La visita di Xi Jinping in Francia per il futuro delle relazioni internazionali

La visita di Xi Jinping in Francia per il futuro delle relazioni internazionali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Presidente Xi Jinping è arrivato ieri a Parigi in un significativo gesto diplomatico volto a rafforzare i legami con i principali partner europei della Cina, un viaggio ampiamente atteso per riaffermare e solidificare legami robusti mentre si gestiscono meglio le differenze, evidenziano i media cinesi.

Xi e sua moglie, Peng Liyuan, sono stati accolti dal Primo Ministro francese Gabriel Attal al loro arrivo all'aeroporto di Parigi Orly, in una cerimonia che includeva una guardia d'onore e un tappeto rosso. La visita storica, la terza di Xi dopo quelle del 2014 e del 2019, è avvenuta mentre le due nazioni celebrano il 60º anniversario delle relazioni diplomatiche quest'anno.

Nel discorso scritto pronunciato all'aeroporto, Xi ha osservato che i legami tra Cina e Francia sono sempre stati all'avanguardia delle relazioni diplomatiche della Cina con i paesi occidentali, elogiando i due paesi per aver dato l'esempio di convivenza pacifica e cooperazione vantaggiosa tra paesi con sistemi sociali differenti.

Ha sottolineato di sperare che la visita possa presentare un'opportunità per entrambe le nazioni di consolidare la loro amicizia tradizionale, costruire una reciproca fiducia politica, forgiare consensi strategici e approfondire gli scambi e la cooperazione in vari settori.

Le due nazioni dovrebbero "illuminare il cammino avanti con la torcia della storia, lavorare per un futuro ancora migliore delle relazioni Cina-Francia e dare nuovi contributi alla pace, alla stabilità e allo sviluppo globale", le parole del leader cinese

Xi e il Presidente francese Emmanuel Macron, sono pronti a scambiarsi opinioni sui legami bilaterali, sulle relazioni tra la Cina e l'Unione Europea e sulle principali questioni globali e regionali, e i due capi di stato si incontreranno al di fuori di Parigi per ulteriori interazioni approfondite.

Il viaggio di sei giorni del presidente cinese in Europa - il suo primo tour all'estero quest'anno - includerà anche incontri chiave con i leader di Serbia e Ungheria.

Alcuni analisti hanno sottolineato il ruolo importante di una collaborazione più stretta su questioni strategiche tra Cina e Francia nel garantire la stabilità dei legami tra Cina e UE e nel risolvere le sfide globali in futuro.

Feng Zhongping, direttore dell'Istituto di Studi Europei dell'Accademia Cinese delle Scienze Sociali, ha dichiarato che la diplomazia tra capi di Stato ha avuto un ruolo fondamentale nel guidare i legami tra Pechino e Parigi, che sono a lungo stati all'avanguardia delle relazioni della Cina con i paesi occidentali.

"Gli incontri personali frequenti tra Xi e Macron hanno tracciato la strada per le relazioni bilaterali e il dialogo strategico" tra i due leader durante il viaggio "aprirà la strada a un livello superiore di fiducia e cooperazione reciproca".

Nel frattempo, un partenariato strategico comprensivo più solido e robusto tra Cina e Francia consentirà una migliore risposta alle sfide globali come il cambiamento climatico, sostiene Feng.

"Questo tour ha una particolare importanza, poiché avviene in un momento di dinamiche internazionali complesse, in cui le sfide globali e geopolitiche richiedono la collaborazione tra Cina e Europa per difendere e praticare un vero multilateralismo", ha aggiunto.

Jin Ling, ricercatrice di studi europei presso l'Istituto Cinese di Studi Internazionali, ha detto che una maggiore certezza nelle relazioni tra Pechino e Parigi aggiungerà maggiore certezza ai legami tra Cina e UE.

"La Francia ha una lunga tradizione di autonomia strategica in Europa, e questa autonomia è stato uno dei fattori chiave per un'amicizia profonda con la Cina", ha detto.

Nonostante le differenze tra Pechino e Bruxelles, sede dell'UE, entrambi si oppongono allo scorporo e alla rottura delle catene di approvvigionamento, mentre sostengono la risoluzione multilaterale delle questioni globali, ha detto.

Il viaggio di Xi in Serbia e Ungheria, due dei partner di lunga data della Cina in Europa, è atteso con ansia anche dai leader di entrambi i paesi.

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha espresso grandi aspettative per il viaggio durante un'intervista recente. "Personalmente, sono molto lieto di vedere e ospitare il Presidente Xi. È un grande leader e un grande amico della Serbia, e ci consideriamo anche noi un grande amico della Cina", riporta China Daily.

"Io credo che abbiamo molti denominatori comuni nella nostra cooperazione e collaborazione, e continueremo con questo", ha aggiunto Vucic.

I legami indissolubili tra Cina e Serbia sono sostenuti da robuste relazioni economiche e commerciali: il volume degli scambi bilaterali tra Cina e Serbia è aumentato di otto volte nell'ultimo decennio, e la Cina ha mantenuto la sua posizione di secondo maggior partner commerciale della Serbia per diversi anni.

Feng, direttore dell'Istituto di Studi Europei, ha detto che c'è un enorme potenziale per costruire legami tra persone tra Cina e Serbia, con entrambe le nazioni che condividono un forte senso di affinità culturale l'una con l'altra.

Peter Szijjarto, ministro degli Esteri e del Commercio dell'Ungheria, ha detto in una recente intervista con la televisione centrale cinese che è un "grande onore" per il suo paese ospitare il presidente cinese in occasione del 75º anniversario dell'instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Pechino e Budapest.

"La nostra aspettativa è che stiamo entrando in un nuovo capitolo in questa relazione attraverso questa visita", ha affermato, aggiungendo che il governo ungherese ha già proposto progetti infrastrutturali congiunti con la Cina nell'ambito dell'iniziativa Belt and Road.

L'Ungheria è diventata una delle principali destinazioni per i produttori cinesi di veicoli elettrici e fornitori di EV, con BYD, Nio, CATL e Eve Energy che hanno già effettuato investimenti significativi nel paese.

Feng ha dichiarato che per la Cina, "rafforzare i legami con l'Ungheria, un membro dell'UE, contribuirà a chiarire i fraintendimenti di Bruxelles e a rafforzare la fiducia reciproca con gli altri membri dell'UE".

Per l'Ungheria, il potenziamento della cooperazione con la Cina si è già dimostrato gratificante e aiuterà la nazione a continuare a stimolare la sua crescita economica e migliorare la creazione di posti di lavoro, ha aggiunto.

La visita di Xi in Francia arriva in un momento in cui quest'anno si celebra il 60º anniversario dell'instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Cina e Francia. Gli analisti ritengono che la visita rafforzerà gli scambi di leadership, rafforzerà la fiducia politica e offrirà un'opportunità per le relazioni Cina-Europa di progredire in modo stabile e costante.

"Il Presidente Xi avrà comunicazioni strategiche complete e approfondite con il Presidente francese Emmanuel Macron sulle relazioni Cina-Francia e Cina-Europa, incoraggerà la Francia a difendere l'autonomia strategica e l'apertura nella cooperazione, per guidare l'Europa a formare una comprensione più indipendente, obiettiva e amichevole della Cina e resistere alle tendenze negative come 'de-risking' e 'ridotta dipendenza' dalla Cina", ha affermato l'ambasciatore cinese in Francia Lu Shaye in una conferenza stampa il 29 aprile dopo che la Cina ha annunciato la visita.

Pierre Picquart, esperto di geopolitica e geografia umana dell'Università di Parigi-VIII, ha detto al Global Times che la visita di Xi è significativa su tre livelli.

"Sul fronte economico, questo viaggio potrebbe spianare la strada per raggiungere accordi commerciali e promuovere investimenti reciprocamente vantaggiosi in settori chiave come la tecnologia, l'innovazione, l'energia e l'infrastruttura. Dal punto di vista diplomatico, questa visita fornisce una piattaforma ideale per rafforzare il coordinamento e la collaborazione tra Cina e Francia su sfide globali importanti come il cambiamento climatico, la sicurezza internazionale e la salute pubblica. A livello culturale ed educativo, questo viaggio potrebbe aprire nuove opportunità di cooperazione nei settori dell'istruzione, della ricerca e della cultura, rafforzando così gli scambi tra i nostri popoli e approfondendone la reciproca comprensione", ha detto Picquart.

Eventi commemorativi

Le bandiere nazionali di Cina e Francia sono state issate ad un'estremità dell'Avenue des Champs-Élysées così come sulla strada di fronte agli Invalides.

Domenica pomeriggio, vicino all'Arco di Trionfo nel centro di Parigi, molti residenti cinesi locali e studenti cinesi sventolavano le bandiere nazionali di Cina e Francia per dare il benvenuto al Presidente Xi. I banner rossi con la scritta "Viva l'amicizia Cina-Francia" e "Auguriamo al Presidente Xi una visita di successo in Francia" erano molto appariscenti. Alcuni hanno anche messo in scena danze di draghi e leoni per creare un'atmosfera gioiosa.

Prima della visita di Xi, sono stati organizzati diversi eventi in preparazione della visita di Xi e per commemorare il 60º anniversario dell'instaurazione delle relazioni diplomatiche tra Cina e Francia.

Il Secondo Forum sulla Governance Globale Cina-Francia è stato organizzato giovedì dall'Accademia di Studi Contemporanei sulla Cina e il Mondo e dall'Iniziativa Globale Cina-Europa-America. Sotto il tema "Approfondimento delle riforme della governance globale, costruzione congiunta del futuro del multilateralismo", il forum ha invitato più di 100 studiosi cinesi e francesi a condividere le loro opinioni sul ruolo di Cina e Francia nella costruzione di un mondo più giusto.

Pascal Boniface, direttore dell'Istituto per gli Affari Internazionali e Strategici di Parigi, ha dichiarato al Global Times durante l'evento, sperando che la visita di Xi possa affrontare questioni come la preservazione del multilateralismo, poiché "siamo in un momento in cui abbiamo la guerra tra Russia e Ucraina, la guerra a Gaza e molti tumultuosi avvenimenti in Medio Oriente".

Venerdì, è stato organizzato un simposio sul tema "Scambi e apprendimento reciproco tra le civiltà cinese e francese: revisione e prospettiva", promosso dall'Accademia Cinese delle Scienze Sociali (CASS) di Pechino e dall'Istituto Nazionale delle Lingue e Civiltà Orientali di Parigi. Circa 100 ricercatori dei due paesi hanno discusso sulla pratica degli scambi interculturali tra Cina e Francia e sull'innovazione scientifica e tecnologica e il futuro della civiltà.

Antoine Broussy, direttore della Fondazione Charles de Gaulle, ha detto al Global Times che molte commemorazioni si stanno svolgendo a Parigi.

Ricerca di interessi comuni

Sessanta anni fa, la Francia divenne il primo paese occidentale a stabilire relazioni diplomatiche con la Cina. Broussy crede che sia stato "il risultato di un'analisi razionale della situazione geopolitica dell'epoca". Il presidente francese all'epoca, il Generale Charles De Gaulle, che prese la decisione, era un forte sostenitore dell'"autonomia strategica" della Francia. Oggi, la richiesta della Francia di "autonomia strategica" sia della Francia che dell'Europa è stata ripetutamente formulata dal presidente francese Macron.

Durante la copresidenza del 25° Dialogo Strategico Cina-Francia a Parigi lo scorso febbraio insieme al Consigliere diplomatico del presidente francese Emmanuel Bonne, Wang Yi, Membro del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese (CPC) e Direttore dell'Ufficio della Commissione Centrale per gli Affari Esteri, ha detto che la Cina sostiene l'Europa nel rafforzare la sua autonomia strategica e nel tenere il suo futuro nelle proprie mani.

Tuttavia, l'"autonomia strategica" dell'Europa è raramente stata sostenuta da Washington. Durante la visita di Macron in Cina lo scorso anno quando ha avvertito l'Europa di non essere trascinata in un conflitto tra gli Stati Uniti e la Cina su Taiwan, la rivista statunitense Foreign Policy ha definito l'autonomia strategica "un sogno francese".

He Zhigao, ricercatore dell'Istituto di Studi Europei della CASS, ha detto al Global Times che gli Stati Uniti vogliono mantenere sotto stretto controllo l'Europa per legarla al campo occidentale guidato da Washington.

"Se l'Europa considera la Cina da una prospettiva globale che potrebbe beneficiare il mondo, allora la Cina è un'opportunità. Ma se si schiera con gli Stati Uniti, allora la Cina deve essere una sfida", ha detto He, aggiungendo che il coinvolgimento della Cina con l'Europa è per lo sviluppo comune.

Entro il 2021, la Cina è stata il paese asiatico più grande in termini di investimenti e creazione di posti di lavoro in Francia per tre anni consecutivi, secondo un rapporto di Business France. Gli scambi tra Cina e Francia nei settori core come l'aerospaziale, l'energia nucleare e il commercio hanno già ottenuto risultati fruttuosi, e lo sviluppo di settori emergenti come le nuove energie e l'economia digitale potrebbero diventare nuovi motori di crescita.

Sun Keqin, ricercatore presso gli Istituti Cinesi di Relazioni Internazionali Contemporanee, ha detto al Global Times che la Francia considera anche la Cina come una forza esterna importante per raggiungere l'autonomia strategica, poiché la Francia ha un'altra ambizione di rafforzare il leadership della Francia in Europa.

Xin Hua, direttore e professore ordinario del Centro per gli Studi dell'Unione Europea dell'Università Internazionale di Studi di Shanghai, crede che le relazioni Cina-Francia servano da pietra angolare delle relazioni Cina-Europa.

"La Francia è uno dei membri core più importanti dell'UE e le sue orientazioni strategiche giocano un ruolo decisivo nel processo di integrazione dell'UE e nel modello strategico e di sicurezza del continente europeo. Finché la Cina e la Francia mantengono un'interazione positiva, le relazioni Cina-Europa rimarranno stabili", ha detto Xin.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti