La Merkel deve spendere se vuole salvare l'euro dal collasso

La Merkel deve spendere se vuole salvare l'euro dal collasso

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Eurozona è diretta verso una "nuova crisi" secondo l'economista Liam Halligan. Ma la la Germania può salvare l'unione monetaria dal collasso. 

 

La Germania, una delle più grandi economie dell'Eurozona, è in fase di recessione e Halligan afferma che il Paese deve apportare cambiamenti significativi alla politica fiscale per stimolare la propria economia e l’intera eurozona. 

 

Questo, dice, "stimolerà la crescita altrove" e aiuterà a prevenire la "incombente" crisi dell'eurozona.

 

L'economia tedesca si è contratta dello 0,1 per cento tra aprile e giugno e la banca centrale tedesca si aspetta un calo simile nei tre mesi a settembre.

 

Anche la produzione industriale è in declino, poiché l'attuale guerra commerciale USA-Cina ha colpito la potente industria automobilistica tedesca rendendo le esportazioni più costose.

 

Nel complesso, la produzione di veicoli tedeschi è diminuita del 18% l'anno scorso, passando da 5,7 milioni a 4,7 milioni.

 

Halligan, scrivendo sul Sunday Telegraph, suggerisce che il cancelliere tedesco Angela Merkel dovrebbe "prendere provvedimenti per rilanciare l'economia", investendo di più in patria e aumentando la spesa pubblica e dei consumatori.

 

Una simile politica non potrà tuttavia essere facilmente adottata, a causa della politica sancita dal governo di rigida moderazione fiscale.

 

Halligan spiega: "Ciò è dovuto allo schwarze null o zero nero, la convinzione trasversale radicata nei bilanci in equilibrio”.

 

La Federazione delle industrie tedesche (BDI) sta tuttavia iniziando a mettere in discussione la politica dello zero nero e si è offerta di pagare il governo tedesco per prendere in prestito.

 

Ancora l’economista Halligan a tal proposito ha dichiarato: “Un pacchetto di crescita da 50 miliardi di euro è stato ufficialmente messo in discussione, ma solo se si verifica una recessione.

 

"Attendere il crollo prima di agire rischia di danneggiare gravemente imprese e consumatori".

 

Tenendo conto che 50 miliardi di euro non rappresentano nemmeno l’1,5 del PIL tedesco, l’economista afferma che la Merkel deve "intensificare" la sua politica fiscale per "fermare l'implosione dell'euro".

 

Solo la Germania può salvare le economie del vecchio continente: “La Germania può salvare la zona euro facendo sforzi concertati per stimolare la propria economia e la regione in generale, qualcosa che non vediamo da decenni”.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti