Lavrov: "La Russia non cambia posizione sulle garanzie di sicurezza. Non c'è spazio per un compromesso"

Lavrov: "La Russia non cambia posizione sulle garanzie di sicurezza. Non c'è spazio per un compromesso"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in queste ore sta tenendo una conferenza stampa con 4 stazioni radio russe: Sputnik, Ejo Moskvi, Komsomólskaya Pravda e Govorit Moskvá.

Crediamo che in un clima di tensione e preparazione di una guerra guidata dagli USA, dalla NATO sul territorio europeo, il cui costo dovrò essere pagato dai cittadini italiani e europei tutti, sia importante almeno ascoltare cosa ha da dire quello che i media mainstream considera il nemico da combattere con tutti i mezzi, anche quelli militari.

Il capo della diplomazia russa ha, comunque, ribadito che "la posizione della Nato e degli USA si basa su argomentazioni false, una distorsione diretta dei fatti. La posizione della Russia si basa su quello che le parti hanno firmato", ricordando che il suo paese "non cambia la sua posizione sulle garanzie di sicurezza. Non c'è spazio per un compromesso.

 

"Non vogliamo la guerra"

Allo stesso tempo, il ministro ha sottolineato che "se dipende dalla Russia, non ci sarà la guerra". "Non vogliamo la guerra, ma non permetteremo nemmeno che i nostri interessi siano ignorati ", ha avvertito, precisando che i colloqui con l'Occidente siano finiti. "Abbiamo ricevuto risposte in stile occidentale, che sono oscure", ha aggiunto, commentando quelle ricevute mercoledì scorso dalla NATO e dagli Stati Uniti riguardo le proposte russe per le garanzie di sicurezza.

"Nel contesto del documento NATO, la risposta degli Stati Uniti è quasi un esempio di decenza diplomatica, la risposta della NATO è così ideologica, 'trasuda' così tanto l'unicità dell'Alleanza Atlantica, la sua missione speciale, che mi sono vergognato un po' di coloro che hanno scritto i testi”, ha commentato. 

Inoltre, ha sottolineato che la Russia sta già lavorando a uno studio interdipartimentale sulla risposta di Washington e della NATO alle proposte di Mosca, ricordando le dichiarazioni del presidente russo Vladimir Putin, il quale aveva affermato che se i tentativi della Russia di concordare dei principi falliscono misure di sicurezza reciprocamente accettabili in Europa Mosca adotterà contromisure, che possono essere molto varie , e la decisione sarà presa sulla base di proposte militari.

"Naturalmente, anche altre agenzie saranno coinvolte nella preparazione di queste proposte. Almeno ora c'è uno studio interdipartimentale delle risposte che abbiamo ricevuto da Stati Uniti e NATO. Quasi tutti già ne conoscono il contenuto".

 

L'Occidente "prende" solo ciò che vuole dalle disposizioni dell'OSCE

Allo stesso tempo, Lavrov ha lamentato che l'Occidente "prende" solo ciò che vuole dalle disposizioni dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) sull'indivisibilità della sicurezza. Ha spiegato che nel 2010 ad Astana (ora Nur-Sultan, Kazakistan), e prima ancora, nel 1999, a Istanbul (Turchia), "tutti i presidenti e primi ministri dei paesi dell'OSCE hanno firmato un pacchetto che conteneva principi interconnessi per l'indivisibilità di sicurezza”. "L'Occidente 'prende' un solo slogan da questo pacchetto: ' Ogni Paese ha il diritto di scegliere i suoi alleati, di scegliere le alleanze militari '", ha evidenziato, ricordando che in queste parole "è la condizione e l'obbligo di ogni Paese, a cui gli occidentali hanno aderito.

Il ministro degli Esteri ha rivelato che Mosca intende inviare, oggi, una richiesta ai paesi occidentali sull'adempimento dei loro impegni nell'organizzazione . "Oggi mando una richiesta ufficiale a tutti i miei colleghi con un appello diretto affinché spieghino formalmente come applicheranno nelle attuali condizioni storiche gli impegni che i loro paesi hanno firmato ai massimi livelli".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente