L'asse Russia-Cina-Arabia Saudita minaccia il dollaro e il dominio USA

L'asse Russia-Cina-Arabia Saudita minaccia il dollaro e il dominio USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Editoriale apparso sul "The Dallas Morning News" con il titolo "The United States must blow up the new oil axis China-Russia-Saudi Arabia" [Gli Stati Uniti devono far saltare in aria il nuovo asse petrolifero Cina-Russia-Arabia Saudita]

-------------

Ambasciatore Michael Gfoeller (ex consulente politico dell'US Central Command e ex vice capo missione presso l'ambasciata Usa a  Riyadh in Saudi Arabia).

David H. Rundell (Ex capo missione presso l'ambasciata USA a Riyadh)

L'economia mondiale è ancora alimentata dal petrolio. Fornisce un terzo di tutta l'energia globale e oltre il 90% dell'energia necessaria per i trasporti. L'energia a basso costo guida la crescita economica, mentre l'aumento dei prezzi del petrolio agisce come una tassa regressiva su tutto e tutti.

Le Guerre si combattono e le elezioni si vincono o si perdono per i giacimenti petroliferi e per i gasdotti. Di conseguenza, l'emergere di un nuovo asse petrolifero è strategicamente importante e influirà sulla geopolitica, sul sistema finanziario globale e sull'ambiente.

La Cina è il più grande importatore di petrolio al mondo ed è sulla buona strada per diventare la più grande economia mondiale. Nonostante nel 2020 siano state costruite più centrali elettriche a carbone rispetto al resto del mondo messo insieme, il consumo di petrolio della Cina continua a crescere.

D'altra parte, Russia e Arabia Saudita sono i due maggiori esportatori di petrolio al mondo. Sono i maggiori fornitori della Cina ed entrambi stanno pianificando di aumentare le loro esportazioni di petrolio. L'asse energetico emerso tra Pechino, Mosca e Riyadh si basa dunque su solidi interessi economici e ha iniziato a sviluppare una sua componente politica.

Nel 2014, l'Occidente ha imposto sanzioni economiche alla Russia per l'annessione della Crimea. Un risultato molto prevedibile è stato il forte aumento della cooperazione economica sino-russa, soprattutto nel campo delle esportazioni di energia. Il gasdotto Power of Siberia - diventato operativo nel 2019 - trasporta ogni anno circa 38 miliardi di piedi cubi di gas russo in Cina. 

Alle Olimpiadi invernali di quest'anno, i presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping hanno annunciato che le esportazioni di gas russo in Cina aumenteranno presto del 25%, mentre le esportazioni di petrolio aumenteranno del 12,5%.

Putin e Xi hanno anche dimostrato un nuovo livello di cooperazione politica, dichiarando che "l'amicizia tra Russia e Cina non conosce confini". Ciò rappresenta una grande rottura con la tradizionale politica cinese, Xi ha sostenuto Putin nel suo confronto con gli Stati Uniti sull'Ucraina rilasciando una dichiarazione di opposizione a qualsiasi ulteriore allargamento della NATO. Da questo possiamo dedurre che è probabile che sia le questioni economiche che quelle politiche spingano Russia e Cina verso una più stretta cooperazione.

Durante la Guerra Fredda, l'Arabia Saudita - il guardiano delle città sante de la Mecca e di Medina - rimase ferma con l'Occidente e negò le relazioni diplomatiche con gli atei di Mosca e Pechino. I tempi però sono cambiati.

La Cina, non gli Stati Uniti, è ora il più grande partner commerciale dell'Arabia Saudita e il più grande cliente di Aramco. L'anno scorso, le esportazioni di petrolio dell'Arabia Saudita in Cina hanno persino superato quelle della Russia. Mentre gli Stati Uniti forniscono ancora la maggior parte dell'equipaggiamento militare dell'Arabia Saudita, è la Cina che ha fornito missili balistici e la tecnologia per produrli localmente.

Uno dei risultati più importanti di Re Salman è stato quello di creare nuovi livelli di cooperazione con Mosca, soprattutto nei mercati petroliferi. Da novembre 2016, Arabia Saudita e Russia guidano l'alleanza dei produttori di petrolio nota come OPEC Plus. Essendo Russia e Arabia Saudita i due membri con la maggior produzione e capacità inutilizzata hanno spesso collaborato per influenzare i prezzi del petrolio. Quindi, nell'agosto dello scorso anno, Riyadh ha firmato un importante accordo di cooperazione militare con Mosca, che ora sta aiutando a sviluppare le capacità dei droni sauditi.

Il ruolo del Dollaro come valuta di riserva globale consente a Washington di correre con disavanzi di bilancio cronici, fiduciosi nella consapevolezza che può facilmente prendere in prestito. Per decenni, l'impegno dell'Arabia Saudita e dei suoi alleati nel Golfo Persico di prezzare le esportazioni di petrolio in dollari ha sostenuto la posizione privilegiata del dollaro. Se il più grande esportatore e consumatore di petrolio del mondo decidesse di agire diversamente, potrebbe minare il dominio degli Stati Uniti sui mercati finanziari globali.

Russia e Cina non hanno nascosto il loro desiderio di sostituire il dollaro e stanno già valutando più della metà delle loro transazioni energetiche in altre valute. L'Arabia Saudita può unirsi a loro? 

Per decenni, gli Stati Uniti sono stati la principale potenza militare straniera in Medio Oriente. Lo sono ancora. Ma la Russia ora ha una presenza militare in Libia e Siria. La Cina ha costruito una base navale alla foce del Mar Rosso [A Gibuti] e ha un importante porto in Pakistan.

L'Arabia Saudita peraltro si sente minacciata dal coinvolgimento iraniano in Yemen, Siria e Iraq. Il rapido crollo del governo afghano ha spinto i sauditi e gli altri stati del Golfo a mettere in discussione l'affidabilità delle garanzie di sicurezza statunitensi: una paura che Mosca e Pechino sperano di sfruttare. Mentre si avvicinano economicamente alla Russia e alla Cina e sono sempre più insicuri dell'America politicamente, gli stati del Golfo stanno cercando di non schierarsi nella prossima Guerra Fredda.

La domanda di petrolio sta tornando ai livelli pre-COVID-19 e, secondo l'Agenzia internazionale per l'energia, è probabile che aumenterà nel corso di questo decennio. Tuttavia, l'aumento delle tasse, dei regolamenti, la cancellazione degli oleodotti e la pressione sociale riducono tutti gli investimenti e quindi la fornitura di petrolio. L'America non è più dipendente dall'energia. La transizione dagli idrocarburi richiederà tempo e non è chiaro se l'aumento dei prezzi della benzina incoraggerà o ritarderà tale cambiamento.

Quando il presidente Joe Biden e il direttore del Consiglio di sicurezza nazionale per il Medio Oriente, Brett McGurk, hanno recentemente chiesto ai sauditi di rompere il loro accordo con la Russia e pompare più petrolio, gli è stato educatamente negato. Se vogliamo abbassare i prezzi della benzina e preservare il ruolo del dollaro, dovremmo porre fine alla guerra agli idrocarburi e migliorare le nostre relazioni con l'Arabia Saudita.

Al momento non facciamo nessuna delle due cose. 

(Traduzione di Giuseppe Masala)

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO