Gli amici del nord continuano a non voler capire

Gli amici del nord continuano a non voler capire

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Giuseppe Masala
 

E' inutile prendersela con questo governo "dei terroni" che si è materializzato in parte grazie ad una salutare ribellione del sud dopo trenta anni di bullizzazione di quel nord italia ubriacato e illuso da troppi masnadieri. Mi riferisco al voto in massa del sud al MoV che ha portato questo partito ad essere in maggioranza relativa.


Ora, questo governo - in parte a trazione meridionale - si trova ad affrontare una situazione difficilissima, ma lo fa sulla base di un progetto a trazione norditalia che si è formato in trenta anni. Tutta la classe dirigente, intellettuale, politica, economica e finanziaria in questi anni di Seconda Repubblica è una classe dirigente che ha fatto scelte, sulla base di un progetto: il progetto europoide, l'Italia del Nord agganciata alla locomotiva tedesca e dei paesi del nord Europa. Abbandono totale delle politiche euromediterranee (se non come servi di tedeschi e francesi) e chi non ce la fa (il Sud) s'arrangi, campi come può. Un progetto appoggiato dagli intellettuali (tutti del nord) che dai giornaloni (del nord) lanciavano le loro intemerate, dalle università del nord, noti covi di Kompetenti, dalla classe politica dove nella seconda repubblica tutto era in mano a persone provenienti dal nord, alla classe imprenditoriale del nord rapace oltre ogni limite e grande beneficiaria della spoliazione dei beni dello stato (che fino a prova contraria erano anche del sud) avvenuta nella seconda repubblica, ce li ricordiamo i Tanzi, gli Gnutti, i Falk, i Berlusconi (nella sua doppia veste di imprenditore e di politico). E idem delle banche, tutte del Nord e gestite da persone del Nord.


Ora, questo progetto europeo che prevedeva tutto al Nord che doveva rimanere agganciato al treno europeo è miseramente crollato. I nordici (quelli veri) hanno detto che se servono soldi per uscire dall'emergenza bisogna mettere una firmetta sui futuri piani d'aggiustamento in stile greco. Vi vogliono prendere tutto, tutto (del resto in questi trenta anni tutto è diventato vostro, e ora sostanzialmente prendono tutto a voi). Vi hanno negato anche delle misere mascherine chirurgiche. Non mi risultano peraltro in volo aerei con pazienti verso Monaco di Baviera e verso Vienna, al contrario ce ne sono molti in volo verso gli ospedali del sud; quelli delle siringhe che costano un cent. più che al nord che avete rinfacciato per decenni. Potrei ricordarvi anche che questo è "turismo sanitario" ma noi non siamo stronzi come altri che hanno chiamato turisti i nostri malati di tumore in trasferta all'IEO di Milano. Non so se voi al nord usavate queste espressioni malvage, fate memoria....


Quindi per favore, basta chiacchiere contro il presunto progetto del "governo dei terroni" che vi vorrebbe svendere ai tedeschi. Vi siete già svenduti voi ai tedeschi da trenta anni. Questo governo agisce nel quadro delle regole date dalle vostre classi dirigenti che hanno spadroneggiato per trenta anni facendo cazzate: Maastricht, MES, Six Path, Fiscal Compact, Euro e ogni altra cazzata che voi competenti avete firmato.


Se questo governo firmerà MoU per ottenere fondi Mes li criticheremo. Ma il danno l'avete fatto voi che vi siete cullati nel sogno di essere europei, che esisteva un capitale europeo che tutto vi era dovuto. Non era così, non valete una mascherina chirurgica da 80 centesimi. Questo è il prezzo che il Reich Millenario ha fissato.


Noi non abbiamo paura del Covid19 (seppelliremo i nostri morti), non abbiamo paura delle vostre minacce di secessione, ne di nulla. Siamo abituati a piegare la schiena e a stare zitti. Se vorrete andare, buon viaggio. Qui non si straccia le vesti nessuno. In qualsiasi caso prima di andare faremo i conti. Bene.

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti