Gli USA preoccupati dai legami Emirati Arabi-Cina. Salta l'affare F-35?

Gli USA preoccupati dai legami Emirati Arabi-Cina. Salta l'affare F-35?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Negli Stati Uniti ci sono preoccupazioni circa la vendita dei caccia stealth F-35 agli Emirati Arabi Uniti. Un affare fortemente caldeggiato e voluto dall’ex presidente Trump, mentre con Biden sarebbero sorti dei dubbi. I funzionari statunitensi temono che la vendita di armi da 23 miliardi di dollari ad Abu Dhabi possa essere rischiosa a causa delle crescenti relazioni tra Emirati Arabi Uniti e Cina, riferisce il Wall Street Journal. 

Il media specializzato in notizie economiche, citando funzionari anonimi, afferma che i nuovi voli di trasporto tra i due paesi sono stati monitorati dalle agenzie di intelligence nordamericane, con gli aerei dell'Esercito Popolare cinese che atterrano in un aeroporto negli Emirati Arabi Uniti, secondo quanto riferisce Sputnik. 

L’amministrazione Biden è preoccupata che se Washington procede con la vendita multimiliardaria di 50 jet da combattimento F-35, 18 droni Reaper e munizioni, Abu Dhabi potrebbe dare alla Cina, o ad altri paesi, l'accesso alla tecnologia di difesa statunitense.

I funzionari dell'amministrazione Biden stanno attualmente cercando garanzie che gli Emirati non consentiranno l'accesso alla tecnologia se la vendita procede, che l'amministrazione Trump ha negoziato e accettato negli ultimi giorni della sua presidenza come parte dell'accordo di Abu Dhabi per normalizzare i legami con Israele.

"Il trasferimento dell'F-35, il gioiello della corona nell'arsenale degli Stati Uniti, implica un certo grado di monogamia degli Emirati con Washington”, afferma David Schenker, ex segretario di Stato aggiunto per gli affari del Vicino Oriente sotto l'ex presidente Trump. "È necessario fare di più prima che questi sistemi possano essere trasferiti”, aggiunge il dirigente statunitense. 

Secondo Yousef Al Otaiba, ambasciatore degli Emirati negli Stati Uniti, gli Emirati Arabi Uniti hanno "una lunga e consistente esperienza nella protezione della tecnologia militare statunitense”.

Nel frattempo, gli F-35 non arriveranno nel Paese arabo fino al 2027. E, nonostante l'anno scorso la maggioranza dei senatori del Partito Democratico abbia votato contro, l'amministrazione Biden sta portando avanti l'accordo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti