Ha ragione Andrei Martyanov nelle sue critiche alle "élite" al potere negli Stati Uniti?

Ha ragione Andrei Martyanov nelle sue critiche alle "élite" al potere negli Stati Uniti?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Nota su Andrei Martyanov* necessaria prima di leggere il testo che abbiamo tradotto di Andrei Raevsky.

Secondo Pepe Escobar, Martyanov è probabilmente il più importante analista militare della sfera russa – vive e lavora negli Stati Uniti, scrive in inglese per un pubblico globale e si distingue sempre per il suo blog Reminiscence of the Future.

Andrei Martyanov è un esperto di questioni militari e navali russe. È nato a Baku, in URSS, si è diplomato all'Accademia Navale della Bandiera Rossa di Kirov e ha prestato servizio come ufficiale sulle navi e in posizione di staff della Guardia Costiera sovietica fino al 1990. Ha partecipato agli eventi nel Caucaso che hanno portato al crollo dell'Unione Sovietica. A metà degli anni '90 si è trasferito negli Stati Uniti dove ha lavorato come direttore di laboratorio in un gruppo aerospaziale commerciale. Scrive spesso sul blog dell'Istituto navale statunitense. È autore dei libri "Losing Military Supremacy: The Myopia of American Strategic Planning", "Disintegration Indicators of the Coming American Collapse " e "The Real Revolution in Military Affairs".


---------------------------

 

di Andrei Raevsky per il suo sito The Saker

(traduzione a cura di: Nora Hoppe)

 

Chi, come me, cerca di non perdersi nessun video o articolo di Andrei Martyanov* sa che uno dei suoi argomenti "preferiti" è la totale incompetenza delle élite occidentali in generale e di quelle statunitensi in particolare.  Sono certo che le sue critiche appaiano a molti esagerate e questo è normale.  È del tutto controintuitivo supporre che la classe dirigente (perché di questo si tratta) di una superpotenza nucleare e, probabilmente, del Paese più potente del pianeta, possa essere governata da imbecilli, ignoranti e disonesti.

Quindi, ha ragione o no?  Parla perché è "anti-USA" o perché è un "propagandista russo"?

Ho deciso di intervenire, perché conosco dall'interno ciò che Martyanov descrive dall'esterno, quindi voglio condividere con voi le mie osservazioni su questo argomento.

Ho studiato negli Stati Uniti per cinque anni, dal 1986 al 1991, e in questo periodo ho conseguito due lauree: un BA in Relazioni Internazionali presso la School of International Service (SIS) dell'American University e un MA in Studi Strategici presso la Paul H. Nitze School for Advanced International Studies (SAIS) della Johns Hopkins University. Negli stessi anni ho lavorato anche per diversi think tank (molto conservatori).  Quella che segue è una sintesi delle osservazioni che ho fatto durante questo periodo e dopo.

In primo luogo, e credo che questo sia un punto cruciale, sostengo che alla fine degli anni '80 si sia verificato un cambiamento generazionale, ma che tutto sia iniziato con la presidenza di Ronald Reagan.  Mi spiegherò…

È innegabile che in passato i college statunitensi godevano di un'ottima reputazione a livello mondiale.  Il numero di studenti stranieri provenienti da tutto il mondo è un buon indicatore di questa realtà.  E non si può avere un'università/college/accademia solida senza insegnanti solidi e competenti.  Durante i miei 5 anni a Washington DC, ho avuto la possibilità di avere insegnanti con background molto diversi e interessanti, tra cui persone con le seguenti esperienze: (solo alcuni esempi che ricordo meglio)

  • Servizi segreti navali delle Nazioni Unite
  • Ufficio di valutazione delle reti
  • Dipartimento della Difesa (tutti i rami tranne i Marines)
  • Casa Bianca
  • CIA
  • Northrop/McDonnell Douglas Corporation (divisione YF-23)
  • PMC [società militare privata] (israeliani)
  • GAO [Ufficio di responsabilità del governo]

La maggior parte dei nostri insegnanti aggiunti, al contrario degli accademici di ruolo, aveva l'insegnamento come "lavoro serale" (letteralmente), mentre durante il giorno si dedicava al proprio lavoro "normale/reale".  Anche durante la Guerra del Golfo, avevamo insegnanti che pianificavano attacchi a obiettivi iracheni durante il giorno e venivano a tenere lezioni la sera.

Descriverei molti di loro come i "tipi da Colonnello MacGregor", in quanto appartengono a quella vecchia generazione della Guerra Fredda che non aveva alcun bisogno dei "pazzi nel seminterrato" e la cui competenza era indiscutibile, anche se la loro politica non lo era.

E sì, avevamo anche la possibilità di seguire corsi tenuti da persone della CIA e del DoS [Dipartimento di Stato americano].  Ma queste sono una categoria speciale, ed ecco perché: la maggior parte, ma non tutte, le persone che provenivano dalle agenzie che ho elencato sopra non avevano all'inizio della loro carriera opinioni forti sull'URSS, sulla Russia o sul popolo russo.  Al contrario, seguivano prima un percorso di carriera piuttosto "tecnico" e poi, col tempo, sviluppavano opinioni sull'Unione Sovietica e sui russi.  Ad esempio, un ragazzo esperto di sistemi radar finirebbe per studiare i radar sovietici e gradualmente svilupperebbe un interesse naturale verso le persone che operano questi radar sovietici.  Nella maggior parte dei casi, riassumerei le opinioni di questa generazione di persone come segue: una forte antipatia per il marxismo, il comunismo e persino il socialismo (che, francamente, la maggior parte di loro ignorava completamente), ma senza alcuna idealizzazione del tubocapitalismo o dell'imperialismo statunitense, che vedevano piuttosto cinicamente come "lo facciamo perché possiamo" combinato con "prendiamo ordini".  Avevano anche un sano rispetto per la professionalità delle loro controparti sovietiche e, molto spesso, una vera e propria simpatia (no, non sto scherzando) per il popolo e la cultura russi.  Uno dei miei migliori insegnanti in assoluto era un ex ufficiale dei servizi segreti dell'USN che parlava abbastanza bene il russo e che era di origine polacca (!).  Siamo diventati buoni amici e posso assolutamente confermare che quest'uomo era un vero russofilo.  Ora, non direi che tutti i nostri insegnanti fossero necessariamente filorussi, ma la maggior parte di loro vedeva l'URSS marxista come il nemico ideologico e non il popolo o la cultura russa in quanto tale.

Non c'era nessun "#cancelRussia" nelle loro menti.

Le cose erano molto diverse con i membri della CIA o del Dipartimento di Stato.  Credo che la maggior parte (ma probabilmente non tutti) dei loro membri abbiano INIZIALMENTE scelto carriere "antisovietiche" perché erano motivati dall'odio per il comunismo/URSS/Russia e quindi hanno fatto carriera essendo "integralisti", cioè persone che avrebbero ripetuto qualsiasi tipo di cliché sull'Unione Sovietica, non importa quanto sciocco.

Dovrei aggiungere che la prima generazione si trovava per lo più in dipartimenti come relazioni internazionali, studi sulla sicurezza, studi strategici e simili, mentre la seconda insegnava tipicamente in dipartimenti come scienze politiche o studi governativi.  Alla SIS/SAIS li chiamavamo "fanatici delle scienze politiche" e non interagivano molto con loro.  E sì, coloro che avevano un cervello da scienziato STEM [Science, Technology, Engineering and Math] provenivano in genere da settori scientifici e apprezzavano il popolo e la cultura russa, mentre tra i "fanatici delle scienze politiche" c'erano pochissimi scienziati (da qui la scelta di corsi più ideologici rispetto a quelli più tecnici).

Ma poi, come ho già detto, è arrivato Ronald Reagan, che ha avuto un enorme impatto sulla scena politica statunitense.

Prima di Reagan, c'erano i paleo-liberali e i paleo-conservatori; i primi erano inclini a laurearsi in materie come gli "studi sulla pace", mentre i secondi studiavano per ottenere lauree più "geostrategiche" o addirittura accademie militari.  Poi Jimmy Carter divenne presidente e i suoi numerosi fallimenti e debolezze assicurarono la trionfale elezione di Reagan.  A quel tempo, esisteva già un piccolo e sgradevole gruppo di ideologi che, col tempo, divenne noto come i neocon.  Questi neocons, pur non essendo brillanti, erano abbastanza furbi da capire che il Partito Democratico era stato schiacciato da Reagan e che ora il potere era del GOP.  Ecco quindi cosa hanno fatto:

I (proto-)neocon hanno iniziato a finanziare think tank (paleo-)conservatori come, ad esempio, la Heritage Foundation.  Poi, in qualità di sponsor principali dei numerosi think tank presenti a Washington, hanno fatto eleggere i propri collaboratori nei consigli di amministrazione di questi think tank.  Ben presto, i presidenti/capitavola/direttori di questi think tank, tipicamente (paleo-)conservatori, sarebbero stati sostituiti da veri e propri neoconservatori incalliti.  Dopodiché, era R.I.P. per qualsiasi forma di vero conservatorismo tradizionale degli Stati Uniti.

Inutile dire che la "vecchia guardia" (costituita perlopiù di "anglos") provava solo disgusto e disprezzo per questi fanatici dell'ideologia, se non altro perché questi ultimi erano incredibilmente ignoranti.  Ma il denaro parla e, nel corso degli anni, la competenza è stata sostituita da una "lealtà integralista" e da un fortissimo allineamento ideologico con il peggio del peggio di quelli che venivano chiamati "i pazzi del seminterrato" (che si riferiva sia al seminterrato del Pentagono che a quello della Casa Bianca).

Ora è fondamentale capire quanto i neocon odino la Russia, cosa piuttosto difficile e molto controintuitiva per le persone normali.  Il livello di odio dei neocon per la Russia si qualifica come razzismo crasso della peggior specie.

[Nota a margine: ho messo in guardia su questo aspetto almeno dal 2008, vedi qui: "Come un concetto medievale di etnia fa commettere alla NATO un altro pericoloso errore".  E ora, QUINDICI anni dopo, sono piuttosto inorridito dal fatto che le mie previsioni si stiano avverando sotto i nostri occhi.  Vorrei davvero, sinceramente, essermi sbagliato...]

Questo tipo di mentalità rabbiosa potrebbe essere esistita tra alcuni paleoconservatori, ma personalmente non ho mai incontrato persone del genere (almeno negli Stati Uniti; nel Regno Unito l'intera classe dirigente britannica è stata visceralmente razzista e russofoba per secoli!)  Non è quindi affatto sorprendente che, al posto della competenza, questi neoconservatori "gareggino" su "chi può essere il più anti-russo" e che, per raggiungere questo status, QUALSIASI argomentazione – non importa quanto evidentemente stupida – venga acriticamente considerata valida e legittima.

Ci si potrebbe chiedere perché la "vecchia guardia" non abbia fatto nulla per fermare il marciume delle infezioni.  E, in effetti, alcuni ci hanno provato; conosco personalmente due direttori di think tank che ci hanno provato, ma sono stati traditi dall'amministrazione Reagan, che sembrava avere la fortuna di avere razzisti russofobi rabbiosi anche in posizioni molto alte.  Infine, questi sono gli Stati Uniti dell'America, la "migliore democrazia che il denaro possa comprare" e dove il dollaro è il re.  In poche parole, i neoconservatori disponevano di MOLTE risorse finanziarie, molto più dei paleoconservatori, e si sono semplicemente "comprati" l'ingresso nelle élite al potere negli Stati Uniti.

Poi è successo l'inevitabile: quando i paleoconservatori professionalmente competenti hanno visto le loro istituzioni e organizzazioni invase da pazzi ideologici incompetenti, hanno mantenuto un basso profilo e hanno aspettato di andare in pensione o si sono semplicemente dimessi.

 

Ciò ha innescato un precipitoso declino della competenza della classe dirigente statunitense.

Nel frattempo, i liberali cominciarono a rendersi conto che i neocon li ridicolizzavano come "deboli in difesa" e, in sostanza, come perdenti.  Così hanno cercato di dimostrare che anche loro potevano essere "intransigenti" come gli altri.  Questo è un aspetto che ha colpito i liberali non solo negli Stati Uniti, ma anche in tutta la Zona A (compresa l'Europa).  In poche parole: i liberali non hanno avuto il coraggio, la forza d'animo e l'onore di lottare per i loro valori, quindi hanno semplicemente ceduto alla tendenza imposta dai neocon e il brutto fenomeno noto come "neolib" ha sostituito sempre più completamente i liberali vecchio stile.

Ecco perché oggi assistiamo al brutto spettacolo di pseudo-liberali che cercano di superare i neocon.

E, ancora una volta, proprio come le loro controparti paleoconservatrici, i paleoliberali hanno mantenuto un basso profilo e hanno atteso la pensione o si sono dimessi.

Alcuni, come il compianto professor Stephen Cohen, hanno resistito e si sono rifiutati di seguire la corrente, ma sono stati diffamati, ostracizzati e, alla fine, completamente ignorati.  Eppure, fino all'ultimo respiro, il professor Cohen è rimasto uno storico e analista di livello mondiale, fedele ai suoi ideali e sincero amico della Russia.

Ma nel discorso pubblico, i pochi "Stephen Cohen" furono sostituiti dai molti "Eliot Cohen".

Da quel momento, per il sistema di governo statunitense fu tutto in discesa.

George H.W. Bush è stato probabilmente l'ultimo Presidente "vecchio stile", poi un freak ha sostituito un altro.  Clinton era un totale burattino dei neoconservatori.  Così come Dubya.  Obama, a quanto pare, non è uscito dal campo dei neocon, ma è stato cooptato così rapidamente che non ha fatto alcuna differenza.  E, come tutti sappiamo, mentre Trump ha promesso di "bonificare la palude", i neocon lo hanno messo alle strette in meno di un mese (quando gli hanno fatto tradire il generale Flynn e la testa di quest'ultimo è stata "servita su un piatto d'argento" da Trump e Pence).  Per quanto riguarda Biden, la sua amministrazione è pura, genuina, certificata al 100% dai neocon, con neolib e freaks woke assortiti aggiunti per motivi di "diversità".

Perché è importante?  Perché chi controlla la Casa Bianca controlla i flussi di denaro che, nella realtà della politica statunitense, è l'unica cosa che conta di più.

Tra l'altro, l'11 settembre ha giocato un ruolo cruciale in questo caso.

È abbastanza ovvio che l'11 settembre è stato un "lavoro dall'interno" dei neocon e che è servito come pretesto per iniziare la GWOT [guerra globale al terrorismo].  Tuttavia, ha avuto anche un altro ruolo molto importante: ha costretto ogni figura pubblica negli Stati Uniti a scegliere uno dei due campi:

  • essere obbediente e accettare la teoria del complotto (mortalmente idiota) della Casa Bianca oppure
  • perdere il proprio lavoro, la propria posizione, la propria reputazione e i propri mezzi di guadagno.

La maggior parte, senza sorpresa, ha ceduto e l'11 settembre ha finito per "legare insieme" l'intera classe dirigente statunitense.  Questo tipo di legame è quello che hanno i complici criminali: se uno cade, cadono tutti, da qui l'omertà intorno al tema dell'11 settembre, anche se è stato dimostrato con una preponderanza di prove e persino al di là di ogni ragionevole dubbio che l'11 settembre è stato, in effetti, un lavoro dall'interno.  Dopo l'11 settembre, il vero dissenso è stato completamente rimosso dal discorso politico statunitense.

Tra l'altro, qualcosa di simile è accaduto in Europa, solo che le categorie erano un po' diverse.  In Europa (parlo della vera Europa, non di quella "allargata" con l'Europa dell'Est) c'erano veri patrioti nella maggior parte dei Paesi.  Certo, gli Stati Uniti erano il partner principale, ma c'erano abbastanza leader politici in grado di dire "no" agli USA e di curare innanzitutto i propri interessi nazionali (penso a Mitterrand e persino a Chirac).  Quella generazione di politici e decisori è stata gradualmente sostituita da una nuova generazione di attori il cui intero piano di carriera consiste nel servire incondizionatamente e con fervore gli interessi degli Stati Uniti, anche a spese dei propri Paesi (Macron, Scholz).  E mentre non definirei i politici dell'UE "neocon", direi che sono i fedeli, leali, servitori e schiavi dei neocon.

E, proprio come negli Stati Uniti, i decisori competenti e patriottici sono stati sostituiti da tirapiedi ideologici che non hanno alcuna competenza o onore, ma che gli Stati Uniti sosterrebbero come "servi fedeli".  L'opposizione all'imperialismo statunitense in Europa è stata relegata ai margini del discorso pubblico.


Direi che gli anni '90 sono stati gli anni del trionfo assoluto dei neoconservatori, che hanno assunto il controllo totale degli Stati Uniti e dell'Unione Europea.

Ma cosa sono veramente i neocon?  Innanzitutto, sono narcisisti estremi e, come spesso accade ai narcisisti, il loro ripugnante culto di sé, l'arrogante senso del diritto e l'odio per l'"altro" derivano tutti da un profondo complesso di inferiorità (credetemi, *sapevano* il disprezzo in cui erano tenuti dalla vecchia generazione di decisori statunitensi, e *sapevano* di essere visti come i "pazzi del seminterrato").  Quindi, oltre a essere narcisisti razzisti che adorano se stessi, erano anche pieni di risentimento, desiderio di vendetta e una mentalità infrangibile di "noi contro loro".

Inoltre, e contrariamente a quanto si crede, non erano molto intelligenti (se non altro perché essere veramente intelligenti richiede sia umiltà che competenza, cosa di cui i neocon sono totalmente privi).  In realtà, il grande vantaggio competitivo dei neocon rispetto alla "vecchia guardia" non era il cervello, ma la loro spinta propulsiva.  Questo è un aspetto che osserviamo spesso nella storia: le persone che si impadroniscono del potere sono raramente le più intelligenti, molto più spesso si tratta di persone con un'enorme spinta ideologica.  Un esempio perfetto?  I nazisti tedeschi.  Per favore, nominatemi un solo nazista veramente istruito e intelligente!  Hitler?  Macché.  Himmler?  Macché. Himmler?  Goering?  Macché. Speer, meglio, ma non era un granché come nazista.  Hess?  Macché.  Karl Haushofer, Dietrich Eckart o Alfred Rosenberg?  Ma ti prego!  E non parlerò nemmeno dei veri imbecilli alla Streicher o Strasser.

Eppure i nazisti non solo presero il potere in Germania, ma riuscirono a convertire la maggior parte dell'Europa (con una resistenza vergognosamente scarsa!) alla loro ideologia idiota o alle loro politiche genocide.  È una testimonianza del potere della stupidità malvagia vedere come ottant'anni dopo(!), l'Occidente unito stia seguendo apertamente le stesse politiche che i nazisti fecero durante il loro brevissimo governo (il promesso "Reich millenario" durò solo 12 anni!).

Infine, devo menzionare un'altra cosa: per i neocon statunitensi l'elezione di Trump è stata letteralmente una rivolta di schiavi e uno schiaffo in faccia.  Sebbene Trump si sia rivelato come uno stra-penoso sotto ogni punto di vista, il fatto che la maggioranza dei cittadini statunitensi sia stata disposta a preferirlo alla "diva neoconservatrice" Clinton è stato assolutamente traumatico.  Avere il controllo totale dei tre rami del governo, dei media, del mondo accademico e del settore finanziario ha dato ai neocon l'illusione di avercela finalmente fatta, ma all'improvviso – e scusate il francesismo – il popolo degli Stati Uniti ha mandato loro un forte e sentito "f*ck you!" e ha votato giusto per il candidato che i neocon avevano assolutamente demonizzato.

Questo è stato percepito dai neocon e dalle loro coorti come una blasfemia, un sacrilegio, una "rivolta dei servi" assolutamente inaccettabile ed è per questo che i neocon hanno deciso di non permettere MAI più che una cosa del genere si ripeta (e sappiamo tutti cosa hanno fatto dopo).

Morale della favola è questa: gli Stati Uniti hanno affrontato una tempesta perfetta:

  • Un modello sociale in cui il dollaro onnipotente decide tutto.
  • La più formidabile macchina di propaganda della storia
  • Una classe dirigente della "vecchia guardia" troppo debole, vigliacca, confusa e (relativamente) povera per opporre resistenza
  • Un sistema unipartitico corrotto fino al midollo e facile da sovvertire.
  • Una società che non inculca il tipo di fervore ideologico demoniaco in cui sono cresciuti i neocon, che rende i non-neocon facili prede dei neocon.
  • Un Paese e una società in cui i concetti di "right" ["giusto"] e "wrong" ["sbagliato"] sono diventati privi di significato e sono stati completamente sostituiti da "might makes right" ["la forza è il diritto", "la forza è giusta"], non solo de facto, come già accadeva da secoli, ma anche de jure.

Se a questo si aggiunge l'idea (sbagliata) che gli Stati Uniti avessero vinto la Guerra Fredda e l'idea (ancora più sbagliata) che gli Stati Uniti avessero vinto la Seconda Guerra Mondiale, si ottiene l'esplosione narcisistica a cui abbiamo assistito negli anni Novanta.  Ed ecco l'ironia: i "patrioti" che sventolano le bandiere e che "sostengono le truppe" non si sono mai resi conto di essere stati (e di essere tuttora) utilizzati dai neocon che, in realtà, sono i *meno* patriottici di qualsiasi forza politica degli Stati Uniti.

Ancora una volta, l'11 settembre e la successiva GWOT sono una diretta conseguenza del fervore pseudo-patriottico che ha travolto la società statunitense come uno tsunami (gli Stati Uniti prima dell'11 settembre erano un Paese molto, drammaticamente diverso dagli Stati Uniti post-11 settembre).

Tutto ciò è rilevante per comprendere l'attuale posizione dei neocon: mentre loro sono riusciti a sedare la "rivolta dei servi MAGA ["Make America Great Again"]", anche la Russia, che per decenni è stata gestita dalla classe dirigente probabilmente più corrotta del pianeta (secondo me: da Krushchev in poi, incluso Eltsin), si è improvvisamente ribellata!

Questo era categoricamente inaccettabile per i neocon.

Tra l'altro, è interessante notare che mentre ora abbiamo prove inconfutabili che la Russia non ha interferito con le elezioni statunitensi, i neocon fanno quasi istintivamente un collegamento tra i "servi MAGA in rivolta" all'interno degli Stati Uniti e i "servi russi in rivolta" all'esterno.  E, a dire il vero, io sostengo che il popolo degli Stati Uniti e quello della Russia hanno lo stesso identico nemico.  La differenza è che il sistema politico statunitense, un vero e proprio sistema totalitario, non può essere sovvertito dall'interno, ma può essere sconfitto all'esterno (se non altro perché questo sistema è sia non fattibile – è basato sullo sfruttamento e sull'imperialismo – sia non riformabile – perché è di natura assolutista).

Fondamentalmente, il disprezzo, l'odio e la paura dei neocon nei confronti della Russia non sono diversi dal disprezzo, dall'odio e dalla paura dei "deplorables" ["deplorevoli"].  Per coloro che vedono il mondo attraverso un prisma ideologico "noi contro loro", tutti i "non-noi" sono "loro" pericolosi che devono essere schiacciati.

Conclusione: abbiamo quello che abbiamo

Andrei Martyanov ha assolutamente ragione: gli Stati Uniti sono gestiti da narcisisti assolutamente ignoranti, incompetenti e del tutto malvagi.  Per queste persone, la competenza non è affatto una caratteristica desiderabile, semmai è potenzialmente molto pericolosa.  La lealtà, che nel contesto neoconservatore significa "corruttibilità", è molto più desiderabile.  Un esempio per illustrare il punto:

Ai neocon non è bastato prendere il controllo dei think tank e del mondo accademico statunitense.  Persino RAND, AEI, CSIS & Co. erano "troppo spaventosi" per loro, da qui la creazione del cosiddetto “Institute for the Study of War” ["Istituto per lo studio della guerra"], che non è un istituto e che non studia nulla, tanto meno le guerre (i neocon non hanno alcuna competenza militare).  E ora persino fonti russe (!!!) fanno riferimento agli "studi" di questo "istituto" come a qualcosa di credibile.  Questo è il potere dei media.

Il che non sorprende se pensiamo a che tipo di competenza hanno i giornalisti moderni? Nel migliore dei casi, sono solo attori.  Nel peggiore dei casi, inette presstituite [giornalisti prezzolati].

Ancora una volta, Martyanov ha ragione: la stragrande maggioranza dei commentatori politici e delle teste parlanti traggono la loro "comprensione" della guerra dai libri di Tom Clancy, dai film di propaganda di Hollywood e dal marketing intelligente del MIC e del Pentagono statunitensi.  Nella migliore delle ipotesi, questi giornalisti possono scrivere riassunti, trovare "angolazioni", compreso le obbligatorie cavolate di "interesse umano", e ci hanno *accesso*.  Ma quello che non sanno, o che non gli interessa, è che quell'accesso è concesso solo ai giornalisti iper politically correct.  Per lo più, non hanno alcuna morale e non gliene importa nulla.  Sono qui per il denaro, nient'altro.  La mia unica obiezione al termine "presstituite" [giornalisti prezzolati] è che è molto ingiusto nei confronti delle prostitute (che, dopo tutto, di solito consegnano ciò per cui vengono pagate!).  Purtroppo, non posso che essere d'accordo con il filosofo francese Alain Soral (che viene ferocemente perseguitato per le sue opinioni, ma che nessuna organizzazione per i "diritti umani" oserebbe mai difendere, semmai lo vogliono linciare!) che ha detto che sono rimasti solo due tipi di giornalisti: le prostitute e i disoccupati.

Questo vale per tutta la Zona A.

Quindi no, come persona che ha visto tutto questo dall'interno (ho avuto molti amici giornalisti, tra l'altro, conosco anche quel mondo), posso solo confermare pienamente ciò che Martyanov ripete più e più volte: tutta la Zona A del 2023 è gestita dai neocon o dai loro fedeli servitori, e gli ultimi 30 anni o più hanno visto una fuga di cervelli assolutamente epica, storica, cataclismatica dalle classi dirigenti occidentali.

Un'ultima cosa: non mi dà alcuna gioia scrivere quanto sopra.  Francamente, se si trattasse di una questione puramente interna agli Stati Uniti, non mi importerebbe molto (beh, a loro il loro paese, il loro problema, la loro scelta).  Ma questa realtà è la più grande minaccia per il nostro intero pianeta in questo momento.  E mi terrorizza assolutamente vedere quante poche persone là fuori capiscono e realizzano che Martyanov ha ragione.  E, per la cronaca, ci sono molti argomenti in cui Martyanov e io non siamo d'accordo, quindi non mi schiero con lui perché lo considero un amico (cosa che faccio) o perché lo considero il mio "maître à penser" (cosa che non faccio).  No, lo sostengo pienamente su questo tema perché finché gli Stati Uniti saranno la proverbiale "scimmia con una bomba a mano (nucleare)" i neocon continueranno a rappresentare una minaccia esistenziale per il nostro pianeta.  E con i neocon in totale controllo della Zona A, questo rischio rimarrà con noi finché questi pazzi non saranno rispediti in qualche seminterrato o non faranno saltare in aria l'intero emisfero settentrionale.

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente