La Turchia contro la Francia che ha schierato caccia Rafale nell'area amministrativa greco-cipriota

La Turchia contro la Francia che ha schierato caccia Rafale nell'area amministrativa greco-cipriota

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Resta alta la tensione nel mediterraneo orientale. Dove oltre che nei confronti della Grecia, la Turchia protesta vibratamente contro la Francia. 

 

La presenza di caccia da combattimento Rafale francesi nell'area dell'amministrazione greco-cipriota è contraria ai Trattati del 1960, ha affermato nella giornata di mercoledì il portavoce del ministero degli Esteri di Ankara.

 

Parigi ha schierato a Cipro due caccia Rafale e una fregata navale Lafayette. Il presidente francese Emmanuel Macron ha twittato in francese: "Ho deciso di rafforzare temporaneamente la presenza militare francese nel Mediterraneo orientale nei prossimi giorni in collaborazione con i partner europei, Grecia compresa".

 

“L’arrivo dei caccia militari francesi presso l'amministrazione greco-cipriota con il pretesto di un'esercitazione condotta con Grecia e Italia, e il dispiegamento temporaneo o permanente di questi aerei sull'isola è contro i trattati del 1960", Hami Aksoy ha affermato in una dichiarazione. 

 

Aksoy ha affermato che con questo atteggiamento la Francia, che non è il garante dell'isola di Cipro, incoraggia pericolosamente l'amministrazione greco-cipriota e la Grecia, responsabili delle attuali tensioni nel Mediterraneo orientale, ad intensificare ulteriormente le tensioni.

 

Ha ribadito che ogni tentativo di escludere la Turchia e i turco-ciprioti nel Mediterraneo orientale sarà neutralizzato.

 

Il ministro della Difesa francese Florence Parly e il ministro della Difesa greco Nikos Panagiotopoulos hanno annunciato che l'amministrazione greco-cipriota, Grecia, Francia e Italia hanno lanciato un'esercitazione navale e aerea nell'area che si svolgerà dal 26 agosto al 28 agosto.

 

La Turchia, e più tardi la Grecia, hanno inviato allarmi contrastanti sull'esplorazione energetica e sulle esercitazioni militari nel Mediterraneo.

 

La Grecia ha contestato l'attuale esplorazione energetica della Turchia nel Mediterraneo orientale, cercando di fermare Ankara nel territorio marittimo turco basato su piccole isole vicino alla costa turca.

 

La Turchia, il paese con la costa più lunga del Mediterraneo, ha dispiegato navi di perforazione per esplorare l'energia sulla sua piattaforma continentale, affermando che sia essa che la Repubblica turca di Cipro del Nord (TRNC) hanno diritti nella regione. Il dialogo per un'equa condivisione di queste risorse sarebbe vantaggioso per tutte le parti, affermano dalla Turchia.

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti