Il nemico numero uno di lavoro e sanità

Il nemico numero uno di lavoro e sanità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!




C'è stato un tempo in cui la sinistra poneva il lavoro al centro della sua agenda (per la verità non solo la sinistra). Dopotutto a porlo al centro dell'interesse della Repubblica è la stessa Costituzione, collocandolo (è bene ricordarlo fino allo stremo) nel suo articolo 1.

Oggi le cose sono diverse e la (sedicente!) sinistra alimenta altre priorità. Ad esempio quella di tenere lontani dal lavoro (ripeto, diritto costituzionale a fondamento dell'Italia democratica, art. 1) coloro i quali abbiano deciso di non vaccinarsi.

Persino oggi, persino quando le trombe dell'emergenzialismo sanitario si sono quietate (ora urlano quelle contro il fascismo e quelle dell'emergenza energetica), Letta definisce un "premio" per il personale medico non vaccinato quello di poter tornare a lavoro.

Un diritto costituzionale presentato come un «premio».

L'ho già scritto tante volte e lo ripeto: il Partito Democratico è anti italiano e incostituzionale: ha tradito la Costituzione da molti anni e persegue interessi altri rispetto a quelli del nostro popolo. Merita da tempo la fine del Partito Socialista francese.

Oggi spaventa l'idea di una commissione d'inchiesta sulla gestione sanitaria e si comprende bene la ragione: scoperchierebbe una cupa verità fatta di scelte spesso illogiche, antiscientifiche (loro si!), liberticide e incostituzionali. Scelte che metterebbero in imbarazzo gran parte dei partiti italiani che le hanno compiute. Anche il Movimento 5 Stelle, che il Green Pass lo ha inventato quando era al governo sostenendo con tutte le forze l'azione di Roberto Speranza.
E mentre la Federazione Medici di Medicina Generale denuncia che con le attuali tendenze in cinque anni 14 milioni di italiani si troveranno senza medico di famiglia, Enrico Letta vuole sbarrare la strada ai sanitari non vaccinati, colpendo in un colpo solo due diritti costituzionali: lavoro e salute. Un elefante in una cristalleria.

«Peggio di così era difficile iniziare», scrive il segretario del PD e siamo perfettamente d'accordo con lui. Pessimo, come sempre.

Savino Balzano

Savino Balzano

Savino Balzano, nato a Cerignola nel 1987, ha studiato Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Perugia. Autore di "Contro lo Smart Working" (Laterza, 2021) e di "Pretendi il Lavoro! L'alienazione ai tempi degli algoritmi" (GOG, 2019). Sindacalista, si occupa di diritto del lavoro, collabora con diverse riviste.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Israele arranca – Salvo Ardizzone di Giacomo Gabellini Israele arranca – Salvo Ardizzone

Israele arranca – Salvo Ardizzone

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza di Michele Blanco Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Piketty e le conseguenze economiche dell'ineguaglianza

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti