I caccia Su-35 della Russia intercettano bombardiere B-1B USA sul Mare di Okhotsk

I caccia Su-35 della Russia intercettano bombardiere B-1B USA sul Mare di Okhotsk

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Tre caccia russi Su-35 sono stati richiamati per intercettare un bombardiere strategico statunitense e seguirlo sul mare di Okhotsk, ha riferito venerdì il Centro di controllo della difesa nazionale russo.

 

I sistemi di controllo dello spazio aereo russo hanno rilevato un bersaglio aereo sulle acque neutre dell'Oceano Pacifico che si avvicinava al confine di Stato della Russia verso le 19:00 del 7 agosto ora locale (12:00 ora di Mosca), ha detto il Centro.

 

"Tre caccia Su-35S delle forze di allarme di reazione rapida della difesa aerea del Distretto militare orientale sono stati fatti decollare per intercettare l'obiettivo, che hanno identificato come un bombardiere strategico B-1B dell'Aeronautica nordamericana e lo hanno costantemente ombreggiato sul Mare di Okhotsk”, ha reso noto il National Defense Control Center.

 

Non sono state consentite violazioni del confine di Stato della Russia da parte del bombardiere strategico B-1B dell'aeronautica statunitense, ha sottolineato il Centro.

 

"Dopo che l'aereo degli Stati Uniti si è allontanato dal confine di Stato della Russia, i combattenti russi sono tornati sani e salvi al loro aerodromo di casa”, ha detto il National Defence Control Center.

 

L'intero volo dei tre caccia russi Su-35S è avvenuto nel rigoroso rispetto delle regole internazionali sull'uso dello spazio aereo.

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti