Iran nega un attacco israeliano sul suo territorio - Reuters

Iran nega un attacco israeliano sul suo territorio - Reuters

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


In alcune dichiarazioni rilasciate all'agenzia di stampa Reuters, una "fonte iraniana a conoscenza della questione" ha smentito le voci pubblicate dai media israeliani su un "attacco" all'Iran e ha assicurato che il suono delle esplosioni udite questo venerdì nel Paese persiano era dovuto all'attivazione dei sistemi di difesa antiaerea.

Anche diversi media statunitensi hanno parlato di un "attacco" all'Iran, negando il coinvolgimento degli Stati Uniti.

Da parte sua, il Segretariato del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale iraniano ha liquidato come false le notizie riportate dai media su una riunione di emergenza. 

Secondo l'agenzia di stampa iraniana Fars, le esplosioni sono state udite nei pressi dell'aeroporto e della base aerea dell'8° reggimento. 

Secondo l'agenzia di stampa IRNA, le difese aeree sono in funzione in diverse province dell'Iran e i voli per Teheran, Isfahan e Shiraz, così come per gli aeroporti di altre regioni del Paese, sono stati sospesi.

Il media iraniano Press TV sostiene che i sistemi di difesa aerea del Paese sono stati attivati per far fronte a possibili obiettivi. Successivamente, ha rilevato come non siano state segnalate esplosioni su larga scala causati da una minaccia aerea.

Secondo quanto riportato dai funzionari iraniani, il suono di diverse esplosioni udito nella provincia centrale iraniana di Isfahan e nella città nord-occidentale di Tabriz nelle prime ore di venerdì sono dovute al lancio dei sistemi di difesa aerea iraniani. Nel frattempo, i media locali hanno riportato la distruzione di tre micro-aerei da parte dei sistemi di difesa aerea del Paese nei cieli sopra Isfahan.

Immediatamente si è scatenata un'ondata mediatica per attribuire le esplosioni a un "attacco" israeliano, in un momento di forte tensione tra le due parti, dopo l'aggressione sionista all'edificio consolare iraniano in Siria e la successiva operazione "True Promise", la risposta militare globale della Repubblica Islamica contro il regime di occupazione.

L'Iran ha terminato la sua azione contro il regime di Tel Aviv, che difende come "legittima, reciproca e proporzionata" e ha avvertito che, se Israele dovesse commettere ulteriori aggressioni contro gli interessi iraniani o ricorrere alla forza, la Repubblica Islamica non esiterà a esercitare il suo diritto intrinseco di dare una risposta immediata, decisa e dura per autodifesa.

Nella notte del 13 aprile, l'Iran aveva lanciato 300 droni e missili circa contro Israele in risposta al crimine contro il consolato iraniano a Damasco. Il capo di stato maggiore delle Forze di Difesa israeliane, il tenente generale Herzi Halevi, aveva dichiarato lunedì che l'attacco iraniano a Israele "sarà accolto con una risposta".

IN AGGIORNAMENTO

 

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti