Hezbollah: Dalla Siria all'Afghanistan, USA in prima linea nell'oppressione

Hezbollah: Dalla Siria all'Afghanistan, USA in prima linea nell'oppressione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Dalla questione palestinese, al ritiro degli Usa dall'Afghanistan, alla saccheggio delle risorse naturali degli statunitensi in Siria, le ingerenze in Libano, ecco i punti saliente del discorso che ieri sera ha tenuto il Leader di Hezbollah Hassan Nasrallah per la ricorrenza del giorno dell'Ashura.

La nostra priorità è contrastare il regime israeliano

"Affrontare il regime sionista usurpatore è una delle nostre principali priorità", ha dichiarato il segretario generale del Movimento di resistenza islamica libanese (Hezbollah), in un discorso in occasione del giorno dell'Ashura, che segna l'anniversario del martirio del Terzo Imam degli sciiti, Imam Hussein ().

Nasrallah ha anche sottolineato la necessità di sostenere il popolo palestinese nella Cisgiordania occupata, Al-Quds (Gerusalemme) e nella Striscia di Gaza assediata. "Sottolineiamo il sostegno al popolo palestinese fino a quando non riconquisterà completamente la sua terra", ha aggiunto.

Allo stesso tempo, ha espresso il desiderio che gli usurpatori israeliani lascino i territori palestinesi; Sostenere la Palestina è dovere dell'intero Asse di Resistenza, ha sottolineato, ribadendo che "vogliamo creare una nuova equazione regionale per proteggere i santuari e contrastare le minacce affrontate da Al-Quds e dai suoi santuari".

USA, in prima linea nella tirannia e nell'oppressione nel mondo

Nasrallah ha anche fatto riferimento alla sconfitta degli Stati Uniti in Afghanistan e ha denunciato che i governi del Paese nordamericano sono in prima linea nella tirannia e nell'operazione nel mondo.

“La nostra sovranità, così come le nostre risorse e ricchezza nella nostra regione, devono appartenere alle nazioni e ai paesi della regione. Dopo la sconfitta degli Stati Uniti in Afghanistan, tutti gli occhi sono puntati sull'occupazione dell'Iraq e della Siria da parte di Washington", ha ricordato.

In questo stesso contesto ha precisato che l'Iraq deve trarre insegnamento da quanto accaduto in Afghanistan, cioè la presa del potere da parte del gruppo armato talebano nonostante la presenza degli USA. Infatti, la decisione di Baghdad di espellere le forze nordamericane di il Paese arabo è “un grande traguardo”.

"Gli iracheni devono anche considerare la questione dei consiglieri e delle forze di addestramento statunitensi, tenendo conto dell'esperienza afghana".

Gli Stati Uniti aiutano i terroristi dell'ISIS-DAESH a saccheggiare le risorse siriane

Nasrallah ha inoltre denunciato la presenza degli Stati Uniti in Siria con il pretesto di combattere il gruppo terroristico Daesh. A suo avviso, le scuse di Washington per rimanere in Siria sono "una falsa dichiarazione". Gli stessi paesi della regione sono in grado di combattere i terroristi e non hanno bisogno degli americani, ha aggiunto.

Le truppe statunitensi facilitano i movimenti degli estremisti Daesh in Siria, ribadendo che l'obiettivo di Washington è saccheggiare il petrolio siriano, avvertendo che devono lasciare questo territorio il prima possibile.

L'ambasciata degli Stati Uniti è il centro della cospirazione contro il Libano

Parlando della crisi interna in Libano ha lamentato che l'ambasciata degli Stati Uniti a Beirut è dietro gli atti provocatori che cercano di destabilizzare questo paese.

“L'ambasciata Usa […] sta conducendo una guerra economica e mediatica contro il Libano […] non è una missione diplomatica ma il centro di una cospirazione contro il popolo libanese” , ha ribadito.

Come ha assicurato Nasrallah, "nessuno può sconfiggerci e incitarci a tenere comportamenti frettolosi e scorretti" e l'ambasciata Usa a Beirut fallirà.

Nonostante le sanzioni, l'Iran non abbandona i suoi alleati

Il leader di Hezbollah si è rivolto anche al sostegno dell'Iran alla Resistenza, rilevando che, nonostante le sanzioni, la Repubblica Islamica non ha mai abbandonato i suoi alleati e amici.

Oltre a sottolineare che l'Iran non ha mai interferito negli affari interni del Libano, Nasrallah ha ringraziato il costante sostegno del Paese persiano al popolo libanese e alla Resistenza per far fronte alle aggressioni dei nemici.

La nave iraniana è considerata territorio libanese

Riferendosi all'importazione di carburante dall'Iran per risolvere la crisi libanese, il leader di Hezbollah ha riferito che la prima nave che trasporta carburante dall'Iran ha completato tutti i suoi passaggi e partirà tra poche ore.

A tal proposito ha ammonito Usa e Israele a non commettere errori, dal momento che la nave iraniana è considerata territorio libanese dal momento in cui salpa per il Paese arabo.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra