Il piano di destabilizzazione del Venezuela e il ruolo di El Aissami

Il piano di destabilizzazione del Venezuela e il ruolo di El Aissami

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Arrivano novità dal Venezuela circa i nuovi piani di destabilizzazione della Rivoluzione Bolivariana scoperti dal governo. L'ex ministro del Potere Popolare per il Petrolio, Tareck El Aissami, a capo del sistema di corruzione Pdvsa-Cripto, era una figura molto vicina ai latitanti golpisti Leopoldo López, Carlos Ocariz e Julio Borges. Lo ha reso noto lunedì 29 aprile il Procuratore generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela, Tarek William Saab, che ha rivelato tre video in cui si ascolta l'uomo d'affari Samark López interagire con questi politici. Samark López era l'“operatore finanziario” di El Aissami, coinvolto nello schema di corruzione in Pdvsa.

Secondo il capo della Procura, Samark López era il collegamento tra l'ex presidente di Petróleos de Venezuela (PDVSA) e settori della destra nazionale e portavoce dell’imperialismo statunitense, come James Story, responsabile dell'Ufficio Esteri USA per il Venezuela a Bogotá.

Ha sottolineato che Samark López era a conoscenza dell'Operazione Gideon, il fallito assalto golpista con mercenari del 3 maggio 2020, che aveva come obiettivo l'assassinio del capo di Stato, Nicolás Maduro, e dei leader del governo nazionale. “Carlos Vecchio parla di come ha dovuto consegnare ‘prove d'amore’, parlando dell'Operazione Gideon, lamentando il fallimento dell'operazione. Vi parteciparono terroristi, mercenari addestrati in Colombia e protetti dal governo dell’epoca guidato da Ivan Duque. 

Saab ha indicato che le persone coinvolte nello schema di corruzione Pdvsa-Cripto erano a conoscenza di tutti questi piani di cospirazione politica contro la Rivoluzione Bolivariana. 

“Samark López mi ha confessato di aver potuto parlare dal 2018 in avanti per più di 40 ore” con esponenti della destra; quando comunicavano tra loro usavano programmi come Zoom.

Tra i portavoce della destra estremista e golpista con cui Samark López ha parlato ci sono Julio Borges e l'ex sindaco del comune di Sucre, nello Stato di Miranda, Carlos Ocariz. Aveva anche legami con i latitanti Leopoldo López e Carlos Vecchio.

Il procuratore generale ha annunciato di essere arrivato a queste informazioni grazie a un “impeccabile lavoro di scienza forense”. I dettagli della cospirazione politica guidata da El Aissami con settori della destra sono venuti a galla 20 giorni dopo il suo arresto.

Il Saab ha annunciato che le persone coinvolte nel complotto per la corruzione Pdvsa-Cripto hanno proposto e pianificato “azioni terroristiche nelle carceri dove erano detenuti i prigionieri per il caso Citgo, quelli coinvolti nell'operazione Gideon, nei tentativi di assassinio con droni e negli assalti alle caserme”.

“La cospirazione politica nello schema di corruzione Pdvsa-Cripto, guidata dall'ex ministro del Potere del Popolo per il Petrolio, Tareck El Aissami, è stata totalmente confermata e provata”. Ha inoltre affermato Saab in un'intervista rilasciata al programma Análisis Situacional, trasmesso da Globovisión domenica 28 aprile.

“Ovviamente c'è stata una cospirazione politica. E tutte queste persone arrestate, i 66 arrestati e quelli che potrebbero essere arrestati in seguito, sono tutti coinvolti in una cospirazione politica (...) Perché? Alcune persone, a tempo debito lo dirò nei dettagli, che ho sentito personalmente, me lo hanno già confessato (...) Me lo hanno già confessato", ha detto Saab nel programma precendentemente citato.

Dopo aver ricordato che con le prime 54 persone arrestate tra marzo e aprile 2023, e le 12 arrestate in questa seconda fase, iniziata il 9 aprile con gli arresti di El Aissami, Samark López e Simón Zerpa, la Procura non esclude che altri soggetti siano coinvolti nel complotto politico: “Oggi non spetta a me dire quei nomi, ma abbiamo registrazioni di telefonate e contatti con Samark López”, ha aggiunto.

E ha commentato: “Tutto ci porta a una serie di prove che portano a nuovi arresti e rivelazioni”.

Saab ha ricordato che nello smantellamento dello schema di corruzione Pdvsa-Cripto, guidato da El Aissami, sono stati arrestati decine di funzionari che hanno usato le loro posizioni per realizzare operazioni petrolifere illegali.

Ha ricordato che queste persone hanno assegnato “carichi di petrolio greggio, coke e olio combustibile a privati e alla Sovrintendenza nazionale dei cripto-asset, senza controllo amministrativo o garanzie, in violazione dei regolamenti di contrattazione di PDVSA. Lo stesso è stato fatto con i prodotti CVG”.

Questi prodotti sono stati venduti al di sotto del valore di mercato. Una volta venduti i prodotti assegnati illegalmente, i pagamenti non sono andati a PDVSA, “ma sono stati distribuiti in modo arbitrario e criminale tra le persone coinvolte”.

Ha osservato che le persone coinvolte nello schema di corruzione Pdvsa-Cripto applicavano commissioni durante tutto il processo di commercializzazione e chiedevano “regali per garantire l'accesso ai contratti”. I fondi pubblici rubati sono stati utilizzati per speculazioni finanziarie e immobiliari, per le quali questa rete ha utilizzato un conglomerato di società commerciali che servivano a legittimare il denaro rubato, attraverso l'acquisizione di cripto-asset; beni mobili e immobili, e investimenti nel settore edilizio e immobiliare”.

All'inizio del suo discorso, Saab ha ricordato che El Aissami, Samark López e l'ex ministro dell'Economia e delle Finanze, Simón Zerpa, “sono stati detenuti nei loro rispettivi covi” e che sono sotto sorveglianza permanente dalla fine del 2023.

Maduro annuncia “sorprese”

Il Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha assicurato che “ci saranno sorprese nell'operazione Caiga quien Caiga”, riferendosi alle nuove rivelazioni nelle indagini sul complotto Pdvsa-Cripto, che sono state presentate lunedì dal Procuratore Generale, Tarek William Saab. Il leader bolivariano ha confermato che l'ex ministro Tareck El Aissami e il suo gruppo erano a conoscenza dell'assassinio sventato dell'agosto 2018, del tentativo di colpo di Stato del 30 aprile 2019 e dell'operazione Gideon.

“Posso dire, con piena conoscenza di tutte queste prove, che questo è solo l'1% di quello che abbiamo. Posso garantire che questa indagine ha prodotto prove convincenti che c'era una mafia molto corrotta che ha approfittato della fiducia e del potere che le era stato dato non solo per rubare e danneggiare il Paese, ma anche che era legata a un piano con la destra estremista e il governo degli Stati Uniti".

Assicura che quella che poteva essere una presunzione è ora confermata da prove e dichiarazioni. Una cosa è ciò che ha detto il procuratore, un'altra sono le prove delle conversazioni e le dichiarazioni delle persone coinvolte. “Stanno raccontando tutto”.

Maduro ha sottolineato che queste conversazioni, rese note lunedì in una conferenza stampa dal procuratore Saab, risalgono all'aprile e al maggio 2020 e rivelano che i due lavoravano insieme da due anni.

“Samark López è il braccio destro di Tareck El Aissami (TAE) dell'università di Los Andes, tutto questo gruppo corrotto, tutti condannati e rei confessi, si è formato lì. Almeno da gennaio 2018 erano in coordinamento con l'associazione a delinquere", ha sottolineato il presidente. 

Anche Maduro conferma il loro ruolo nelle azioni golpiste: “Erano a conoscenza dell'attacco eseguito il 4 agosto 2018 contro di me”. Ed erano a conoscenza anche del golpe eseguito 5 anni fa, “noto come golpe dei platani verdi, realizzato ad Altamira il 30 aprile 2019, coordinato con Leopoldo López e con la Casa Bianca, con John Bolton, James Story e un cognome che compare, ‘Fouli’”, di cui Maduro ha detto che “è quello che comandava e comanda ancora”.

Maduro ha assicurato che questo gruppo aveva anche una grande rete di cospirazione attiva, in cui Carlos Vecchio agiva come “il grande estorsore” e minacciava persone in Venezuela di spiccare mandati di arresto o sanzioni negli Stati Uniti, chiedendo loro denaro per non farlo. 

“C'era un'enorme rete di corruzione e questo sarà rivelato. Diremo quanto denaro hanno dato a López, Ocariz, Vecchio e altri. Hanno rubato qui e hanno dato loro denaro lì, oltre a quello che hanno rubato con Guaidó. Questo è uno scandalo", ha esclamato Maduro.

“Erano articolati per distruggerci dall'interno con il piano di ripresa economica 2021-2022”.

Maduro sottolinea che gli elementi cominciarono ad arrivare, e quell'anno iniziò a condurre le indagini, e che grazie a ciò sono prigionieri, condannati e rei confessi. Ha anche spiegato di aver recuperato la governabilità di PDVSA a gennaio, ed è stato così che si è riuscito a fermare l'inflazione e a recuperare l'economia.

“Perché la rivoluzione sia una rivoluzione, deve avere una morale”, ha affermato. “Il legame cospirativo va ben oltre Julio Borges, Leopoldo López. È molto di più. Probabilmente ci saranno delle sorprese in questi giorni”.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La partita a scacchi più pericolosa di sempre di Giuseppe Masala La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti