Kissinger: La flessibilità di Nixon per disinnescare conflitti Usa-Cina, Europa-Russia

Kissinger: La flessibilità di Nixon per disinnescare conflitti Usa-Cina, Europa-Russia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ex segretario di Stato americano Henry Kissinger a 99 anni suonati ha avvertito che la geopolitica oggi richiede una "flessibilità nixoniana" per aiutare a disinnescare i conflitti tra gli Stati Uniti e la Cina, nonché tra la Russia e il resto d'Europa. 

Nixon era “un ottimo presidente di politica estera. Si è autodistrutto a livello nazionale", ha lamentato.

Pur ritenendo che la Cina non dovrebbe diventare un attore egemone globale, l'uomo che ha contribuito a ristabilire i legami USA-Cina negli anni '70 ha affermato che il presidente Joe Biden dovrebbe essere cauto nel lasciare che la politica interna interferisca con "l'importanza di comprendere la permanenza della Cina".

"Biden e le precedenti amministrazioni sono state troppo influenzate dagli aspetti interni della visione della Cina", ha detto Kissinger, in un'intervista rilasciata ieri a New York al caporedattore di Bloomberg News John Micklethwait. "Ovviamente è importante prevenire l'egemonia cinese o di qualsiasi altro paese".

Ma "non è qualcosa che può essere raggiunto da infiniti scontri", ha aggiunto nell'intervista prodotta da Intelligence Squared US e How To Academy. In precedenza, aveva ammonito che le relazioni sempre più contraddittorie tra Stati Uniti e Cina rischiano una "catastrofe globale paragonabile alla prima guerra mondiale".

La geopolitica e le relazioni con le grandi potenze sono un tema centrale del nuovo libro di Kissinger, "Leadership: Six Studies in World Strategy", che si concentra su sei leader chiave: il tedesco Konrad Adenauer, il francese Charles de Gaulle, Nixon, l'egiziano Anwar Sadat, il primo ministro britannico Margaret Thatcher e l'influente primo ministro di Singapore Lee Kuan Yew. 

Kissinger non è stato tenero con gli attuali leader europei.

Esaminando la performance dei leader europei di oggi, dal francese Emmanuel Macron al tedesco Olaf Scholz, Kissinger ha spiegato che lo rattrista come l'attuale "leadership europea non abbia il senso dell'orientamento e della missione" che avevano i precedenti capi di stato, come Adenauer e de Gaulle. 

 Sulla più grande crisi europea - la guerra in Ucraina - Kissinger ha precisato che i commenti che ha fatto all'inizio di quest'anno sul punto di partenza per una fine negoziata della guerra sono stati riportati in modo errato. Dicendo che pensa che i tempi per i colloqui si stiano avvicinando, ribadendo che le discussioni sul futuro della Crimea dovrebbero essere lasciate ai negoziati, non determinate prima che il conflitto sia sospeso. 

Sulla Brexit, Kissinger ha citato de Gaulle, il quale affermò che la Gran Bretagna "non sarebbe mai stata un membro sincero della comunità europea". Affermazione che secondo l’ex Segretario di Stato USA si è dimostrata giustificata. 

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti