Il discorso di Xi Jinping all’apertura del vertice dei BRICS

Il discorso di Xi Jinping all’apertura del vertice dei BRICS

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giulio Chinappi

Il 22 giugno, Pechino ha ospitato il BRICS Business Forum, con la partecipazione dei massimi esponenti di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica.

 L’evento, che ha ricevuto gtande attenzione mediatica, dimostra come la Russia non sia affatto isolata come vorrebbe la propaganda occidentale.

Il 22 giugno si è tenuto a Pechino il BRICS Business Forum, un evento che ha visto la partecipazione delle cinque principali economie emergenti del pianeta: BrasileRussiaIndiaCina e Sudafrica. Al vertice, che si è svolto con il doppio formato online e offline, sono intervenuti il presidente cinese Xi Jinping, il presidente russo Vladimir Putin, il presidente brasiliano Jair Bolsonaro, il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa.

L’evento ha rappresentato un duro colpo alla propaganda massmediatica occidentale, che vorrebbe la Russia come un Paese isolato dalla diplomazia internazionale. Al contrario, il vertice dei BRICS dimostra come Paesi dal grande peso economico e demografico siano uniti nel progetto di un mondo che ponga definitivamente fine al progetto egemonico statunitense, basandosi sul multilateralismo e su delle relazioni internazionali tra pari.

Ad aprire l’evento, in quanto leader del Paese organizzatore, è stato proprio Xi Jinping, che ha pronunciato un discorso intitolato “Tenersi al passo con la tendenza dei tempi per plasmare un futuro luminoso”. Il presidente cinese ha affrontato alcune delle principali tematiche di attualità, come il Covid-19 e la difficile situazione economica internazionale, ed ha anche condannato le sanzioni illegali che gli Stati Uniti ed altri Paesi occidentali impongono contro i Paesi che si oppongono all’egemonia di Washington, come nel caso della stessa Russia.

Il presidente Xi ha esordito sottolineando che in questo momento il nostro mondo sta affrontando cambiamenti drastici e una pandemia mai vista nell’ultimo secolo: “Continuano a emergere varie sfide alla sicurezza. L’economia mondiale deve ancora affrontare forti venti contrari sulla via della ripresa e lo sviluppo globale ha subito gravi battute d’arresto. Dove va il mondo: Pace o guerra? Progresso o regressione? Apertura o isolamento? Cooperazione o confronto? Queste sono scelte dei tempi con cui dobbiamo confrontarci“.

Il presidente Xi ha sottolineato che la storia umana, come un fiume, continua a crescere, con momenti di acque calme che si alternano a grandi mareggiate: “Nonostante i cambiamenti in un ambiente globale in evoluzione, la tendenza storica all’apertura e allo sviluppo non invertirà il corso e il nostro desiderio condiviso di affrontare le sfide insieme attraverso la cooperazione rimarrà forte come sempre. […] Dobbiamo levarci in piedi per andare avanti con determinazione verso l’obiettivo di costruire una comunità con un futuro condiviso per l’umanità“.

In primo luogo, dovremmo abbracciare solidarietà e coordinamento e mantenere congiuntamente la pace e la stabilità nel mondo. Le tragedie del passato ci dicono che l’egemonia e lo scontro tra i blocchi non portano pace o sicurezza; portano solo a guerre e conflitti. La fede cieca nella cosiddetta “posizione di forza” e i tentativi di espandere le alleanze militari e cercare la propria sicurezza a spese degli altri non faranno che tramutarsi in un dilemma di sicurezza. Solo quando tutti noi amiamo e sosteniamo la pace e non dimentichiamo mai le dolorose lezioni della guerra può esserci speranza di pace. Dovremmo rimanere fedeli all’impegno della Carta delle Nazioni Unite e adempiere alla missione di mantenere la pace. Non molto tempo fa, ho presentato l’Iniziativa di Sicurezza Globale, invitando tutti i Paesi a rimanere impegnati nella visione di una sicurezza comune, globale, cooperativa e sostenibile; rimanere impegnati a rispettare la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi; rimanere impegnati a rispettare gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite; impegnarsi a prendere sul serio le legittime preoccupazioni di sicurezza di tutti i Paesi; rimanere impegnati a risolvere pacificamente le divergenze e le controversie tra i Paesi attraverso il dialogo e la consultazione; e a mantenere la sicurezza in entrambi i domini tradizionali e non tradizionali. Noi della comunità internazionale dovremmo rifiutare i giochi a somma zero e opporci insieme all’egemonismo e alla politica di potere. Dovremmo costruire un nuovo tipo di relazioni internazionali basate sul rispetto reciproco, equità, giustizia e cooperazione vantaggiosa per tutti. Dovremmo essere chiari sul fatto che siamo una comunità in cui tutti i Paesi condividono un interesse comune e dovremmo vedere che la luce della pace raggiungerà tutti gli angoli del mondo“.

In secondo luogo, dovremmo metterci in contatto gli uni con gli altri e promuovere insieme uno sviluppo globale sostenibile. Oggi, il processo di sviluppo globale ha incontrato grossi ostacoli. Quasi 1,2 miliardi di persone in quasi 70 Paesi devono affrontare la crisi di Covid-19, cibo, energia e debito. Ciò che è stato ottenuto in decenni di sforzi di riduzione della povertà globale potrebbe andare perso. L’anno scorso, ho presentato l’Iniziativa Globale per lo Sviluppo e ho invitato tutti i Paesi ad attuare l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, a creare partenariati per lo sviluppo globale uniti, eguali, equilibrati e inclusivi e a promuovere la cooperazione in un’ampia gamma di aree come la riduzione della povertà, la salute pubblica, l’istruzione, la connettività digitale e l’industrializzazione. Dovremmo approfondire la cooperazione per salvaguardare meglio la sicurezza alimentare ed energetica. Dovremmo cogliere le opportunità presentate dalla nuova rivoluzione scientifica e tecnologica e dalla trasformazione industriale e promuovere il flusso di fattori di produzione che consentono l’innovazione a livello globale. Dovremmo aiutare i Paesi in via di sviluppo ad accelerare lo sviluppo dell’economia digitale e la trasformazione verde. Dovremmo anche impegnarci nella cooperazione sulla risposta al Covid-19 e fornire più farmaci anti-Covid ai Paesi in via di sviluppo in modo da sconfiggere il virus. Dovremmo rispondere alle preoccupazioni delle persone, perseguire gli interessi più grandi di tutti i Paesi e guidare lo sviluppo globale verso una nuova era per offrire vantaggi a tutti“.

In terzo luogo, dovremmo superare insieme le difficoltà e perseguire insieme una cooperazione vantaggiosa per tutti. Al momento, alcune importanti catene industriali e di approvvigionamento stanno soffrendo di interruzioni deliberate, l’inflazione globale continua a crescere, il mercato finanziario internazionale è in fermento e la ripresa economica globale sta perdendo forza. Le persone hanno motivo di essere preoccupate che l’economia mondiale possa entrare in crisi. In questo momento critico, risolvere insieme le difficoltà e perseguire la cooperazione è l’unico modo per noi di prevenire una crisi economica. Dovremmo unirci con uno scopo comune e rafforzare il coordinamento delle politiche macroeconomiche. I principali Paesi sviluppati dovrebbero adottare politiche economiche responsabili ed evitare ricadute politiche negative che potrebbero avere pesanti ripercussioni sui Paesi in via di sviluppo. È stato dimostrato più volte che le sanzioni sono un boomerang e un’arma a doppio taglio. Politizzare l’economia globale e trasformarla nel proprio strumento o arma e imporre intenzionalmente sanzioni usando la propria posizione primaria nei sistemi finanziari e monetari internazionali finirà solo per ferire i propri interessi e quelli altrui e infliggere sofferenza a tutti“.

Quarto, dovremmo essere inclusivi ed espandere insieme l’apertura e l’integrazione. Da qualche tempo, tuttavia, la globalizzazione economica ha dovuto affrontare venti e correnti contrari. Nella comunità internazionale è diffusa la preoccupazione che, se tale tendenza dovesse continuare, l’economia globale diventerà compartimentata e si escluderà a vicenda. La globalizzazione economica è una risposta allo sviluppo della produttività e, come tale, rappresenta un trend storico inarrestabile. Chiunque tenti di far tornare indietro la ruota della storia e bloccare la strada agli altri avrà solo il proprio percorso bloccato. Dovremmo continuare a impegnarci per l’apertura e l’inclusività, eliminare tutte le barriere allo sviluppo della produttività e guidare la globalizzazione nella giusta direzione. Ciò aumenterà il libero flusso di capitali e tecnologia, libererà il pieno potenziale di innovazione e creatività e promuoverà la sinergia per stimolare la crescita economica globale. Dovremmo sostenere il sistema commerciale multilaterale incentrato sull’OMC, rimuovere le barriere al commercio, agli investimenti e alla tecnologia e mantenere aperta l’economia globale. Dovremmo promuovere un’ampia consultazione e un contributo congiunto per fornire benefici condivisi, rafforzare la governance economica globale e aumentare la rappresentanza e la voce in capitolo mercati emergenti e Paesi in via di sviluppo. Ciò garantirà che tutti i Paesi godano di pari diritti, seguano le regole da pari a pari e condividano pari opportunità“.

Il presidente Xi ha sottolineato che quest’anno, di fronte a un ambiente interno e internazionale complicato e difficile per lo sviluppo, la Cina ha affrontato varie sfide e ha adottato misure ben coordinate per rispondere al Covid-19 e perseguire lo sviluppo economico e sociale: “Mettendo al primo posto le persone e le loro vite, abbiamo protetto la vita e la salute delle persone e assicurato prestazioni complessivamente stabili nello sviluppo economico e sociale nella massima misura possibile. Intensificheremo l’adeguamento delle politiche macroeconomiche e adotteremo misure più energiche per raggiungere gli obiettivi di sviluppo economico e sociale per l’intero anno. Nella seconda metà di quest’anno, il Partito Comunista Cinese convocherà il suo 20° Congresso Nazionale, che traccerà la rotta per la prossima fase di sviluppo della Cina. Concentreremo i nostri sforzi nella nuova fase di sviluppo, seguiremo la nuova filosofia di sviluppo, promuoveremo un nuovo paradigma di sviluppo e ci adopereremo per ottenere uno sviluppo di alta qualità. La Cina continuerà a perseguire l’apertura a standard più elevati, sviluppare nuovi sistemi per un’economia aperta di standard più elevati e continuare a promuovere un ambiente imprenditoriale basato sul mercato, sulla legge e internazionalizzato. Vi do un cordiale benvenuto  a investire e fare affari in Cina, rafforzare la cooperazione commerciale con la Cina e condividere le opportunità di sviluppo della Cina“.

Il presidente Xi ha sottolineato che il meccanismo BRICS è un’importante piattaforma di cooperazione per i mercati emergenti e i Paesi in via di sviluppo: “La cooperazione BRICS è ora entrata in una nuova fase di sviluppo di alta qualità”. Il leader cinese ha espresso speranza che i leader aziendali continueranno ad agire con tenacia e con uno spirito pionieristico e promuoveranno uno sviluppo aperto, innovativo e condiviso in modo da aggiungere nuovo slancio alla cooperazione BRICS e fornire più vantaggi di sviluppo a tutti in un modo più equo: “Finché terremo in alto la vela del vantaggio reciproco e per tutti e manterremo una mano ferma sul timone della solidarietà e della cooperazione, spezzeremo le onde e guideremo la gigantesca nave dei Paesi BRICS verso un futuro più luminoso!“.

CLICCA QUI PER LA PAGINA FACEBOOK

Copyleft © Tutto il materiale è liberamente riproducibile ed è richiesta soltanto la menzione della fonte e del link originale.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti