Grosso problema per gli USA: la Cina possiede missili ipersonici e il primo sistema antipersonico al mondo

Grosso problema per gli USA: la Cina possiede missili ipersonici e il primo sistema antipersonico al mondo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

Da un lato la Cina sviluppa i suoi missili ipersonici come il DF-17, dall’altro provvede a difendere il proprio territorio da possibili minacce ipersoniche, visto che anche gli Stati Uniti lavorano allo sviluppo di tali armamenti. 

Un "sistema di difesa cinese" contro i missili ipersonici potrebbe presto essere realtà. Secondo quanto riportato dal South China Morning Post, i ricercatori militari cinesi affermano di aver sviluppato una tecnologia di intelligenza artificiale (AI) in grado di prevedere la traiettoria di un missile planante ipersonico mentre si avvicina a un bersaglio a velocità superiori a cinque volte quella del suono.

Un razzo viene utilizzato per lanciare un veicolo planante ipersonico per colpire un bersaglio. Il veicolo planante successivamente si separa dal razzo e si muove verso il suo bersaglio ad una velocità di almeno Mach 5, o cinque volte la velocità del suono.

È estremamente difficile tracciare un missile planante ipersonico a causa della sua traiettoria imprevedibile e della capacità di entrare nello spazio e rientrare nell'atmosfera in un periodo molto breve. Paesi come gli Stati Uniti stanno anche lavorando incessantemente allo sviluppo della difesa missilistica aerea contro i missili ipersonici. Washington infatti, per la prima volta nella sua storia, è vulnerabile ad armi in possesso di potenziali nemici come Cina e Russia. 

I ricercatori cinesi, tuttavia, sembrano essere diversi passi avanti rispetto ai loro omologhi nordamericani. Secondo loro, un sistema di difesa aerea cinese alimentato dall'intelligenza artificiale può prevedere la potenziale traiettoria di un missile in arrivo e lanciare un rapido contrattacco con un anticipo di tre minuti.

Il tipico missile rimane all'interno di una zona bersaglio di 8 chilometri, che è piuttosto piccola per un'arma che può percorrere quella distanza in meno di due secondi.

"Le potenze militari mondiali sono attualmente impegnate in una feroce corsa agli armamenti attorno allo sviluppo di veicoli alianti ipersonici, portando nuove e gravi sfide alla sicurezza aerea e spaziale", ha affermato Zhang Junbiao, un informatico del dipartimento di intelligence di allerta precoce dell'Air Force Accademia di allerta precoce a Wuhan. 

"La previsione della traiettoria è di grande importanza per combattere la valutazione dell'intento e l'intercettazione della difesa aerospaziale", hanno scritto Zhang e il suo team sul Journal of Astronautics, una pubblicazione sottoposta a revisione paritaria gestita dalla Società cinese di astronautica.

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno recentemente condotto con successo un test di un missile ipersonico Air-launched Rapid Response Weapon (ARRW), pochi giorni dopo aver testato con successo il suo Hypersonic Air-Breathing Weapon Concept (HAWC).

Sebbene gli sforzi negli Stati Uniti siano in corso, potrebbe passare del tempo prima che un'arma venga messa in campo. Tuttavia, ciò non ha scoraggiato la ricerca della Cina di sviluppare una difesa contro di essa in anticipo.

Un'arma da planata ipersonica, a differenza di un normale missile balistico, può muoversi nell'atmosfera come una pietra che salta sull'acqua e virare a sinistra o a destra, rendendo più difficile il rilevamento e l'intercettazione, secondo il South China Morning Post.

A velocità Mach 5 o superiore, c'è poco tempo perché un sistema di difesa aerea risponda alla minaccia, ed è opinione diffusa che la tecnologia attuale non sarà in grado di intercettare un missile planante ipersonico.

Zhang, d'altra parte, crede che l'Intelligenza Artificiale sia in grado di gestire compiti così imprevedibili e poter sviluppare una difesa contro una traiettoria imprevedibile e una velocità incredibilmente alta.

La parte in difesa normalmente non ha idea della massa, delle dimensioni, della forma, del sistema di controllo aerodinamico o dello scopo delle armi ostili, ma analizzando i dati di volo osservati, l'IA può fare un'ipotesi abbastanza accurata. Secondo i ricercatori, ogni mossa di un missile emetterà alcuni segnali modesti ma utili sul suo design, capacità e missione, indipendentemente da quanto sia avanzato o veloce.

Di conseguenza, un sistema di apprendimento automatico può apprendere dai dati raccolti durante le prime fasi di un volo ipersonico e utilizzare tali informazioni per prevedere la traiettoria più probabile durante le fasi successive del volo.

Zhang e i suoi colleghi hanno riconosciuto che tradurre questa idea in un modello di lavoro è difficile. Affermano che i dati grezzi raccolti da un sistema di allerta precoce contengano molto rumore che potrebbe confondere l'IA e che troppi dati possono anche sovraccaricare il computer.

Per combattere il problema del rumore indesiderato e opprimente che potrebbe fuorviare l'IA, i ricercatori cinesi hanno ideato un nuovo metodo di apprendimento profondo che potrebbe eliminare automaticamente il rumore dai segnali osservati. L'algoritmo simula in modo simile l'attività del cervello umano concentrandosi solo sui dati più recenti e importanti per risparmiare risorse di calcolo.

Il nuovo sistema può funzionare su un computer portatile e produrre un risultato in 15 secondi, secondo lo studio, nonostante sia più avanzato di qualsiasi precedente IA per la previsione della traiettoria ipersonica. Esperimenti simulati hanno indicato che il sistema è ancora efficace contro un ampio spettro di armi che viaggiano fino a velocità di Mach 12.

All'inizio di marzo, l'industria cinese della difesa aerospaziale aveva affermato che Pechino ha compiuto progressi significativi nella costruzione di un sistema di AI (intelligenza artificiale) che poteva persino progettare nuove armi ipersoniche in modo autonomo.

Insomma, la situazione per gli Stati Uniti diviene abbastanza problematica alla luce della distanza accumulata rispetto alla Cina nella corsa agli armamenti ipersonici. A partire da ora, gli Stati Uniti non hanno né un missile ipersonico operativo né una difesa praticabile contro i missili ipersonici. La Cina, invece, afferma di averli entrambi. 

 

Difesa e Intelligence è anche su Telegram. Clicca qui per entrare nel canale e restare sempre aggiornato

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse di Clara Statello La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

La corsa (imperterrita) dell'occidente verso l'Apocalisse

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti