Israele controlla il 26% di Gaza e costruisce basi

Israele controlla il 26% di Gaza e costruisce basi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Dave DeCamp - NewsAntiwar



L'esercito israeliano ha preso il controllo del 26% della Striscia di Gaza e sta costruendo basi e pavimentando strade nelle aree per garantire un'occupazione a lungo termine, che potrebbe portare a insediamenti ebraici, ha riferito il quotidiano Haaretz.

Israele ha creato una "zona cuscinetto" lungo il confine tra Israele e Gaza demolendo edifici e terreni agricoli. La zona taglia circa 1 chilometro lungo l'intero confine di Gaza con Israele e rappresenta circa il 16% del territorio della Striscia.

Israele ha anche preso il controllo del Corridoio di Filadelfia, che corre lungo il confine tra Egitto e Gaza, e ha demolito edifici nel Corridoio di Netzarim, un'area di 38 chilometri quadrati che separa il nord di Gaza dal resto della Striscia.

L'esercito israeliano ha costruito basi nel corridoio e sta usando l'ospedale turco, che era l'unico ospedale di Gaza per il trattamento del cancro, come un'altra base. Anche il molo costruito dagli Stati Uniti si trova nel corridoio di Netzarim. Haaretz ha riferito che i graffiti scritti in ebraico vicino al molo recitano: "Senza insediamento, non c'è vittoria".

Un insediamento israeliano chiamato Netzarim si trovava dove è stato costruito l'ospedale turco. Tutti gli insediamenti israeliani a Gaza sono stati evacuati nel 2005 nell'ambito di una politica nota come "disimpegno".

Secondo Haaretz, l'insediamento di Netzarim faceva parte di un piano del governo israeliano per dividere in due Gaza e rafforzare il controllo israeliano attraverso insediamenti civili. Oggi, i soldati israeliani a Gaza stanno compiendo passi simbolici per mostrare il loro sostegno alla ricostituzione degli insediamenti ebraici nel territorio.

Un video contenuto nel rapporto di Haaretz mostra un soldato israeliano in uniforme che colloca una menora in un edificio vicino all'ospedale turco. La menora sarebbe la stessa che è stata rimossa da una sinagoga nell'insediamento di Netzarim prima che venisse evacuata.

Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha negato che la creazione di insediamenti ebraici a Gaza fosse uno dei suoi obiettivi, ma i membri della sua coalizione di governo e del partito Likud sostengono apertamente l'idea, così come l'espulsione dei palestinesi.

"Per preservare le conquiste di sicurezza per le quali i nostri soldati hanno perso la vita, dobbiamo reinsediare Gaza con forze di sicurezza e coloni che abbracceranno la terra con amore", ha dichiarato il ministro delle Comunicazioni Shlomo Karhi, membro del partito Likud, durante una marcia a favore degli insediamenti a maggio.

Alla stessa marcia, il ministro della Sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir, leader del partito Potere ebraico, aveva chiesto l'espulsione dei palestinesi da Gaza. "Dobbiamo tornare a Gaza adesso! Stiamo tornando a casa in Terra Santa! E secondo, dobbiamo incoraggiare l'emigrazione. Incoraggiare l'emigrazione volontaria dei residenti di Gaza. È morale!".

Nell'ottobre del 2023, un documento preparato dal Ministero dell'Intelligence israeliano e diffuso dai media indicava che il miglior scenario postbellico per Israele sarebbe stato l'espulsione di tutti i 2,3 milioni di palestinesi che vivono a Gaza.

Traduzione de l'AntiDiplomatico

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti