Il "ritiro russo" e lo spettacolo triste di media e governi occidentali

Il "ritiro russo" e lo spettacolo triste di media e governi occidentali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Tutto come da copione. Terminate le esercitazione congiunte in programma con la Bielorussia, le forze armate di Mosca tornano nelle loro guarnigioni di appartenenza. Così media e governi occidentali che avevano suonato la grancassa bellicista dell’invasione, più come pretesto per alzare la tensione inviando nuove truppe in Europa Orientale e imbottire di armi l’Ucraina, adesso giocano la carta della Russia che avrebbe deciso di desistere dall’invasione a causa dell’azione occidentale.

Si adeguano a questo copione anche i vari megafoni della NATO in Italia, come Repubblica, i quali adesso danno spazio a dichiarazioni e analisi dove si afferma che Kiev, Washington e la NATO hanno “fermato” l’invasione russa.  

Tutto come prevedibile e previsto. Profetico fu proprio il ministro degli Esteri della Russia, Sergei Lavrov, dopo l’incontro con la sua omologa britannica Liz Truss. 

“Il risultato di tutto questo dramma che l'Occidente sta montando, anche cercando di trasformarlo in una tragedia, anche se sembra più una commedia, lo prevedo così: tra qualche tempo i paesi occidentali apprenderanno che le manovre russo-bielorusse sono finite e le truppe russe sono tornate in territorio russo”, affermava Lavrov anticipando quello che vediamo accadere oggi, “poi si farà un gran trambusto per dimostrare che l'Occidente è riuscito a ottenere la de-escalation dalla Russia. In realtà, però, sarà solo fumo”. 

Lavrov aveva poi evidenziato un altro aspetto importante occultato dalla propaganda di guerra occidentale. Ossia che le truppe russe, dopo le esercitazioni, faranno ritorno alle loro guarnigioni di schieramento permanente, mentre le truppe della NATO, dopo le manovre nei paesi del Baltico e del Mar Nero "di regola, non tornano mai a casa" e rimangono sul territorio di questi paesi.  

"Spero davvero che su questioni serie, che hanno a che fare soprattutto con la sicurezza europea, con la sicurezza di tutti i paesi senza eccezione, compresi i membri della NATO, l'Ucraina e la Russia, ci si comporti in modo più maturo e non si faccia una propaganda sfacciata nella speranza di un'altra avventura elettorale”, aggiungeva inoltre Lavrov cogliendo nel segno un altro punto. 

Ovviamente nella realtà parallela disegnata da Repubblica e megafoni NATO similari, oggi le truppe russe si ritirano per l’azione occidentale nonostante fossero già pronte per l’invasione dell’Ucraina. Qualcun altro si è spinto a scrivere che le truppe russe si ritirano addirittura dall’Ucraina. 

Continuerete a credere alle affermazioni di questi media?

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La partita a scacchi più pericolosa di sempre di Giuseppe Masala La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti