Il missile Tochka-U contro il Donbass "usato dai russi" e altre mirabili fake news

Il missile Tochka-U contro il Donbass "usato dai russi" e altre mirabili fake news

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ma com’è che nessuna TV ha ancora raccontato che i 120 milioni di euro stanziati dall’Italia per armamenti e paghe per i mercenari sono, in gran parte, già andati in fumo? Ci riferiamo alla distruzione, ad opera di missili russi, della base militare di Yavoriv, in Ucraina a circa 25 chilometri dal confine con la Polonia, che ospitava il "Centro internazionale di mantenimento della pace e della sicurezza" dove in questi giorni venivano stipati armamenti provenienti dall’Occidente e dove si stavano addestrando i “volontari stranieri” (180 di questi sarebbe morti secondo fonti della Federazione russa) tra i quali Jihadisti  già utilizzati dal governo di Kiev nella guerra alle popolazioni del Donbass (15.000 morti in otto anni).

In compenso, dilagano a reti unificate, sbalorditive “notizie”, come quella delle “bestie di Putin” che giocano a calcio con le teste di bambin ucraini appena violentati e poi decapitati, diffusa da Andrea Margelletti; una colossale fake news che quasi fa impallidire quella dei “soldati tedeschi che mozzano le mani ai bambini in Belgio” con la quale si riuscì a trascinare l’Italia nella Prima guerra mondiale. O la  “morte della donna e del bambino che aveva in pancia” ripresa in un video-sceneggiata organizzata per far dimenticare la bufala del bombardamento dell’’ospedale pediatrico” di Mariupol. O gli “incessanti bombardamenti” su Kiev, “attestati” sempre dalle stesse immagini di due edifici (verosimilmente di civili abitazioni) in fiamme.

Intanto Open, Tempio del fact checking, davanti all’evidenza del missile Tochka-U usato esclusivamente dall’esercito ucraino e che ha ucciso 23 persone a Donetsk (controllata dalle truppe russe) suggerisce una possibile “spiegazione”: o è stato usato dai russi, verosimilmente per depistare, o il missile era fuori rotta perché già colpito dalla contraerea russa. In ogni caso, è sempre colpa dei Russi.

 

Francesco Santoianni

Francesco Santoianni

Cacciatore di bufale di e per la guerra. Autore di "Fake News. Guida per smascherarle"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti