La partita finale della NATO sembra essere la guerra nucleare

La partita finale della NATO sembra essere la guerra nucleare

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Chris Wright* - CommonDreams

È davvero sconcertante che milioni di persone non stiano protestando nelle strade ogni giorno per attenuare la crisi tra la Russia e l'Occidente e riportare la civiltà indietro dal baratro.

Il mondo si trova nel momento più pericoloso dalla crisi dei missili di Cuba del 1962. Allora, però, la paura della distruzione totale consumava l'opinione pubblica; oggi, pochi sembrano essere consapevoli di questa possibilità.

È facilmente immaginabile che possa scoppiare una guerra nucleare tra la Russia (e forse la Cina) e l'Occidente, eppure i politici continuano a inasprire le tensioni, a mettere centinaia di migliaia di truppe in "stato di massima allerta" e ad attaccare obiettivi militari all'interno della Russia, mentre i cittadini comuni continuano allegramente la loro vita.

La situazione è senza paragoni nella storia.

Dato che l'uso di testate nucleari da parte della Russia potrebbe far precipitare una risposta nucleare da parte dell'Occidente, il destino dell'umanità è appeso alla moderazione e alla razionalità di un uomo, Putin, che viene costantemente dipinto dai media e dai politici occidentali come un mostro irrazionale e assetato di sangue.

Consideriamo i seguenti fatti. Un'alleanza militare ostile, che ora comprende anche Svezia e Finlandia, è ai confini della Russia. Come dovrebbero reagire i leader russi, il cui Paese è stato quasi distrutto dall'invasione occidentale per due volte nel XX secolo? Come reagirebbe Washington se il Messico o il Canada facessero parte di un'alleanza militare enorme, espansionistica e altamente belligerante, contraria agli Stati Uniti?

Come se l'espansione della NATO all'Europa orientale non fosse già abbastanza provocatoria, nel 2014 Washington ha iniziato a inviare all'Ucraina aiuti militari per miliardi di dollari, per "migliorare l'interoperabilità con la NATO", secondo le parole del Dipartimento della Difesa. Perché questo coinvolgimento dell'Occidente in Ucraina, che, come ha sostenuto Barack Obama quando era presidente, è "un interesse centrale della Russia ma non dell'America"? Una ragione è stata fornita dal senatore Lindsey Graham (R.C.) in un recente momento di sorprendente franchezza televisiva: L'Ucraina è "seduta su 10-12 trilioni di dollari di minerali critici... Non voglio dare quei soldi e quei beni a Putin per condividerli con la Cina".

Come ha riportato il Washington Post: "L'Ucraina ospita alcune delle più grandi riserve al mondo di titanio e minerale di ferro, giacimenti di litio non sfruttati e massicci depositi di carbone. Collettivamente, hanno un valore di decine di trilioni di dollari". L'Ucraina possiede anche colossali riserve di gas naturale e petrolio, oltre a neon, nichel, berillio e altri metalli rari critici. Per la leadership della NATO, la Russia e, in particolare, la Cina non possono avere accesso a queste risorse. La guerra in Ucraina deve quindi continuare a tempo indeterminato e i negoziati con la Russia non devono essere portati avanti.

Nel frattempo, mentre l'Ucraina veniva integrata di fatto nella NATO negli anni precedenti al 2022, gli Stati Uniti hanno messo in funzione un sito anti-missili balistici in Romania nel 2016. Come nota Benjamin Abelow in Come l'Occidente ha portato la guerra in Ucraina, i lanciamissili che il sistema ABM utilizza possono ospitare armi offensive a testata nucleare come i missili da crociera Tomahawk. "I Tomahawk", sottolinea, "hanno una gittata di 1.500 miglia, possono colpire Mosca e altri obiettivi nelle profondità della Russia e possono trasportare testate di bombe all'idrogeno con rese selezionabili fino a 150 chilotoni, circa 10 volte quelle della bomba atomica che distrusse Hiroshima". La Polonia vanta ora un sito ABM simile.

Le assicurazioni degli Stati Uniti che queste basi antimissile sono di natura difensiva, per proteggersi da un attacco (incredibilmente improbabile) da parte dell'Iran, difficilmente possono rassicurare la Russia, vista la capacità dei lanciamissili di lanciare armi offensive.

Con un'altra mossa bellicosa, nel 2019 l'amministrazione Trump si è ritirata unilateralmente dal Trattato sulle forze nucleari a raggio intermedio del 1987. La Russia ha risposto proponendo agli Stati Uniti di dichiarare una moratoria sul dispiegamento di missili nucleari a corto e intermedio raggio in Europa, affermando che non avrebbe dispiegato tali missili finché i membri della NATO non lo avessero fatto. Washington ha respinto queste proposte, che hanno indispettito alcuni leader europei. "L'assenza di dialogo con la Russia", aveva dichiarato il presidente francese Emmanuel Macron, "ha reso il continente europeo più sicuro? Non credo".

La situazione è particolarmente pericolosa a causa di quella che gli esperti chiamano "ambiguità delle testate". Come hanno spiegato alti ufficiali militari russi, "non ci sarà modo di determinare se un missile balistico in arrivo è dotato di una testata nucleare o convenzionale, e quindi i militari lo vedranno come un attacco nucleare" che giustifica una rappresaglia nucleare. Un eventuale malinteso potrebbe quindi far precipitare il mondo in una guerra nucleare.

Ora siamo a più di due anni di una guerra per procura con la Russia che ha ucciso centinaia di migliaia di persone e ha visto l'Ucraina integrata nelle strutture della NATO ancora più strettamente di quanto non lo fosse prima. E l'Occidente continua ad avvicinarsi sempre più al baratro nucleare. L'Ucraina ha iniziato a utilizzare i missili statunitensi per colpire il territorio russo, compresi i sistemi missilistici difensivi (non solo offensivi).

Quest'estate, Danimarca, Paesi Bassi, Norvegia e Belgio inizieranno a inviare jet da combattimento F-16 in Ucraina e Danimarca e Paesi Bassi hanno dichiarato che non ci saranno restrizioni sull'uso di questi aerei per colpire obiettivi in Russia. Gli F-16 sono in grado di fornire armi nucleari e la Russia ha dichiarato che gli aerei saranno considerati una minaccia nucleare.

Portando il mondo ancora più vicino alla crisi terminale, il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato che 500.000 truppe sono in " massima prontezza" e che nei prossimi cinque anni gli alleati della NATO "acquisiranno migliaia di sistemi di difesa aerea e di artiglieria, 850 aerei moderni - soprattutto F-35 di quinta generazione - e anche molte altre capacità di alto livello". Macron si è trasformato in uno dei leader più falchi d'Europa, con l'intenzione di inviare presto istruttori militari in Ucraina. Allo stesso tempo, la NATO sta discutendo di togliere dal deposito altre armi nucleari e metterle in stand-by.

Non è chiaro dove tutto questo sia diretto, ma è evidente che i leader occidentali stanno agendo con sconsiderato disprezzo per il futuro dell'umanità. La loro scommessa è che il Presidente russo Vladimir Putin non dispiegherà mai armi nucleari, nonostante le sue numerose minacce in tal senso e le recenti esercitazioni militari russe per dispiegare armi nucleari tattiche. Dato che l'uso di testate nucleari da parte della Russia potrebbe far precipitare una risposta nucleare da parte dell'Occidente, il destino dell'umanità è appeso alla moderazione e alla razionalità di un uomo, Putin, che viene costantemente dipinto dai media e dai politici occidentali come un mostro irrazionale e assetato di sangue. Quindi la specie umana dovrebbe riporre le sue speranze di sopravvivenza in qualcuno che ci viene detto essere un pazzo, che guida uno Stato che si sente assediato dalla più potente coalizione militare della storia, apparentemente impegnata a distruggerlo.

Forse i pazzi non sono nel governo russo, ma piuttosto nei governi della NATO?

È davvero sconcertante che milioni di persone non stiano protestando per le strade ogni giorno per attenuare la crisi e far tornare la civiltà dall'orlo del baratro. Evidentemente i mass media hanno svolto con successo la loro funzione di produzione del consenso. Ma se l'opinione pubblica occidentale non si sveglia, la crisi attuale potrebbe non concludersi in modo così benevolo come quella del 1962.

Traduzione de l'AntiDiplomatico

*Chris Wright ha un dottorato di ricerca in storia degli Stati Uniti presso l'Università dell'Illinois a Chicago ed è autore di Worker Cooperatives and Revolution e Popular Radicalism and the Unemployed in Chicago during the Great Depression. Il suo sito web è www.wrightswriting.com.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti