Il Venezuela denuncia attentato contro l'impianto petrolifero 'Polieducto de Oriente'

Il Venezuela denuncia attentato contro l'impianto petrolifero 'Polieducto de Oriente'

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Commissione Presidenziale Alí Rodríguez Araque ha denunciato un nuovo atto di sabotaggio criminale contro le installazioni del Polieducto de Oriente, nello Stato di Anzoátegui; dove nella giornata di martedì si è registrata un'esplosione. 

Attraverso un comunicato, la Commissione Presidenziale ha condannato l'attacco criminale perpetrato contro gli impianti dell'industria petrolifera. L’attacco, affermano, è parte della guerra permanente condotta da gruppi di estrema destra, sotto la protezione del governo degli Stati Uniti.

L'esplosione è avvenuta nel Poliducto de Oriente, situato a Naricual nello stato di Anzoátegui, da dove tutto il carburante viene distribuito all'est del paese.

E’ stato evidenziato che questo sabotaggio si aggiunge alle sanzioni e minacce a cui è stata sottoposta l'industria petrolifera venezuelana negli ultimi cinque anni, da parte di coloro che cercano con la violenza di fermare tutte le operazioni di PDVSA.

Questo nuovo attacco criminale arriva pochi giorni dopo che il Venezuela ha annunciato di aver aumentato la produzione di carburante nel paese a 160.000 barili al giorno, rispetto agli 82.000 bpd di dicembre.

L’attacco ha provocato una vittima: si tratta di un uomo di 28 anni, Eduardo Urrieta, che aveva ustioni sull'80% del corpo dopo l'esplosione.

Eduardo Urrieta è stato ricoverato in terapia intensiva all'ospedale Luis Razetti di Barcellona, nello stato di Anzoátegui, con lesioni di secondo e terzo grado.

Urrieta era alla guida del suo veicolo al momento dell'esplosione ed è stato portato in ospedale, dove è morto a mezzogiorno di mercoledì. Secondo quanto ha riferito il direttore del nosocomio venezuelano Oscar Navas.

Il direttore ha inoltre chiarito che l’uomo è stato trattato con le medicine e le forniture dell'ospedale, dato che aerano circolate sui social network notizie false, dove si affermava che erano i familiari a cercare medicinali e quant’altro occorresse per assistere l’uomo. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia di Giorgio Cremaschi La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

La prima (velenosa) porcata dell'anno di Draghi e compagnia

Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma... di Marinella Mondaini Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma...

Vertice Blinken-Lavrov: gli Usa "gonfiano i muscoli" ma...

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO di Savino Balzano CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

CHI LOTTA PER IL LAVORO, LOTTA PER IL PAESE INTERO

Il Ventennio dell'euro di Thomas Fazi Il Ventennio dell'euro

Il Ventennio dell'euro

La situazione Nato-Russia precipita di Giuseppe Masala La situazione Nato-Russia precipita

La situazione Nato-Russia precipita

"Profitti zero": Siamo alla fase finale di Pasquale Cicalese "Profitti zero": Siamo alla fase finale

"Profitti zero": Siamo alla fase finale

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa di Antonio Di Siena Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Prima che sia troppo tardi per chiedere scusa

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia di Michelangelo Severgnini Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia

Le 2 manifestazioni di Tripoli e l’accordo Salvini-Rackete sulla Libia