Gli USA modificano le loro brutali sanzioni contro la Siria

Gli USA modificano le loro brutali sanzioni contro la Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'amministrazione statunitense ha modificato il proprio arsenale di sanzioni rivolte alle entità che cooperano con il governo siriano. Washington ha quindi annunciato di aver revocato alcune misure punitive nei confronti delle ONG. Come riportato dall'agenzia Reuters lo scorso 24 novembre, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato di aver modificato il Caesar Act, un brutale strumento legislativo che Washington ha messo in vigore nell'estate del 2020, e che prevede una serie di misure punitive nei confronti del governo siriano e delle entità con cui collabora.

 In un recente comunicato stampa, l'amministrazione statunitense ha annunciato di aver ampliato le autorizzazioni concesse alle ONG che operano sul territorio siriano affinché possano intraprendere determinate operazioni e attività a sostegno di azioni non profit nel Paese.

Washington spiega così di voler consentire alle Ong in questione di fare nuovi investimenti, di acquistare prodotti petroliferi raffinati di origine siriana destinati all'uso in Siria, ma anche di alcune transazioni con Damasco.

Washington con il piede in due scarpe nella sua opposizione alla ricostruzione siriana?

"Il governo degli Stati Uniti sta dando la priorità all'espansione dell'accesso umanitario in tutta la Siria al fine di alleviare le sofferenze del popolo siriano, che continua ad affrontare conflitti armati, insicurezza alimentare e pandemia di Covid 19 ", ha dichiarato Andrea Gacki, alto funzionario del Tesoro americano, citato dalla Reuters . Nell'estate del 2020, l'entrata in vigore del Caesar Act aveva consentito a Washington di organizzare un congelamento degli aiuti alla ricostruzione del Paese, con l'obiettivo, secondo l'amministrazione americana, di "promuovere la responsabilità del regime di Assad".

"Gli Stati Uniti continuano a concentrarsi sulla dissuasione delle attività dannose di Bashar al-Assad, del suo regime, dei suoi amici e complici stranieri e dei gruppi terroristici, anche limitando la loro capacità di accedere al sistema finanziario internazionale e alle catene di approvvigionamento globali", ha ribadito Andrea Gacki.

Questa recente modifica del Caesar Act arriva in un momento in cui, nonostante le numerose  sanzioni occidentali a cui continua a essere soggetto, il governo siriano ha ottenuto negli ultimi mesi diversi successi sulla scena internazionale, in vari settori.

Damasco ha ripreso i contatti nella regione, chiusi dall'inizio della guerra di aggressione nel 2011.  Segno dei nuovi rapporti tra la potenza siriana e diversi Paesi arabi, il capo della diplomazia degli Emirati Arabi Uniti ha incontrato il 9 novembre scorso Bashar al-Assad durante la prima visita a Damasco di un alto funzionario di questo Paese dall'inizio del conflitto.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti