Le comunicazioni del Ministero della Difesa sulle operazioni in Ucraina

Le comunicazioni del Ministero della Difesa sulle operazioni in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Pubblichiamo una sintesi delle comunicazioni di sabato pomeriggio del Ministero della Difesa sulle operazioni belliche in Ucraina

 

"Dopo che la parte ucraina ha abbandonato il processo negoziale, oggi a tutte le unità è stato ordinato di sviluppare un'offensiva in tutte le direzioni secondo il piano operativo.

Raggruppamenti di truppe della DPR e della LPR, con il supporto di fuoco delle Forze armate della Federazione Russa, stanno sviluppando il successo dell'offensiva contro le posizioni delle forze armate ucraine. Le unità delle forze armate della Repubblica popolare di Lugansk continuano la loro offensiva in direzione del villaggio di Rubizhne.

Le truppe dell'LPR hanno ampliato la zona offensiva e sono avanzate dall'inizio dell'operazione fino a una profondità di 46 chilometri, dopo aver catturato gli insediamenti di Shchastya e Muratovo.

Il raggruppamento di truppe della Repubblica popolare di Donetsk, avanzando in direzione di Petrivske di altri 10 chilometri ha preso il controllo degli insediamenti di Starognatovka, Oktyabrskaya e Pavlopol.

I battaglioni nazionalisti utilizzano le cosiddette "Bander-cars", che hanno una maggiore capacità di cross-country e sono dotate di armi leggere o mortai di grosso calibro. Questa tattica è usata dai terroristi internazionali in Siria.

La sera del 25 febbraio, durante l'evacuazione di 82 militari ucraini che volontariamente avevano deposto le armi dall'isola di Zmeiny, 16 barche della Marina ucraina, utilizzando le "tattiche dello sciame", hanno tentato di attaccare le navi della flotta del Mar Nero.
Si Sottolinea che parte delle barche ucraine attaccanti operavano sotto la copertura di navi civili.

Lo scopo di questo attacco era, prima di tutto, la vendetta sui militari ucraini che avevano deposto le armi e le accuse dell'esercito russo nelleliminazione  dei prigionieri. A seguito della battaglia navale, 6 barche della Marina ucraina sono state distrutte. Nessuno degli 82 militari ucraini dell'isola dei serpenti è rimasto ferito.

Durante l'attacco delle barche ucraine, i veicoli aerei strategici senza pilota statunitensi RQ-4 Global Hawk e MQ-9A Ripper stavano sorvolando sull'area della provocazione. È molto probabile che siano stati gli UAV americani a dirigere le barche ucraine contro le navi della flotta russa del Mar Nero.

Il regime nazionalista di Kiev distribuisce in maniera massiccia e incontrollabile armi leggere automatiche, lanciagranate e munizioni ai residenti degli insediamenti ucraini. Il coinvolgimento della popolazione civile ucraina da parte dei nazionalisti nelle ostilità porterà inevitabilmente a incidenti e vittime. Chiediamo al popolo ucraino di essere consapevole, di non soccombere a queste provocazioni del regime di Kiev e di non esporre se stesso e i suoi cari a sofferenze inutili.

I nostri dati di intelligence continuano a registrare il dispiegamento di unità missilistiche e di artiglieria da parte di nazionalisti ucraini nelle aree residenziali non solo a Kiev, ma anche in altre città ucraine. La leadership dell'Ucraina ha ripetutamente affermato di non nascondersi dietro la popolazione civile e di non piazzare armi pesanti nelle città. Una bugia del genere può portare a terribili conseguenze.

Guardare i numerosi filmati di Kiev, Kharkov e di altre città, che ora vengono distribuiti non solo dai media, ma anche su Internet.

Ciò viene fatto intenzionalmente, per provocare attacchi di rappresaglia da parte delle forze armate russe contro i residenti degli insediamenti. La leadership nazionalista ucraina usa gli stessi metodi dei terroristi.

Ci appelliamo al popolo ucraino: chiediamo alle autorità criminali di Kiev di rimuovere immediatamente tutte le armi pesanti dalle loro case e dalle aree residenziali delle città.

Le forze armate russe non infliggono attacchi alle aree residenziali delle città ucraine."

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti