Gli assicuratori britannici si rifiutano di pagare per l'attacco al Nord Stream

Gli assicuratori britannici si rifiutano di pagare per l'attacco al Nord Stream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Wyatt Reed - The Grayzone

Il team legale che rappresenta le potenti compagnie assicurative Lloyd's e Arch sostiene che, poiché le esplosioni di Nord Stream sono state "con ogni probabilità inflitte da... un governo", non hanno alcuna responsabilità nel pagare i danni ai gasdotti. Per riuscire in questa difesa, le compagnie saranno presumibilmente costrette a dimostrare in tribunale chi ha compiuto gli attacchi. 

Gli assicuratori britannici sostengono di non avere l'obbligo di onorare la copertura dei gasdotti Nord Stream, fatti esplodere nel settembre 2022, perché l'atto di sabotaggio industriale senza precedenti è stato probabilmente compiuto da un governo nazionale.

La documentazione presentata dagli assicuratori contraddice le notizie riportate dal Washington Post e da altre testate giornalistiche che affermano che il responsabile del massiccio atto di sabotaggio industriale è una squadra privata ucraina.

In una memoria legale depositata per conto delle società britanniche Lloyd's Insurance Company e Arch Insurance si legge che "i convenuti si baseranno, tra l'altro, sul fatto che il danno da esplosione avrebbe potuto essere (o, almeno, era più probabile che non) inflitto solo da un governo o sotto il suo ordine".

Di conseguenza, sostengono, "i danni da esplosione sono stati "direttamente o indirettamente causati da, avvenuti attraverso o in conseguenza del conflitto tra Russia e Ucraina" e rientrano in un'esclusione relativa ai conflitti militari.

La nota arriva un mese dopo che la società svizzera Nord Stream AG ha intentato una causa contro gli assicuratori per il loro rifiuto di risarcire la società. Nord Stream, che ha stimato il costo dell'attacco tra 1,2 e 1,35 miliardi di euro, sta cercando di recuperare oltre 400 milioni di euro di danni.

L'ingegnere svedese Erik Andersson, che ha guidato la prima spedizione investigativa privata sui luoghi dell'esplosione dei gasdotti di Nord Stream, descrive la strategia legale degli assicuratori come un disperato tentativo di trovare una scusa per evitare di onorare i loro obblighi di indennizzo.

"Se si tratta di un atto di guerra ordinato da un governo, è l'unico modo per sfuggire alla responsabilità di pagare", ha dichiarato Andersson a The Grayzone.

In seguito a un articolo del giornalista premio Pulitzer Seymour Hersh, che sosteneva che il governo statunitense fosse responsabile dell'esplosione del Nord Stream, i governi occidentali hanno rapidamente elaborato una narrativa che attribuisce la colpa a una squadra di agenti ucraini ribelli. Data la mancanza di prove conclusive, tuttavia, dimostrare che le esplosioni sono state "inflitte da o per ordine di un governo" sarebbe una sfida importante per gli avvocati della difesa.

Anche se i querelanti fossero in grado di recuperare i fondi in tribunale, è probabile che debbano affrontare altri seri ostacoli. Più avanti nella memoria, gli avvocati dei Lloyd's e di Arch suggeriscono che, anche se fossero obbligati a pagare, le sanzioni antirusse lascerebbero loro le mani legate.

"Nel caso in cui i Convenuti siano ritenuti responsabili del pagamento di un indennizzo e/o di un risarcimento danni all'attore", si legge nella memoria, "i Convenuti si riservano di valutare se tale pagamento sia vietato da qualsiasi sanzione economica applicabile che possa essere in vigore nel momento in cui tale pagamento deve essere effettuato".

Dopo essere stati minacciati di sanzioni dal governo statunitense, nel 2021 i Lloyd's e Arch si sono ritirati dall'accordo per la copertura dei danni al secondo gasdotto, il Nord Stream 2. Ma anche se restano in ballo per i danni, i Lloyd's non hanno ancora trovato una soluzione. Tuttavia, sebbene rimangano in gioco per i danni alla prima linea, il linguaggio usato dai legali degli assicuratori sembra alludere a un possibile futuro pacchetto di sanzioni che li libererebbe dai loro obblighi finanziari. "Nord Stream 1 non è stato colpito da quelle sanzioni, ma a quanto pare le sanzioni potrebbero funzionare retroattivamente a vantaggio degli assicuratori", osserva Andersson.

I querelanti potrebbero trovarsi di fronte a una battaglia in salita presso l'Alta Corte britannica di Londra, la città in cui i Lloyd's hanno sede sin dalla loro creazione nel 1689. Come ha osservato l'ex funzionario del Dipartimento di Stato per la sicurezza informatica Mike Benz, "i Lloyd's di Londra sono il fiore all'occhiello dell'establishment bancario londinese" e "Londra è la forza trainante della parte transatlantica dei progetti di Blob "Seize Eurasia" sulla Russia".

Ma se le loro argomentazioni fossero sufficienti a convincere un tribunale di Londra, una decisione a favore degli assicuratori sarebbe probabilmente un'arma a doppio taglio. In seguito alla sottomissione dei Lloyd's alle sanzioni statunitensi e al loro rifiuto di assicurare le navi che trasportano petrolio iraniano, i sottoscrittori assicurativi occidentali (come i loro colleghi del settore bancario) rischiano sempre più di perdere la loro reputazione globale di relativa indipendenza dallo Stato. Se alla fine l'Occidente dovesse perdere la sua presa sul mercato assicurativo globale - o la sua reputazione di rifugio sicuro per i beni stranieri - è improbabile che 400 milioni di euro possano riacquistarla.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Potrebbe anche interessarti

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti