L'Assemblea generale delle Nazioni Unite sospende la Russia dal Consiglio per i diritti umani

L'Assemblea generale delle Nazioni Unite sospende la Russia dal Consiglio per i diritti umani

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La risoluzione è stata approvata con i voti favorevoli di 93 paesi, 24 contrari e 58 astenuti.

Oggi, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani. La mossa segue le accuse contro l'esercito russo di aver ucciso civili nella città ucraina di Bucha, ripetutamente smentite da Mosca.

Per essere approvata, la delibera in materia richiedeva la maggioranza dei due terzi dei voti.

Questo martedì, la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, e la rappresentante permanente degli Stati Uniti presso l'organizzazione internazionale, Linda Thomas-Greenfield, hanno riferito  che Washington stava cercando di sospendere Mosca dal consiglio in relazione alla sua operazione militare in Ucraina. "La Russia non dovrebbe avere una posizione di autorità in quell'organismo, né dovremmo consentire alla Russia di utilizzare il suo seggio nel Consiglio come strumento di propaganda per suggerire che ha legittime preoccupazioni sui diritti umani", ha affermato Thomas-Greenfield.

In cambio, il rappresentante della Russia alle Nazioni Unite, Vasili Nebenzia, ha convocato lunedì una conferenza stampa per presentare la posizione di Mosca sui fatti avvenuti a Bucha, e ha  descritto come "inimmaginabile " il fatto che Washington cerchi di persuadere altri a sospendere il Paese eurasiatico dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ed escluderlo anche da vari forum multilaterali. "Non possiamo credere a ciò che l'Occidente e i suoi alleati stanno attualmente cercando di fare", aveva detto il diplomatico. "Questo fatto non ha precedenti, non faciliterà né aiuterà ciò che sta accadendo tra Russia e Ucraina", aveva ribadito  il diplomatico .

Da parte sua, Stéphane Dujarric, portavoce del direttore generale delle Nazioni Unite António Guterres,  ha affermato  in precedenza che l'espulsione di Mosca dal forum creerebbe "un pericoloso precedente".

  • Il Consiglio per i diritti umani è un  organismo intergovernativo  all'interno del sistema delle Nazioni Unite, composto da 47 Stati e responsabile della loro promozione e protezione in tutto il mondo.
  • La risoluzione, adottata nel marzo 2006 e che ha istituito il Consiglio per i diritti umani, afferma che l'Assemblea generale ha il diritto di sospendere l'adesione di un paese se "commette violazioni gravi e sistematiche dei diritti umani".
  • L'unica volta in cui l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha sospeso l'appartenenza di uno Stato al Consiglio è stato nel 2011, quando si è discusso della partecipazione della Libia, in risposta alle presunte violenze del governo di Muammar Gheddafi contro i manifestanti in quel Paese africano. All’epoca, Mosca sostenuto la sospensione.
  • Il Consiglio per i diritti umani è stato oggetto di varie critiche. Così, nel 2018, l'allora ambasciatrice degli Stati Uniti all'ONU, Nikky Haley,  definì  l'organizzazione "ipocrita" per le sue "ingiuste critiche" a Israele e annunciò che Washington avrebbe posto fine alla sua adesione, anche se in seguito ha  cambiato la sua  decisione di adesione.
  • Tra il 2017 e il 2019 la Russia non ha fatto parte del Consiglio. Ciò è dovuto al fatto che ha perso le elezioni, che si sono svolte nell'ottobre 2016. In quel momento ottenne 112 voti e fu superata da Ungheria e Croazia, rispettivamente con 144 e 114 voti.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump di Francesco Santoianni USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump

USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti