Grecia, le leggi sul lavoro sono “politiche thatcheriane sotto steroidi”

Grecia, le leggi sul lavoro sono “politiche thatcheriane sotto steroidi”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

da https://morningstaronline.co.uk

 

In un recente incontro con i sindacati europei, i compagni greci hanno illustrato i drastici cambiamenti al diritto del lavoro introdotti dal governo di destra guidato dal primo ministro Kyriakos Mitsotakis.

Descritte come “la più grande scossa alla vita lavorativa degli ultimi decenni”, le proposte del governo sono state accolte con scioperi e manifestazioni mentre i parlamentari votavano le riforme.

Il governo ha affrontato una feroce resistenza sui cambiamenti, con i partiti dell’opposizione e i sindacati che sostengono che le riforme fanno arretrare i diritti dei lavoratori raggiunti da tempo e accusano il governo di sfruttare le serrate da Covid.

L’ex primo ministro Alexis Tsipras, il leader del partito Syriza, ha giurato di annullare le riforme se vincesse le prossime elezioni.

“La legislazione prevede che i lavoratori siano costretti a fare gli straordinari”, ha detto Tsipras, ma dovrebbero accontentarsi di “un giorno di riposo invece di una paga extra”.

Ha aggiunto: “Questo significa lavorare di più per una paga minore e senza la sicurezza del lavoro”.

Il partito di sinistra Movimento per il Cambiamento ha descritto i regolamenti come “spietati”.

“Di fronte a queste politiche qualsiasi cittadino progressista non può rimanere indifferente o in silenzio”, ha detto il leader, Fofi Gennimata. “Il tempo libero non paga le bollette o le vacanze”.

I sindacati greci dicono che queste riforme sono un tentativo di rompere l’organizzazione sindacale permettendo alle aziende, così come ai servizi pubblici, di continuare a funzionare con un terzo del “personale di sicurezza” quando vengono indetti gli scioperi.

“Ogni diritto, ogni responsabilità che i sindacati hanno conquistato è stata minata”, ha detto il veterano del sindacato Grigoris Kalomiris.

“Gli accordi di lavoro collettivi sono stati annullati da contratti di lavoro individuali che favoriscono i datori di lavoro”.

La giornata lavorativa di otto ore è stata sostituita da quella di 10 ore con la promessa di lavorare meno negli altri giorni e di perdere il pagamento degli straordinari”.

“Quello che stiamo vedendo, 40 anni dopo, sono politiche Thatcherite sotto steroidi”.

“Questo è un paese dove la disoccupazione ufficialmente è ancora intorno al 15 per cento”, ha detto, insistendo che la cifra reale dopo la pandemia era più vicina al 20 per cento.

“Non c’è modo, in un tale clima, che l’azione di sciopero venga ostacolata. Useremo tutte le nostre forze per resistere”.

Come abbiamo visto in passato la Grecia è stata usata come “esperimento” per l’austerità e le leggi sul lavoro antioperaie che si sono diffuse in altri paesi d’Europa.

Ecco perché avremo bisogno di una campagna concertata di solidarietà da parte dei sindacati di tutta Europa per sostenere i lavoratori greci in lotta.

Tony Burke è segretario generale aggiunto di Unite the Union.

(Traduzione di Marco Pondrelli per Marx21.it)

 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Marmolada: strage del sistema di Giorgio Cremaschi Marmolada: strage del sistema

Marmolada: strage del sistema

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai