"Il processo è già iniziato": Russia e Venezuela discutono dei progressi sulla de-dollarizzazione

"Il processo è già iniziato": Russia e Venezuela discutono dei progressi sulla de-dollarizzazione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il Venezuela e la Russia stanno procedendo nel processo di de-dollarizzazione per rafforzare i legami finanziari, commerciali ed economici di entrambe le nazioni, come ha ribadito il ministro degli Esteri della Repubblica Bolivariana, Yván Gil.

Attraverso il suo account X, Gil ha sottolineato che dopo l'implementazione della piattaforma di pagamento russa MIR in Venezuela, i due paesi hanno concordato di rafforzare la comunicazione finanziaria tra le Banche centrali di entrambe le nazioni.

Questa nuova accelerazione nella cooperazione bilaterale tra Russia e Venezuela arriva dopo l'incontro di mercoledì tra Gil e il suo omologo russo Sergey Lavrov a Mosca, dove hanno discusso di varie questioni.

Durante una conferenza stampa congiunta, il ministro degli Esteri venezuelano ha sottolineato che la piattaforma di pagamento russa MIR è già operativa su tutto il territorio del Paese latinoamericano. Secondo le sue parole, si registrano progressi anche in altri aspetti, soprattutto nell'ambito della comunicazione finanziaria tra le banche centrali dei due Paesi. Si assiste così a "uno scambio sempre più fluido in ambito tecnico e tecnologico", tanto che molto presto, nell'ambito del processo di de-dollarizzazione, "saremo in grado di stabilire scambi tra le valute locali".

"Riteniamo che il contributo nell'ambito dei BRICS sarà fondamentale per creare proprio questo processo di de-dollarizzazione", ha affermato Gil.

In questo contesto, ha indicato che la misura in questione può "proteggere dall'applicazione di sanzioni con l'uso dell'egemonia del dollaro come mezzo di pressione politica sui nostri governi".

Da parte sua, Lavrov ha dichiarato che si sta prestando molta attenzione "a questo aspetto della nostra cooperazione", ossia alla creazione di meccanismi che "proteggeranno i nostri legami commerciali, economici e di investimento dai diktat degli Stati Uniti e dei loro satelliti".

Oltre all'utilizzo della carta bancaria MIR, Lavrov ha sottolineato che Mosca e Caracas stanno anche implementando il sistema della Banca Centrale Russa per la trasmissione di messaggi finanziari.

Per quanto riguarda il livello multilaterale, il ministro degli Esteri russo ha sottolineato che all'interno dei BRICS "è già iniziato il processo, nell'ambito del quale, all'ultimo vertice di Johannesburg, i leader hanno incaricato i ministri delle Finanze e i capi delle banche centrali di presentare raccomandazioni sulle piattaforme di pagamento alternative".

Lavrov ha affermato che l'aspirazione ad abbandonare il dollaro si osserva non solo nel blocco dei BRICS. Così, il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha proposto che anche la Celac lavori per "proteggere i suoi legami commerciali-economici" dall'abuso del ruolo del dollaro. "È un processo sano, che contribuirà alla de-monopolizzazione della sfera dei pagamenti internazionali, che diventerà così più sostenibile e più efficiente e meno esposta ai piani egoistici e discriminatori di alcuni Paesi occidentali".

Contro il genocidio dei palestinesi

Il ministro degli Esteri venezuelano Yvan Gil ha inoltre condannato il genocidio che le forze israeliane stanno perpetrando a Gaza e ha chiesto un immediato cessate il fuoco umanitario.

"Il Venezuela ha una posizione ferma di condanna del genocidio compiuto dal governo dello Stato di Israele", ha dichiarato Gil durante la conferenza stampa a Mosca. 

Gil ha sottolineato che il Venezuela sostiene le dichiarazioni della Lega Araba e dell'Organizzazione della Cooperazione Islamica sulla necessità di un cessate il fuoco, l'accesso agli aiuti umanitari e il perseguimento dei crimini di guerra.

Il diplomatico venezuelano ha auspicato l'istituzione di tribunali di guerra per giudicare "i responsabili dei crimini di guerra" che si stanno verificando da settimane contro i civili palestinesi.

"La politica di sterminio deve essere fermata", ha detto Gil, denunciando che ciò che Israele vuole veramente è espellere i palestinesi dalle loro case a Gaza.

Il ministro degli Esteri del paese sudamericano ha anche difeso il diritto all'autodeterminazione dei palestinesi e la creazione di uno Stato palestinese come unico modo per risolvere il conflitto in Medio Oriente.

Da parte sua, Lavrov ha assicurato che Mosca condanna categoricamente il terrorismo, ma non approva l'uso di "bombardamenti indiscriminati" contro obiettivi civili. Ha insistito sulla necessità di fermare lo spargimento di sangue il prima possibile e di raggiungere una soluzione immediata ai problemi umanitari, avvertendo che la situazione si sta complicando anche in Cisgiordania.

Ha deplorato che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) non sia in grado di concordare un cessate il fuoco e ha incolpato gli Stati Uniti e i loro alleati per questo.

Per quanto riguarda la soluzione "a lungo termine" del conflitto, ha ritenuto che non appena le ostilità cesseranno, i Paesi dovranno sedersi a negoziare e concordare la creazione di uno Stato palestinese.

"Non c'è alternativa. Più si ritarda, più sarà difficile garantire la stabilità regionale", ha detto Lavrov, osservando che gli insediamenti israeliani hanno lasciato "poco sulla mappa" dei territori che corrispondono ai palestinesi secondo le risoluzioni delle Nazioni Unite.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream di Andrea Puccio Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Anche la Danimarca chiude l'indagine sul Nord Stream

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative di Michele Blanco OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

OCSE, in Italia salari bassi e troppe ore lavorative

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti