"La casta rossa trema": un nervoso Milei lancia accuse contro Lula

"La casta rossa trema": un nervoso Milei lancia accuse contro Lula

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il candidato argentino di La Libertad Avanza (LLA), il fanatico ultra liberista Javier Milei, ha definito il presidente brasiliano, Luiz Inácio Lula da Silva, un "comunista arrabbiato" e lo ha accusato di aver compiuto "azioni" contro di lui in vista delle elezioni presidenziali del 22 ottobre.

"La casta rossa sta tremando. Molti comunisti arrabbiati compiono azioni contro di me e il mio spazio. La libertà avanza. Viva la libertad, carajo", ha scritto sul social network X (ex Twitter).

Milei ha allegato uno screenshot di un articolo del quotidiano brasiliano Estadao, in cui si afferma che Lula ha cercato di influenzare la direzione della Banca di Sviluppo dell'America Latina (CAF) per prestare 1 miliardo di dollari all'Argentina. 

Il testo sottolinea che questa iniziativa avrebbe un impatto positivo per l'amministrazione di Alberto Fernández e del candidato alle presidenziali Sergio Massa, attuale ministro dell'Economia argentino.

Non è la prima volta che Milei critica il leader della sinistra brasiliana. In una recente intervista a The Economist, il candidato di estrema destra ha affermato che Lula è un socialista "con una vocazione totalitaria".

Il media britannico ha osservato che Milei è "un fan di Jair Bolsonaro, un populista ex presidente del Brasile che ha copiato alcune delle tattiche antidemocratiche di Donald Trump".

L’uscita di Milei contro Lula tradisce un certo nervosismo che inizia a montare in questo fanatico ultra liberista che propone ricette economiche ottocentesche. La sua popolarità è esplosa in occasione delle elezioni primarie obbligatorie (PASO) dove a sorpresa ha sopravanzato il peronista Massa e la candidata della classica destra neoliberista Bullrich (già ministro nel governo Macri), adesso però il fenomeno Milei sembra aver raggiunto il suo massimale politico che potrebbe non bastare a portarlo alla presidenza dell’Argentina. Anche in occasione del primo dibattito tra i candidati alla presidenza, Milei non è uscito bene come in tanti prevedevano e sostanzialmente non sarebbe riuscito a conquistare nuovi consensi in vista della tornata elettorale di fine ottobre. 

Ecco che quindi il candidato che propone di dollarizzare completamente l’economia, cancellare la Banca Centrale e privatizzare a tutto spiano, quindi sostanzialmente impoverire ulteriormente il popolo argentino già vessato dal Fondo Monetario Internazionale, gioca la sempiterna carta dell’anticomunismo attaccando Lula. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti