La Turchia sviluppa i propri siluri leggeri in sostituzione degli MK46 statunitensi

La Turchia sviluppa i propri siluri leggeri in sostituzione degli MK46 statunitensi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le recenti sanzioni imposte dagli Stati Uniti alla Turchia non sembrano al momento aver sortito un particolare effetto negativo su Ankara. 

Come scrive il quotidiano Daily Sabah l’industria della difesa turca, che ha avuto un 2020 produttivo, punta a chiudere l'anno alla grande, annunciando molti altri nuovi progetti.

Il presidente della Presidenza delle industrie della difesa (SSB) Ismail Demir ha annunciato domenica il lancio di un progetto di sviluppo di siluri da 324 millimetri per soddisfare le esigenze della marina turca di siluri leggeri (LWT).

Il capo delle SSB ha detto che il siluro sarà progettato e prodotto dall'appaltatore della difesa Roketsan con il nome del progetto, Orka. Il gigante della difesa Aselsan sarà un subappaltatore nel progetto.

"Stiamo vivendo l'emozione di un nuovo progetto negli ultimi giorni del 2020”, ha rivelato Demir su Twitter.

Roketsan ha anche condiviso una dichiarazione sull'account Twitter della società, dicendo che il progetto Orka è stato lanciato sotto la guida di SSB, per garantire la sicurezza della "Patria Blu", l'area che fa parte delle rivendicazioni territoriali di Ankara nel Mediterraneo orientale.

Il progetto eliminerà la dipendenza esterna della Turchia dai siluri e in particolare dagli LWT. Il siluro sviluppato localmente può sostituire l'MK46 fabbricato negli Stati Uniti, un siluro da guerra anti-sommergibile leggero e l'MK54 LWT.

Orka supporterà diverse piattaforme, inclusi elicotteri e velivoli da pattugliamento navale inizialmente, e veicoli aerei senza pilota (UAV) in futuro.

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra