La brutale ristrutturazione di Deutsche Bank "è segno che il sistema finanziario globale è nei guai"

La brutale ristrutturazione di Deutsche Bank "è segno che il sistema finanziario globale è nei guai"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Jim Rogers, il famoso speculatore della finanza mondiale, ha commentato per RT la decisione di Deutsche Bank di tagliare 18 mila posti lavoro nel suo piano di ristrutturazione. "Quando istituzioni tradizionalmente stabili come Deutsche Bank si trovano nei guai è il segnale che il sistema finanziario mondiale dovrà affrontare grossi problemi lungo la strada", ha dichiarato.


Lunedì 8 luglio, la banca d'investimento più grande d'Europa - e la quindicesima più grande banca del mondo - ha iniziato a tagliare migliaia di posti di lavoro come parte di una revisione da 8,3 miliardi di dollari annunciata ieri. La forza lavoro della banca dovrebbe ridursi di 18.000 unità e arrivare a circa 74.000 dipendenti entro il 2022, dato che Deutsche Bank ritira le sue azioni globali e le sue operazioni commerciali.


"Il sistema finanziario è nei guai e questo è solo uno dei segnali di ciò che sta accadendo. E' avvenuto lo stesso durante le crisi finanziarie negli anni '30 o '60 o '90 ", ha detto Rogers in un'intervista telefonica con RT. Il noto speculatore ha poi spiegato che le banche centrali di tutto il mondo hanno spinto i tassi di interesse "a livelli pazzeschi", e ora "dobbiamo pagarne il prezzo".



L'importante revisione di Deutsche Bank non significa che non sopravviverà, secondo Rogers. Tuttavia, la banca non sarà mai la stessa e "questo è un serio problema" per il creditore e per l'intero sistema finanziario. Rogers ha concluso ricordando che alcune banche stabili sono fallite quando nessuno se l'aspettava, come nel caso di Lehman Brothers nel 2008 o della British Northern Rock.


"E sta succedendo di nuovo. Se vai in Scandinavia, vedi che alcune di quelle banche che sono in giro da anni sono in difficoltà. Questo di DB non è altro che un segno dei tempi e avremo molti problemi lungo la strada ", ha detto l'investitore.


 Tuttavia, secondo Rogers, è improbabile che Deutsche Bank crolli a causa di molteplici avvertimenti e enormi sforzi del governo per sostenerlo. "Se la Deutsche Bank dovesse collassare del tutto sarebbe una sorpresa. Ciò sarebbe l'inizio del declino del mercato globale ", ha con le altre banche principali che seguirebbero la stessa strada.

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti