"La Russia non è nostro nemico". Interviste ai partecipanti del XV Forum euroasiatico di Verona

"La Russia non è nostro nemico". Interviste ai partecipanti del XV Forum euroasiatico di Verona

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



“Purtroppo si parla tanto di energia intesa solo come elemento di ricatto” afferma Demostenes Floros, esperto in politica estera e mercati dell’energia, intervistato nell’ambito della quindicesima edizione del Verona Eurasian Economic Forum; “ma l’energia”, continua Floros, “non è analizzabile solo come elemento di ricatto, di guerra o di escalation. L’energia è anche una possibilità per poter cooperare e portare a una sorta di de-escalation nel conflitto in corso”. 

Di questo e di altri temi a cavallo tra pace, mediazione ed economia si è discusso durante il forum che, a causa delle sanzioni alla Federazione Russa, quest’anno, per la prima volta, anziché tenersi nella città scaligera, ha avuto luogo sulle rive del mar Caspio, nella capitale azera di Baku. 

La scelta della location non è stata casuale, se si pensa che l’Azerbaijan, negli anni, ha potuto vantare una politica di cooperazione tra paesi geopoliticamente diversi, preservando, complessivamente, una posizione di equilibrio, anche in questi mesi di forti tensioni e conflittualità tra nazioni che assumono posizioni militarmente e politicamente contrapposte. 

Nella due giorni, organizzata dall’associazione “Conoscere Eurasia”, autorità del mondo politico ed economico, provenienti da oltre trenta paesi diversi, si sono incontrate per riflettere insieme sul presente e sul futuro di un mondo multipolare, che sappia mettere l’uomo al centro dell’interesse comune, con superamento del sistema liberista, che tanta sofferenza continua a portare ai popoli e al pianeta.

Dunque, un forum all’interno del quale autorità e rappresentanti di varie aree del mondo si sono confrontati in una logica di dialogo, pace e tolleranza: “basta aprire la porta d’Europa, che è una porzione minuscola del Mondo, e andare fuori, per trovare una molteplicità di opinioni, civiltà e culture profonde e radicate” ha infatti affermato il fotoreporter Giorgio Bianchi, tra gli ospiti del forum, incarnando, con queste parole, lo spirito di cooperazione e apertura al confronto, emersi durante le sessioni e i dibattiti tra relatori.

Oltre a Giorgio Bianchi e a Demostenes Floros, tra gli ospiti italiani presenti, Fabio Massimo Parenti, professore alla China Foreign Affairs University, Mario Pietri, imprenditore e vicepresidente di Confimpresa e il senatore Vito Petrocelli che con coraggio, negli scorsi mesi, in veste di presidente della Commissione Esteri al Senato, si è opposto all’escalation bellica, schierandosi per lo stop all’invio di armi in Ucraina.

Il loro punto di vista sui temi trattati durante l’evento tenutosi lo scorso 27 e 28 ottobre:


Sara Reginella

Sara Reginella

Psicologa a indirizzo clinico e giuridico, psicoterapeuta, regista e autrice di reportage di guerra. I suoi lavori integrano l’interesse per le dinamiche psicologiche con l’attenzione per l’attualità e uno sguardo che mai dimentica le frange socialmente più vulnerabili.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti