Lavrov: la Russia ricorre a "misure compensative" in risposta allo spiegamento di armi nucleari USA in Europa

Lavrov: la Russia ricorre a "misure compensative" in risposta allo spiegamento di armi nucleari USA in Europa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha chiarito che Mosca è costretta a ricorrere a "misure compensative" in risposta al dispiegamento di armi nucleari statunitensi in Europa.

"L'Occidente ha distrutto il sistema delle misure di costruzione della fiducia e del controllo degli armamenti in Europa. Basti pensare al ritiro degli Stati Uniti dai trattati sulla difesa missilistica, sulla messa al bando dei missili a raggio intermedio e a corto raggio e sui cieli aperti", ha denunciato il ministro degli Esteri russo durante il suo intervento alla conferenza "Sicurezza eurasiatica: realtà e prospettive in un mondo che cambia", tenutasi a Minsk (Bielorussia).

"Lo stazionamento avanzato di armi nucleari statunitensi in diversi Paesi europei e il lancio delle cosiddette missioni nucleari congiunte hanno aumentato i rischi strategici", ha aggiunto. Secondo il capo della diplomazia russa, questi passi aggravano la destabilizzazione, motivo per cui la Russia deve reagire con "misure compensative".

Il ministro russo ha deplorato che gli "ingegneri geopolitici" dell'Occidente, che "si credono viceré di Dio sulla Terra", abbiano "calpestato" i "rischi strategici" della Russia. Con le loro azioni, hanno "calpestato" i loro stessi impegni a rispettare il principio della sicurezza indivisibile e paritaria.

Lavrov ha poi evidenziato come sia “ovvio che l'aggressione dell'Occidente contro la Russia è solo una parte della crociata degli Stati Uniti e dei loro satelliti contro qualsiasi membro della comunità internazionale che dimostri indipendenza e difenda i propri interessi nazionali”, come evidenzia Sputnik. 

Allo stesso tempo, il massimo diplomatico eusso ha sottolineato che l'equilibrio geopolitico del potere continua a spostarsi, non a favore dell'Occidente, e i rappresentanti delle élite occidentali stanno iniziando a riconoscere questa tendenza. 

In particolare, secondo il ministro, le tendenze corrispondenti sono state notate dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden e dal leader francese Emmanuel Macron.

"Queste tendenze dominanti influenzano anche i processi internazionali che si stanno sviluppando nel nostro continente comune, in Eurasia", ha aggiunto Lavrov.

Ha quindi osservato che le relazioni internazionali stanno attraversando "cambiamenti tettonici veramente epocali".

"Davanti ai nostri occhi sta emergendo un ordine mondiale più equo e multipolare, basato sulla diversità culturale e di civiltà del mondo moderno, sul diritto naturale dei popoli di determinare i propri percorsi e modelli di sviluppo e sull'applicazione del principio più importante delle Nazioni Unite, sancito dalla sua Carta: l'uguaglianza sovrana degli Stati".

A suo avviso, è già "un segno dei tempi" il fatto che sempre più Paesi del Sud e dell'Est del mondo stiano cercando di rafforzare la propria sovranità in tutti i settori, per perseguire un corso pragmatico e orientato alla nazione negli affari mondiali, il che "si riflette chiaramente nel recente processo di rapida espansione dei BRICS".

In ogni caso, ha affermato Lavrov, la Russia è disposta a discutere con l’Occidente della sicurezza eurasiatica, ma ora le prospettive di comunicazione su questo tema con la maggior parte dei Paesi non sono visibili, ha detto Lavrov.

"Voglio sottolineare ancora una volta che siamo sempre pronti a lavorare insieme, se i nostri vicini occidentali nel continente trovano la forza di diventare indipendenti".

Un chiaro riferimento all’Unione Europea sempre più asservita agli interessi di Washington nonostante questi colpiscano fortemente quelli europei e vadano a impattare fortemente sulla qualità di vita, già ampiamente compromessa, dei popoli europei. 

Quindi, per quanto riguarda la ribadita apertura al dialogo di Mosca, Lavrov ha affermato che al momento non ci sono "prospettive". "Finché saranno completamente, praticamente la maggior parte, subordinati a Washington, non vediamo prospettive per una conversazione sensata con la stragrande maggioranza di questi Paesi al momento”. 

Nel suo discorso, il ministro degli Esteri russo ha anche sottolineato che la diversità del mondo va ben oltre il concetto di "giungla" e "giardino" concepito dal capo della diplomazia dell'UE Josep Borrell. "Il signor Borrell, che ha concepito questo schema, non ha menzionato la taiga, né la tundra, né le sabbie ardenti dei deserti dell'Asia centrale, quindi penso che dobbiamo correggere questa visione ristretta della creazione”. 

Altro punto di attrito è il sostegno dell’Occidente collettivo al regime di Kiev, utilizzato per avviare una guerra per procura contro la Russia. A tal proposito Lavrov ha evidenziato che l’Ucraina non avrebbe osato prendere la strada della distruzione di "tutto ciò che è russo" senza l'alleanza con Washington. 

"Senza l'impulso diretto degli Stati Uniti, Kiev non avrebbe osato intraprendere la strada della distruzione di tutto ciò che è russo: lingua, istruzione, media, cultura, ortodossia", ha affermato.

Il regime di Kiev “non avrebbe osato sterminare legalmente e fisicamente l'opposizione e attuare apertamente gli ordini nazisti, anche a livello legislativo”. 

Allo stesso tempo, ha osservato che l'Ucraina vuole ricevere garanzie di sicurezza unilaterali dall'Occidente, ma tali tentativi sono inutili.

"I tentativi del regime di Kiev di ottenere qualche tipo di garanzia di sicurezza unilaterale dai suoi padroni occidentali sono inutili. Questo dimostra anche che l'obiettivo è quello di disimpegnare la Russia e la Bielorussia dagli accordi che l'Occidente vuole costruire successivamente nel continente”.

Lavrov ha infine ha ricordato che già nella primavera del 2022 la Russia si era dimostrata pronta a negoziare, ma Washington e Londra hanno ritenuto insufficienti i principi concordati tra Mosca e Kiev. "E gli anglosassoni hanno semplicemente vietato” al regime di Kiev di negoziare. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La partita a scacchi più pericolosa di sempre di Giuseppe Masala La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti