Il Vertice in Svizzera si chiude con lo slogan nazi-banderista (lanciato dal "liberal" Trudeau)

Il Vertice in Svizzera si chiude con lo slogan nazi-banderista (lanciato dal "liberal" Trudeau)

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Fabrizio Poggi 


È possibile che qualcuno si ricordi ancora dell’ex onorevole del PD – e cos’altro avrebbe potuto essere – Andrea Romano, il quale, fintanto che ha potuto sedere sugli scranni di Montecitorio, era solito, in particolare dopo il febbraio 2022, concludere i propri interventi alla Camera col saluto banderista caro ai nazional-nazisti ucraini di “Slava Ukraine”, cui, all’epoca dei collaborazionisti filonazisti di OUN-UPA, si doveva rispondere con “Gerojam slava”. Come risaputo e quantunque risalisse ai nazionalisti ucraini del XIX secolo, il grido era ricamato sul saluto nazista “Heil Hitler”, cui gli hitleriani rispondevano “Sieg heil”.

A significare nei suoi più reconditi fini il cosiddetto “summit per la pace svizzero, oggi, a conclusione di quel vertice nato morto in partenza, durante la foto di commiato, il Primo ministro canadese Justin Trudeau ha voluto calcare le orme dell’ex onorevole Romano e, dopo di lui, anche alcuni rappresentanti di altre delegazioni, hanno urlato lo slogan dei macellai di OUN-UPA.





D’altronde, è pure nota la stretta vicinanza tra il Canada e gli ex banderisti filonazisti ucraini: senza scomodare il capitolo dell’emigrazione in Canada, alla fine della guerra, di migliaia di ex banderisti, che sfuggivano così, ben assistiti dall’Occidente, alla legge penale sovietica, in tempi a noi recentissimi basti ricordare la vicenda del novantottenne veterano della 14° Waffen-Grenadier-Division der SS “Galicina”, Jaroslav Hunka, applaudito al parlamento canadese.

Ma in Ucraina non c’è il nazismo. No, ci dicono, PD compreso. No. Si è momentaneamente spostato sulle rive del lago di Lucerna, abbracciato dai nuovi guerrafondai “per la pace”. 

PS  ad ogni modo, il documento finale del “summit” è stato sottoscritto da 80 dei 91 paesi partecipanti. Non hanno messo la firma i rappresentanti di Brasile, India, Sudafrica, Emirati, Bahrein, Vaticano, Indonesia, Libia, Messico, Arabia saudita e Tailandia. La stessa Armenia, alla fine, ha avuto un sussulto di “dignità” e non ha firmato.

Fabrizio Poggi

Fabrizio Poggi

Ha collaborato con “Novoe Vremja” (“Tempi nuovi”), Radio Mosca, “il manifesto”, “Avvenimenti”, “Liberazione”. Oggi scrive per L’Antidiplomatico, Contropiano e la rivista Nuova Unità.  Autore di "Falsi storici" (L.A.D Gruppo editoriale)

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti