Il Messico rivela finanziamento degli Stati Uniti a gruppo di opposizione

Il Messico rivela finanziamento degli Stati Uniti a gruppo di opposizione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Finanziamenti statunitensi a gruppi di opposizione. Il copione si ripete uguale in praticamente tutti i paesi dove vi sono governi sgraditi in quel di Washington. Adesso è il turno del Messico. Il presidente Andrés Manuel López Obrador, ha denunciato che il governo degli Stati Uniti ha finanziato dal 2018 un potente gruppo politico e imprenditoriale di opposizione guidato da Claudio X González, informa l’agenzia Prensa Latina. 

La rivelazione è stata fatta dal presidente poche ore prima di un dialogo telefonico con il vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris. 

López Obrador ha reso noto che il suo governo ha inviato una lettera all'amministrazione del presidente Joe Biden, in cui gli ha chiesto di confermare il finanziamento - ha presentato prove e fatture - e invitato il governo statunitense a spiegare la motivazione dietro al sostegno a questi gruppi che agiscono contro il suo governo per diffamare e opporsi a progetti ritenuti strategici dal governo messicano. 

"Messicani contro la corruzione" è un gruppo che si batte contro la costruzione del nuovo aeroporto di Santa Lucía, il Treno Maya e altre opere e leggi di riforma costituzionale.

Il presidente ha ribadito che tutte le prove sono reali, non false, e questo è ciò che ha permesso al ministro degli Esteri di inviare la nota diplomatica al governo degli Stati Uniti. 

È dimostrato, ha detto, come ricevono i soldi dal 2018 attraverso l'ambasciata degli Stati Uniti, da un'agenzia ufficiale del governo di Washington. Inoltre ha rivelato che Claudio X González è il figlio di un magnate con lo stesso nome e cognome, un leader del Consejo Empresarial, che ha partecipato attivamente alla frode elettorale del 2006 per permettere a Felipe Calderón di conquistare la presidenza.

Fu lui a lanciare la famosa minaccia in quell'anno che se Andrés Manuel López Obrador fosse diventato presidente, si sarebbe dovuto fare come il generale Augusto Pinochet in Cile nel 1973 per rovesciare Salvador Allende.

Il presidente ha rivelato che l'obiettivo di quel gruppo e di altri, tra cui diversi giornali dell'opposizione, commentatori televisivi e editorialisti pagati da Claudio X, è quello di impedire a Morena di raggiungere la maggioranza assoluta al Congresso sulla questione bilancio. Questo è il punto principale perché in questo modo si cerca di rendere il bilancio inapplicabile e di porre fine alla IV Trasformazione.

Questi sono alcuni dei beneficiari dei finanziamenti statunitensi, secondo quanto denunciato da López Obrador: la potente agenzia di stampa Articolo 19; il conduttore Ciro Gómez Leiva di  Canal Imagen; e i quotidiani Reforma ed El Universal, con il suo editorialista Carlos Loret. 

Attenderemo la risposta del governo degli Stati Uniti, ha concluso il presidente. 

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni? di Paolo Desogus Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Cosa aspetti Landini che ripristinano le corporazioni?

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice di Giorgio Cremaschi Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Omicidio Adil Belakhdim. Padroni assassini, governo complice

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà di Francesco Santoianni Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Mascherine all'aperto. Nel Cts c'è chi sfida ancora l'ovvietà

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra di Marinella Mondaini Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

Per chi si era illuso per il vertice di Ginevra

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie... di Giuseppe Masala L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

L'UE vuole il "Fauci europeo" per le prossime pandemie...

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition  di  Leo Essen Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Cina sotto attacco della Open Ran Policy Coalition 

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti