I caccia stealth F-35 e Su-57 sono pronti per essere affiancati da "Robotic Wingman"

I caccia stealth F-35 e Su-57 sono pronti per essere affiancati da "Robotic Wingman"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Russia sta sviluppando un nuovo drone in grado di funzionare come gregario autonomo per i piloti umani. Diversi nuovi progetti di veicoli aerei senza pilota (UAV), tra cui il "Grom" ("Thunder") e l'Helios, creati dallo sviluppatore di sistemi aerei senza pilota Kronstadt Group sono stati presentati alla fiera Army 2020 a Mosca.

 

Nikolai Dolzhnekov, il progettista generale del Kronstadt Group, ha detto a Sputnik che Grom è progettato per fornire supporto per i caccia Sukhoi Su-35 e Sukhoi Su-57. Pesa circa 7 tonnellate e ha un carico utile di 500 kg, con la sua missione principale di aiutare a mantenere i piloti e i loro aerei al sicuro fornendo supporto nella distruzione delle difese aeree nemiche e nello svolgimento di altre operazioni di combattimento.

 

"Non è chiaro quanto abbiano fatto gli sviluppatori del produttore di droni Kronstadt Group sull'aspetto più critico di questo tipo di veicolo aereo senza pilota: l'intelligenza artificiale che consente al veicolo di prendere decisioni da solo", ha scritto David Axe, corrispondente militare statunitense.

 

"Grom è un concetto, quindi la sua missione finale - e persino la forma - può cambiare in base ai test e alla valutazione dell'attuale airframe”, ha affermato Samuel Bendett, analista del Center for a New American Security con sede a Washington, DC.

 

Un altro drone presentato è stato l'Helios che può eseguire la sorveglianza radar e assistere nella guida.

 

“L'Helios è un drone di sorveglianza e guida radar da cinque tonnellate. Quando viene utilizzato come radar, molto probabilmente sarà dotato di parte della stazione radar utilizzata nel Beriev A-100 "Premier" [velivolo di preallarme e controllo] ", ha spiegato Dolzhnekov. Il capo progettista ha riconosciuto che nessun contratto è stato firmato dal ministero della Difesa russo per Helios, ma l'aviazione navale russa ha espresso grande interesse per il potenziale UAV.

 

Non solo la Russia si muove in tal senso.

 

È noto che anche gli Stati Uniti ci stanno lavorando. L'American Valkyrie costa solo $ 2 milioni, il che lo rende più "attraente", ovvero un tratto di design che scambia affidabilità e manutenzione con un basso costo.

 

In altre parole, è accettabile perdere un gran numero di tali droni in combattimento. "L'idea di un gregario robot è che può tenere il passo con gli aerei con equipaggio, ma essere incaricato di parti della missione che non manderesti a fare un compagno di squadra umano", ha spiegato Peter W. Singer, analista del New America Foundation a Washington, DC a Forbes.

 

L'aeronautica militare statunitense prevede di unire i suoi primi droni gregari con il caccia stealth F-35 e la nuova versione F-15EX del classico caccia Eagle.

 

Secondo Axe, è difficile perfezionare un A.I. che può duplicare, o addirittura migliorare, il processo decisionale di un pilota umano addestrato. Negli Stati Uniti, molto lavoro sull'AI dei droni.

 

Nel frattempo, non è chiaro fino a che punto siano arrivati i russi nello sviluppo del proprio codice. "Possono avere già il software, ma non vedono la necessità di rivelarlo in pubblico", ha detto Bendett. “Dopotutto, il software è la parte fondamentale di quel drone. Quindi penso che nei prossimi anni saranno disponibili maggiori dettagli".

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti