La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Consiglio di osservare questo video amatoriale.
 
 
 
Non conosco la persona che l'ha girato, che ad un certo punto inquadra persino il proprio volto.
 
Non è difficile però risalire al fatto che l'autore del video, così come il canale a cui è legato, provenga dalla galassia neo-fascista.
 
Tuttavia questo filmato dà a coloro che non erano presenti alla scena la possibilità di cogliere alcuni elementi difficilmente sondabili per chi non fosse lì di persona.
 
La video-camera infatti si avvicina da lontano alla scena dell'assalto alla sede della CGIL, passando attraverso diversi strati del corteo.
 
All'inizio si vede benissimo che i manifestanti sono famiglie, persone di una certa età, che camminano tranquillamente scandendo "venduti", riempiendo interamente la via e il piazzale antistante la sede della CGIL.
 
Nel frattempo la persona che sta girando il filmato si infila tra i manifestanti, li sopravanza, passando a fianco anche ad un gruppo di poliziotti a passeggio e raggiunge l'ingresso della sede.
 
Mentre cammina commenta con soddisfazione e consapevolezza ciò che sta accadendo, quasi come se fosse davvero una cosa pensata e non spontanea.
 
Quando è ormai sulla soglia della sede, lo strato di manifestanti cambia, non sono più manifestanti, sono militanti fascisti, alcuni si fanno da parte e lo lasciano entrare.
 
Traggo queste osservazioni:
 
1) la rabbia l'hanno portata i lavoratori non organizzati, ma che sempre lavoratori restano.
 
2) c'è stata una fine regia per convogliare un pezzo del corteo verso la sede CGIL e in Questura ne saranno stati per lo meno al corrente.
 
3) qualcuno dei presenti, singolarmente, si è opposto alle spranghe (di plastica), ma tutta la piazza ha continuato a cantare "venduti, venduti" durante tutto l'assalto.
 
Come direbbe Esopo, la favola insegna che:
 
i fascisti hanno sfregiato con la loro presenza un'azione che la piazza ha rivendicato e che i lavoratori hanno dimostrato di condividere, quindi la prossima volta il posto di una sinistra rivoluzionaria sta in testa a quel cazzo di corteo, a prendere a calci Fiore e quegli altri 4 sfigati, non chiusa in quel palazzo a dare della "gentaglia fascista" ai lavoratori che stanno fuori.
 
E anziché le spranghe, vorrei vedere bandiere rosse e barattoli di vernice. Ma non si può tacciare di fascismo i cittadini che intendano occupare la sede della CGIL oggi, dopo le porcherie fatte in questi mesi.
 
Mentre chi ha il cuore debole ed è sentimentalmente legato alla bandiera della CGIL, si metta in testa che con i buoni sentimenti, a differenza loro, il popolo non mangia.

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti