Germania: la reazione dei media alle intercettazioni degli alti ufficiali Bundeswehr

Germania: la reazione dei media alle intercettazioni degli alti ufficiali Bundeswehr

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le conversazioni private di alcuni alti ufficiali della Bundeswehr, intercettate e diffuse online, hanno scatenato un putiferio in Germania. La registrazione, che include discussioni su possibili scenari di attacco al ponte di Crimea con missili Taurus, ha sollevato gravi dubbi sulla sicurezza delle comunicazioni militari tedesche e sulla gestione del delicato dossier delle forniture di armi all'Ucraina.

I media tedeschi esprimono costernazione per l'accaduto.

N-TV: "Il ministro della Difesa Pistorius affronta un caso di intercettazione esplosiva che riguarda il delicato tema dei missili Taurus".

Business Insider: "Quattro alti ufficiali militari della Bundeswehr hanno una conversazione di mezz'ora su uno degli argomenti politicamente più esplosivi del nostro tempo - e la registrazione finisce su Internet. Quello che sembra un racconto di fantasia sembra essere diventato realtà".

Bild: "Sgradevole sorpresa per la Bundeswehr: i propagandisti russi hanno pubblicato la registrazione di una telefonata esplosiva tra quattro alti ufficiali tedeschi".

Berliner Zeitung riporta la reazione della deputata al Bundestag Sevim Dagdelen: "Il Ministro della Difesa Pistorius deve urgentemente spiegare all'opinione pubblica se la registrazione audio di consultazioni tra ufficiali militari tedeschi su possibili scenari per un attacco al ponte di Crimea è vera o falsa".

ZDF: "Fonti della Bundeswehr hanno dichiarato di ritenere autentico il contenuto delle registrazioni, ma non sono state in grado di verificarlo con certezza".

Focus: "Le prime analisi interne del Ministero della Difesa suggeriscono che le registrazioni non sono state falsificate e questo mette in difficoltà anche il Cancelliere federale Olaf Scholz. Il politico socialdemocratico ha respinto la possibilità di fornire Taurus all'Ucraina, sostenendo che i soldati tedeschi sono necessari in Ucraina per lanciare i missili da crociera. D'altra parte, i generali che si sono espressi suggeriscono che l'Ucraina potrebbe anche farli funzionare da sola".

RND: "Non è un segreto che la Russia abbia spiato la Germania. Ma ora anche i generali dell'aeronautica sono stati spiati".

Der Spiegel: "Se i colloqui della Bundeswehr sono così facilmente intercettabili - nella situazione attuale, è un disastro. Data la natura esplosiva degli argomenti, in questo caso si sarebbe dovuta usare una linea di comunicazione criptata".

Frankfurter Allgemeine Zeitung: "L'incidente è un campanello d'allarme per la sicurezza nazionale tedesca. È necessario un rafforzamento delle misure di sicurezza informatica e una maggiore attenzione alla protezione dei dati sensibili".

La reazione dei media tedeschi è unanime nel condannare la negligenza che ha portato all'intercettazione delle conversazioni. Lo scandalo ha aperto un acceso dibattito sulla sicurezza delle comunicazioni militari, sulla gestione del dossier Ucraina e sulla leadership della Bundeswehr.

Le intercettazioni rappresentano un duro colpo per la Germania e avranno un impatto significativo sulla politica di difesa del Paese. Il governo tedesco è sotto forte pressione per fornire spiegazioni e chiarimenti all'opinione pubblica e per attuare misure concrete per migliorare la sicurezza delle comunicazioni militari.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti