Invio di armi con uranio impoverito all’Ucraina. Global Times: “Atto immorale” del Regno Unito

Invio di armi con uranio impoverito all’Ucraina. Global Times: “Atto immorale” del Regno Unito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Global Times

Il ministro della Difesa ha confermato il 21 marzo che alcune delle munizioni per i carri armati Challenger 2 che il Regno Unito sta inviando all'Ucraina includono proiettili perforanti che contengono uranio impoverito. Ciò ha provocato una forte reazione da parte della Russia. Il presidente Vladimir Putin ha avvertito lo stesso giorno che le armi saranno trattate da Mosca come contenenti "componenti nucleari" e la Russia sarà costretta a reagire.

 Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha affermato che la decisione britannica ha lasciato sempre meno passi prima di una potenziale "collisione nucleare" tra la Russia e l'Occidente. Questa è una questione di grande importanza. Va sottolineato che sicuramente non è solo un problema che la Russia deve affrontare, o semplicemente significa un aumento del rischio di escalation nel conflitto Russia-Ucraina.

L'uranio impoverito, comunemente noto come "bombe sporche", è giustamente chiamato così perché la parola "sporco" ha una connotazione profonda. Quando sentiamo questo termine, pensiamo immediatamente agli Stati Uniti e alla NATO, poiché è una macchia permanente nella loro storia. Sebbene l'uranio impoverito non sia classificato come arma nucleare, non è nemmeno un'arma convenzionale ordinaria. È perché l'uranio-238 che contiene ha una sostanza chimica e radioattiva. 

Durante la guerra del Golfo e la guerra in Iraq, l'esercito americano ha utilizzato una grande quantità di uranio impoverito in Iraq. Nel 1999, la NATO ha sganciato 15 tonnellate di uranio impoverito contro la Jugoslavia durante la campagna di bombardamenti. L'impatto di questi uranio impoverito continua a causare danni anche oggi, con numerosi esempi che servono come prova concreta del suo enorme danno per la salute umana e della distruzione a lungo termine dell'ambiente. Dopo due guerre, i tassi di aborto spontaneo, difetti congeniti, leucemia e cancro sono saliti alle stelle in Iraq, e anche l'incidenza del cancro in Serbia è aumentata in modo significativo. Anche molti soldati statunitensi e della NATO che hanno partecipato alla guerra hanno sofferto di malattie correlate. 

Da un punto di vista umanitario, l'uso dell'uranio impoverito è un atto altamente immorale. Un atto così immorale, il Regno Unito ora lo farà e si comporta come se fosse una cosa ovvia. Sembra che quando si tratta dei propri interessi, le regole internazionali e la moralità siano strumenti e armi usati per esigere e attaccare gli altri, piuttosto che regole per costringersi. Questo tratto è identico a quello degli Stati Uniti, e persino il Giappone, che era solito "scusarsi e inchinarsi", ha seguito l'esempio degli Stati Uniti e del Regno Unito, ignorando l'opposizione internazionale alla sua decisione unilaterale di scaricare acque reflue contaminate dal nucleare nel L'oceano Pacifico.

Alcuni gruppi pacifisti hanno condotto una campagna per vietare l'uranio impoverito. L'anno scorso, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una bozza di risoluzione indonesiana che esprimeva preoccupazione per i "rischi per la salute e l'impatto ambientale" dell'uranio impoverito e chiedeva un "approccio prudente" al loro utilizzo. Il voto è stato di 147 a favore contro 5 contrari, con Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Israele e Liberia contrari e 23 paesi astenuti. 

Sebbene una minoranza assoluta, gli Stati Uniti e il Regno Unito, tra gli altri, hanno ostacolato un divieto sostanziale e restrizioni sull'uso dell'uranio impoverito ai sensi del diritto internazionale, mettendo in luce i difetti dell'attuale ordine internazionale. Per fare una semplice analogia, l'attuale conflitto Russia-Ucraina è un po' come due persone che sono state istigate da estranei e si arrabbiano così tanto che accetteranno qualsiasi arma che viene consegnata loro senza considerare le conseguenze. In un momento del genere, sia che una terza parte attizzi il fuoco aggiungendo benzina o cerchi di mediare e persuaderli a cercare la pace, porterà a risultati completamente diversi. Il fatto che la Gran Bretagna fornisca "bombe sporche" in questo momento è un atto di natura molto dannosa.

In effetti, l'Ucraina, che ha subito l'incidente della fuoriuscita della centrale nucleare di Chernobyl, dovrebbe diffidare dell'uranio impoverito. L'Ucraina è uno dei paesi produttori ed esportatori di cereali e semi oleosi più importanti al mondo, con piantagioni di mais, frumento, orzo e olio di semi di girasole e così via. I potenziali pericoli e l'inquinamento per l'ambiente causati dall'uranio impoverito non possono essere ignorati. Inoltre, dovrebbero essere prese precauzioni anche per prevenire "l'effetto finestra rotta" e "l'effetto domino" causati dall'uranio impoverito.

Chiediamo alle Nazioni Unite di discutere formalmente la questione ed esprimere una chiara opposizione e condanna al Regno Unito. In risposta a una domanda di un giornalista cinese, il vice portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite ha affermato che l'Ufficio dell’Onu per gli affari del disarmo ha espresso preoccupazione per qualsiasi uso di uranio impoverito ovunque. Per paesi come il Regno Unito o gli Stati Uniti, esprimere "preoccupazione" chiaramente non è sufficiente. La comunità internazionale deve aumentare la sua condanna morale di tale comportamento, che non è una questione di geopolitica ma di fondamentale umanità e moralità.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti