualsiasi atto di violenza che minacci la vita dei civili", ha pubblicato sul suo account sulla rete sociale X.

Colombia

Allo stesso modo, dalla Colombia, il Ministero degli Esteri ha espresso il suo "più profondo rifiuto" dell'attentato. "Esprimiamo la nostra solidarietà ai cittadini colpiti ed esprimiamo le nostre più sincere condoglianze alle famiglie e ai parenti delle persone decedute. Auguriamo inoltre una pronta guarigione a coloro che sono rimasti feriti in questi eventi", si legge nel testo.

Dal Bogotà si è espresso anche il suo presidente, Gustavo Petro, che nel suo resoconto ha scritto: "Spero che ci sia la pace nel mondo. Il terrorismo non finisce con gli eserciti, il terrorismo finisce con la politica".

Brasile

Anche il governo brasiliano ha espresso il suo "sgomento" dopo l'attentato di Mosca e ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime, nonché la pronta guarigione dei feriti. "Il Brasile esprime la sua solidarietà al popolo e al governo russo e ribadisce il suo fermo ripudio di ogni atto di terrorismo", si legge in un comunicato pubblicato dal Ministero degli Esteri brasiliano.

Il governo guidato dal presidente Luiz Inácio Lula da Silva ha riferito di non avere notizie che qualche brasiliano sia stato vittima dell’attacco. Inoltre, hanno messo a disposizione il servizio consolare brasiliano a Mosca per aiutare qualsiasi brasiliano in emergenza.

Argentina

Il Governo argentino ha espresso in un comunicato "la sua ferma condanna e il ripudio dell'attacco terroristico perpetrato oggi nella sala da concerto del Crocus City Hall".

Buenos Aires ha inviato "le sue condoglianze" e ha affermato di "essere solidale con le famiglie delle numerose vittime, auspicando una pronta guarigione dei feriti".

 

Stati Uniti d'America

C'è stata anche una  dichiarazione  dagli  Stati Uniti: "Le immagini sono orribili e difficili da vedere. I nostri pensieri andranno ovviamente alle vittime di questa terribile sparatoria", ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca per la Homeland Security, John Kirby.

Bielorussia 

Dalla vicina Bielorussia  hanno affermato di seguire "con profondo dolore ciò che accade a Mosca" e hanno sottolineato che "questo atroce atto di terrorismo non può essere giustificato".

"Siamo accanto al fratello popolo russo in questi tempi difficili. Auguriamo loro buona fortuna per l'operazione di salvataggio. Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici delle vittime e auguriamo una pronta guarigione ai feriti", ha ribadito il Ministero degli Esteri bielorusso 

Germania 

Il Ministero degli Esteri tedesco ha definito l'attacco "orribile" e ha esortato a risolverlo "rapidamente". Inoltre, hanno espresso le loro "più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime".

Austria

L’Austria, attraverso il suo Ministero degli Affari Esteri, ha espresso il suo shock per questa "orribile notizia di un attacco ad una sala da concerto a Mosca".

"I nostri pensieri vanno alle famiglie delle vittime e auguriamo una pronta guarigione a tutti i feriti. Siamo in costante contatto con l'ambasciata austriaca a Mosca e seguiamo da vicino gli eventi", ha aggiunto.

Spagna

Da parte sua, il Ministero degli Affari Esteri, dell'Unione Europea e della Cooperazione della Spagna si è detto "sgomento per le notizie che arrivano dalla Russia" e in questo senso ha espresso "solidarietà alle vittime, ai parenti e al popolo russo".  "La Spagna condanna ogni forma di violenza", ha aggiunto l'Esecutivo spagnolo.

Grecia

Dalla Grecia si sono anche detti scioccati "dalle immagini terribili arrivate da Mosca dopo l'orribile attentato", rivolgendo il loro pensiero "alle famiglie delle vittime", alle quali hanno espresso le più sentite condoglianze.

 

Anche l’ambasciata britannica a Mosca ha condannato questa strage. "Questa è una tragedia terribile. Esprimiamo le nostre più sincere condoglianze alle famiglie e agli amici delle persone colpite e uccise dagli eventi", si legge nel documento della diplomazia britannica.

Francia

"Le immagini di stasera a Mosca sono terrificanti. I nostri pensieri sono rivolti alle vittime e ai feriti, così come al popolo russo. Bisogna fare ogni sforzo per determinare le cause di questi atti atroci", ha riferito il Ministero per gli affari esteri della Francia.

Serbia 

Nel frattempo, il Ministero degli Affari Esteri della Serbia  ha dichiarato : "Siamo profondamente scioccati dal mostruoso attacco terroristico [...] Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici delle vittime, al popolo russo e ai colleghi del Ministero degli Affari Esteri russi. Auguriamo a tutti i feriti una pronta e completa guarigione".

Turchia

La portavoce del Ministero degli Affari Esteri della Russia, Maria Zajárova, ha riferito che il Ministro degli Affari Esteri della  Turchia , Mevlüt Çavu?o?lu, ha chiamato il suo omologo russo, Sergei Lavrov, e, a nome del presidente, Recep Tayyip Erdogan, ha espresso le sue condoglianze al popolo russo per la tragedia ed ha espresso la propria condanna per il sanguinoso attacco.

Egitto 

Dall'Egitto  è intervenuto  il ninistero degli Esteri che ha condannato "con la massima fermezza" questo attacco.  Allo stesso modo, ha espresso le sue "più sentite condoglianze al governo e alle persone amiche della Russia in questa dolorosa tragedia, così come alle famiglie delle vittime, augurando una pronta guarigione a tutti i feriti".

"La Repubblica Araba d'Egitto riafferma la sua ferma condanna e il totale rifiuto di ogni forma di violenza e terrorismo, esprimendo la sua piena solidarietà alla Federazione Russa in questa delicata situazione", ha aggiunto.

Israele

Da parte sua, il ministro degli Esteri israeliano Yisrael Katz ha espresso le sue condoglianze alle famiglie delle vittime e a tutte le persone colpite dall'attacco terroristico. "Siamo rattristati dai tragici eventi di stasera a Mosca (...) Momenti come questo ci ricordano la fragilità della vita e l'umanità condivisa che ci unisce tutti."

Cile

"Esprimiamo la nostra forte condanna per l'attentato avvenuto in una sala da concerto nella Federazione Russa. Inviamo le nostre condoglianze alle famiglie delle vittime e confidiamo nella pronta guarigione dei feriti", ha scritto il ministro degli Esteri cileno Alberto van Klaveren. X.

Ungheria

Da parte sua, il primo ministro ungherese, Viktor Orbán, ha espresso "le più sentite condoglianze al popolo della Federazione russa per l'atroce attentato terroristico avvenuto questo pomeriggio vicino a Mosca" e ha assicurato che prega "per le famiglie delle vittime ". 

ONU

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha condannato l'attacco terroristico "atroce e codardo" avvenuto a Mosca contro i civili nella sala concerti Crocus City Hall, situata alla periferia di Mosca.

In un comunicato, i membri dell'organizzazione hanno espresso le loro "profonde condoglianze" alle famiglie delle vittime e al popolo russo, augurando ai feriti e ai feriti una pronta e completa guarigione.

Perù

"Il Perù condanna fermamente l'attacco terroristico in una sala da concerto alla periferia di Mosca. Esprimiamo le nostre condoglianze alle famiglie delle vittime e riaffermiamo il nostro rifiuto del terrorismo in tutte le sue forme", si legge in un comunicato diffuso dal suo Ministero degli Esteri.

India

Il primo ministro indiano Narendra Modi "ha condannato fermamente l'atroce attacco terroristico". "I nostri pensieri e le nostre preghiere sono con le famiglie delle vittime", ha scritto sul suo account X.

"L'India è solidale con il governo e il popolo della Federazione Russa in questo momento di dolore", ha aggiunto.

Uruguay

Il governo uruguaiano " ha condannato fermamente l'attacco terroristico" avvenuto questo venerdì nel municipio di Crocus e ha ribadito "il suo profondo rifiuto del terrorismo in tutte le sue manifestazioni".

Allo stesso modo, il Ministero degli Esteri ha espresso "la sua solidarietà al popolo russo e le sue condoglianze alle famiglie delle vittime".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Quando il bonus è un malus di Giuseppe Giannini Quando il bonus è un malus

Quando il bonus è un malus

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti