IL BUY-BACK SPIEGATO FACILE

IL BUY-BACK SPIEGATO FACILE

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


DALLA PAGINA FACEBOOK DI GILBERTO TROMBETTA


“I manager delle corporation usano generalmente i buy-back, ovvero gli acquisti delle azioni delle loro società, per gonfiare il rendimento di ogni singola azione (earnings per share, EPS): infatti grazie al buy-back diminuisce il numero di azioni in circolazione e gli utili aziendali vengono spalmati su un numero minore di azioni.
Ovviamente questo va a vantaggio degli azionisti e dei manager che hanno opzioni sulle azioni della loro impresa, ma certamente non rafforza il capitale delle imprese. Anzi: molto spesso le imprese si indebitano pesantemente emettendo obbligazioni (acquistate a piene mani dagli istituti bancari) solo per riacquistare i propri titoli azionari che così in borsa aumentano artificiosamente di valore.
Il buy-back è tutt’altro che un fenomeno isolato ed eccezionale: al contrario è normale, comune e diffuso, provoca un artificioso aumento dei valori di mercato e contemporaneamente un forte indebitamento e impoverimento delle aziende. Prima del 1981 nel Regno Unito, e prima del 1982 negli Stati Uniti, il buy-back era proibito ed era considerato manipolazione di mercato. Dopo che è stato permesso si è diffuso sempre di più.
Nel 2019, secondo le stime di bank of America Merrill Lynch, le aziende hanno speso circa 823 miliardi di dollari per ricomprare le loro stesse azioni. Goldman Sachs stima invece numeri superiori: 940 miliardi di dollari con una crescita del 13% rispetto all’anno prima.
Secondo la Banca dei regolamenti Internazionali tra il 2010 e il 2019 le aziende statunitensi hanno distribuito 4 trilioni di dollari di dividendi e 6 trilioni di dollari di buy-back agli azionisti, ovvero 4 trilioni di dollari al netto del costo per l’emissione di azioni, una cifra enorme. Il valore complessivo dei buy-back è triplicato in un decennio. La borsa americana ormai serve più ad arricchire gli azionisti e i manager che a rafforzare le imprese”.

Il fallimento della moneta, di Enrico Grazzini

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti