La scala mobile dei banchieri

La scala mobile dei banchieri

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La Banca Centrale Europea ha deciso di alzare di 50 punti il tasso di sconto, cioè di aumentare in proporzione i guadagni di banche e finanza a danno di tutto il resto dell’economia. 

È la scala mobile dei banchieri che, mentre si indignano se i lavoratori chiedono di indicizzare i salari per tenerli al passo dell’inflazione, applicano  ai propri guadagni un rigido meccanismo automatico di rivalutazione. 

C’è però un elemento di follia che si aggiunge a questa scelta di ottuso liberismo finanziario.

Di solito le strette finanziarie si sono fatte quando l’economia era in crescita, ora invece tutta l’Europa sta entrando in recessione per la guerra. 

Quindi l’aumento del prezzo del danaro, il fatto che le banche strozzeranno il credito, precipitano su un sistema produttivo che già comincia a fermarsi. 

Avremo quindi crisi su crisi, tanti disoccupati in più e tanti nuovi tagli ai servizi sociali. Insomma sarà ancora peggio per lavoratori e poveri in tutta Europa. E ancora più in Italia, ove non a caso la Borsa è crollata di più e lo spread è balzato in alto.

Il governo Meloni ha balbettato qualche disappunto, ma dovrà solo ubbidire ai vincoli dell’austerità, come ha già fatto con questa finanziaria. 

Certo sarà ancora più complicato licenziare dal reddito di cittadinanza, tra qualche mese, seicentomila persone , affermando che possono trovare lavoro. Avremo centinaia di migliaia di nuovi disoccupati che si aggiungeranno ai tre milioni che già ci sono oggi, allora che lavoro troveranno quelli senza reddito?

Nessuno. 

Si chiudono gli ospedali per sostenere i profitti della finanza e naturalmente continuare a spendere miliardi in armi . E tutto questo viene chiamato rigore economico, mentre le valige di soldi del Qatar mostrano che il rigore vero quello che servirebbe, nella UE non c’è.

Giorgio Cremaschi

Giorgio Cremaschi

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti