Il diritto negato nelle "Patrie" della democrazia

Il diritto negato nelle "Patrie" della democrazia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Federico Giusti

Un tribunale dello stato di New York ha emesso un ordine restrittivo per impedire il voto dei membri del sindacato dei difensori pubblici di New York City che si oppongono al genocidio israeliano a Gaza.

Ne parla un articolo pubblicato su un sito marxista statunitense al quale rinviamo per la lettura integrale.

Questo decreto restrittivo è una vera e ingiustificabile ingerenza nelle attività democratiche e rappresenta un pericoloso precedente che consentirà ai datori di lavoro di intervenire ogni qual volta vengono assunte posizioni contrarie ai loro interessi, siamo davanti a una deliberata censura atta a bloccare la mobilitazione a favore del popolo palestinese per criminalizzare l'operato delle voci critiche sull'operato dei Governi Usa e di Israele.

Da qui parte anche il tentativo di mettere fuori legge le manifestazioni di piazza che hanno paralizzato le università e le scuole e anche alcuni posti di lavoro.

Il presunto diritto interviene contro la libertà di espressione e di manifestazione per sposare le ragioni della guerra di Israele per affermare un solo punto di vista sul conflitto in Medio Oriente e alla fine favorisce anche l'odio contro la popolazione di religione musulmana come dimostra l'uccisione di alcuni giovani palestinesi nei giorni scorsi

Rinviamo al testo della risoluzione a sostegno dei sindacati palestinesi vittima oggetto di censura, un testo la cui colpa è quella di sostenere il diritto dei palestinesi al ritorno nelle terre da dove , fin dal 1948, sono stati espulsi con violenza e sopraffazione.

 ALAA Resolution for Palestine - Documenti Google

 La giustizia statunitense, come quella occidentale, vuole stabilire cosa sia legittimo e cosa invece sia da censurare e con questo mette la museruola a sindacati e associazioni che non sono più libere di esprimere democraticamente il loro punto di vista e di intraprendere iniziative decise a maggioranza

L'azione legale la dice lunga sul concetto di giustizia negli Usa, la democrazia non esiste e diventa una vera farsa, è stato sufficiente ritenere questo Testo come antisemita per spingere il Tribunale a intervenire nel nome della lotta al terrorismo.

Come avviene in Israele anche in Europa ogni forma di solidarietà con il popolo palestinese potrebbe diventare un aperto sostegno al terrorismo dimenticando la mattanza di Gaza con oltre 20 mila morti civili. 

Un sindacato è quindi imbavagliato per avere assunto posizioni  e risoluzioni a favore della Palestina, un domani potrebbe avvenire per molte altre questioni con l'inevitabile canea mediatica orchestrata contro le voci critiche e dissenzienti. A gestire le campagne poi i giornali di proprietà di importanti multinazionali che hanno interessi economici rilevanti da salvaguardare a mero discapito delle libertà democratiche di espressione.

La democrazia finisce dove iniziano gli interessi materiali dei dominanti, è sufficiente agitare lo spettro del terrorismo per un intervento di qualche Tribunale  e presto potrebbe accadere per impedire l'esercizio di sciopero che nei paesi occidentali è già stato fortemente contratto.  E come se non bastasse ci sono poi le solite liste nere delle organizzazioni da bandire perchè ritenute fiancheggiatrici del terrorismo e dentro le quali potrebbero finire anche quanti rivendicano solo il diritto di espressione fino alle cause risarcitorie che potrebbero dissanguare e distruggere sindacati e associazioni

 Scenari per altro già noti negli Usa quando sotto processo finirono le associazioni pacifiste che si opposero alla guerra in Vietnam o quando si intervenne a vari livelli per imbavagliare il sindacato accusandolo di continuità al comunismo durante gli scioperi degli anni trenta del secolo scorso (e la degenerazione del sindacato Usa è confermata dalla posizione dell'AFL-CIO che ha assunto posizioni di aperto sostegno all'operato di Israele).

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti