Gaza. Il vero elefante nella stanza (dei bottoni) di Netanyahu

Gaza. Il vero elefante nella stanza (dei bottoni) di Netanyahu

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Alastair Crooke per Strategic Culture

[Traduzione a cura di: Nora Hoppe]

 

Il punto della crisi di Gaza è che se tutti sono d'accordo nel mettere la testa sotto la sabbia e ignorare l'"Elefante nella stanza", è abbastanza facile farlo. Il significato di una grave crisi viene compreso adeguatamente solo quando qualcuno si accorge dell'"elefante" e dice: "Attenzione, c'è un elefante che sta camminando qui." È qui che ci troviamo oggi. Lentamente, l'Occidente sta iniziando a prenderne atto. Il resto del mondo, tuttavia, ne è folgorato e si sta trasformando.

Qual è "l'Elefante" (o gli Elefanti) nella stanza? La recente diplomazia regionale di Blinken è stata proprio "uno smacco". Nessuno dei leader regionali incontrati da Blinken ha voluto parlare ulteriormente di Gaza, oltre a chiedere con fermezza "nessun trasferimento di popolazione palestinese in Egitto", la "fine di questa follia" – il bombardamento a tappeto dei cittadini di Gaza – e la richiesta di un cessate il fuoco immediato.

E gli appelli di Biden per una "pausa" – soavemente, all'inizio, e più stridente ora – sono stati ignorati senza mezzi termini dal governo israeliano. Lo spettro dell'impotenza del Presidente Carter durante la crisi degli ostaggi iraniani incombe sempre più sobriamente sullo sfondo.

La verità è che la Casa Bianca non può costringere Israele a fare la sua volontà – la lobby israeliana ha più peso al Congresso di qualsiasi squadra della Casa Bianca. Pertanto, non si vede "nessuna uscita" dalla crisi israeliana. Biden ha "fatto il suo letto" con il gabinetto Netanyahu e deve convivere con le conseguenze.

Impotenza quindi, mentre il Partito Democratico si frattura al di là della semplicistica divisione tra centristi contro progressisti. La polarizzazione derivante dalla "posizione di non cessate il fuoco" sta avendo effetti fortemente destabilizzanti sulla politica, sia negli Stati Uniti che in Europa.

Impotenza, quindi, mentre la forma del Medio Oriente si cristallizza in un forte antagonismo verso l'assecondamento percepito dall'Occidente del massacro di massa di donne, bambini e civili palestinesi. Il dado potrebbe essere troppo "tratto" per frenare il reset tettonico già in corso. I doppi standard occidentali sono ormai troppo ineluttabilmente evidenti per la Maggioranza Globale.

Il grande "Elefante" è questo: Israele ha sganciato più di 25.000 tonnellate di esplosivo dal 7 ottobre (la bomba di Hiroshima del 1945 era equivalente a 15.000 tonnellate). Qual è esattamente l'obiettivo di Netanyahu e del suo gabinetto di guerra? In apparenza, la precedente operazione militare nel campo di Jabalia aveva come obiettivo un leader di Hamas sospettato di nascondersi sotto il campo – ma sei bombe da 2.000 libbre per un "obiettivo" di Hamas in un campo profughi affollato? E perché anche gli attacchi alle cisterne d'acqua, ai pannelli di energia solare dell'ospedale e alle entrate dell'ospedale, alle strade, alle scuole e alle panetterie?

Il pane è quasi scomparso a Gaza. Le Nazioni Unite affermano che tutte le panetterie nel nord di Gaza sono state chiuse in seguito al bombardamento degli ultimi forni. L'acqua pulita è disperatamente scarsa e migliaia di corpi si stanno lentamente decomponendo sotto le macerie. Malattie ed epidemie stanno comparendo, mentre le forniture umanitarie vengono strettamente limitate come strumento di contrattazione per ulteriori rilasci di ostaggi...

Il redattore di Haaretz, Aluf Benn, spiega molto chiaramente la strategia israeliana:

"L'espulsione dei residenti palestinesi, la trasformazione delle loro case in cumuli di macerie edilizie e la limitazione dell'ingresso di rifornimenti e carburante a Gaza sono la 'mossa decisiva' impiegata da Israele nell'attuale conflitto, a differenza di tutte le precedenti tornate di combattimenti nella Striscia."

Di cosa stiamo parlando? È chiaro che non si tratta di evitare morti civili collaterali quando l'IDF combatte con Hamas. Non ci sono state battaglie di strada a Jabalia, o all'interno e intorno agli ospedali – come ha commentato un soldato: "Tutto quello che abbiamo fatto è stato girare con i nostri veicoli blindati. Gli interventi sul campo arriveranno più tardi." Il pretesto dell'"evacuazione umanitaria" è quindi fasullo.

Le forze principali di Hamas sono sedute in profondità nel sottosuolo, in attesa del momento giusto per attaccare l'IDF (cioè quando saranno a piedi tra le macerie). Per ora, l'IDF rimane nei suoi carri armati. Ma prima o poi dovranno affrontare Hamas a piedi. Quindi, la lotta con Hamas è appena iniziata.

I soldati israeliani si lamentano di "vedere a malapena" i combattenti di Hamas. Ebbene, ciò è dovuto al fatto che non sono presenti a livello stradale, se non in gruppi di uno o due uomini che escono dai tunnel sotterranei per attaccare un ordigno esplosivo a un carro armato o per lanciargli un razzo. Gli agenti di Hamas tornano poi rapidamente nel tunnel da cui sono usciti. Alcuni tunnel sono costruiti solo per questo scopo – come strutture "una volta e basta". Non appena il soldato incursore ritorna, il tunnel viene fatto crollare in modo che le forze israeliane non possano entrare o seguirlo. Vengono continuamente costruiti nuovi tunnel "usa e getta".

Non troverete combattenti di Hamas nemmeno negli ospedali civili di Gaza; il loro ospedale si trova nelle strutture principali in profondità nel sottosuolo (insieme a dormitori, magazzini per diversi mesi, armerie e attrezzature per scavare nuovi tunnel). E i quadri di Hamas non si trovano nei sotterranei dei principali ospedali di Gaza.

Il corrispondente di Haaretz per la difesa, Amos Harel, scrive che Israele sta comprendendo solo ora la portata e la sofisticazione delle strutture sotterranee di Hamas. Riconosce che i "vertici militari" – a differenza dei circoli di governo – "non stanno parlando di sradicare il seme di Amalek" (un riferimento biblico allo sterminio del popolo di Amalek) – cioè di un genocidio. Ma anche i leader militari dell'IDF non sono sicuri del loro "scopo finale", osserva.

Quindi, l'Elefante nella stanza per gli abitanti del Medio Oriente – che assistono alla distruzione della struttura civile in superficie – è: qual è esattamente l'obiettivo di questa uccisione? Hamas è in profondità, sotto terra. E sebbene l'IDF rivendichi molti successi, dove sono i corpi? Non li vediamo. I bombardamenti devono quindi costringere all'evacuazione dei civili – una seconda Nakba.

E l'intento che si cela dietro l'espulsione? Secondo Benn, è quello di creare la sensazione che non torneranno mai più a casa:

"Anche se presto verrà dichiarato un cessate il fuoco su pressione americana, Israele non avrà fretta di ritirarsi e permettere alla popolazione di tornare nella Striscia settentrionale. E se dovessero tornare, in cosa tornerebbero? Dopo tutto, non avranno case, strade, istituti scolastici, negozi o qualsiasi altra infrastruttura di una città moderna."

Si tratta di una punizione contro la popolazione civile di Gaza, dettata dal desiderio di vendetta? O è uno sfogo di rabbia e determinazione escatologica? Nessuno può dirlo.

Questo è l'"Elefante". E dal suo chiarimento dipende la questione se anche gli Stati Uniti saranno macchiati da un crimine. Da questo chiarimento dipende la possibilità o meno di trovare un accomodamento diplomatico duraturo (se Israele sta davvero tornando alla radice biblica, escatologica, della giustificazione).

È questa la questione che in futuro perseguiterà Biden personalmente e l'Occidente collettivamente. Qualunque sia la tempistica che Biden aveva in mente, il tempo gli sta rapidamente sfuggendo, in mezzo alla crescente indignazione internazionale, poiché il conflitto tra Israele e Gaza è ora incentrato principalmente sulla crisi umanitaria di Gaza e non più sull'attacco del 7 ottobre.

Può sembrare inverosimile, eppure Gaza, con una superficie di soli 360 kmq, sta determinando la nostra geopolitica globale. Questo lembo di terra – Gaza – controlla anche, in una certa misura, ciò che verrà dopo.

"Non ci fermeremo", ha detto Netanyahu, "non ci sarà un cessate il fuoco". Mentre, alla Casa Bianca, un insider dell'Amministrazione ammette:

"Stanno assistendo a un disastro ferroviario e non possono farci nulla. Il disastro ferroviario è a Gaza, ma l'esplosione è nella regione. Sanno che non possono fermare gli israeliani da ciò che stanno facendo."

Il tempo sta per scadere. E questo è il rovescio della medaglia del "paradosso dell'elefante". Ma quanto tempo c'è prima che il tempo finisca? Questa è una domanda teorica.

Il rovescio dell'enigma sembra aver creato confusione in Occidente e anche in Israele. Il discorso di domenica scorsa di Seyed Nasrallah ha abbassato il rischio di un allargamento della guerra al di là di Israele, e quindi ha implicato che il "tempo" potrebbe essere più flessibile, e dare più spazio ai tentativi di deconflitto della Casa Bianca? Oppure ha inviato un messaggio diverso?

Per essere chiari: ha risposto alla domanda se la terza guerra mondiale stesse per scoppiare. Nasrallah è stato chiaro: nessun membro del Fronte di resistenza unito vuole una guerra regionale totale. Tuttavia, "tutte le opzioni rimangono sul tavolo", a seconda delle mosse future di Stati Uniti e Israele, ha sottolineato Nasrallah.

Il seguente contesto del discorso di Nasrallah è fondamentale per la sua piena comprensione. In questa occasione, in modo unico, il suo discorso ha rispecchiato un'ampia consultazione tra tutti i "fronti" dell'asse. In breve, ci sono state molteplici consultazioni e contributi per la sua forma finale. Il discorso non rifletteva quindi la singolarità della sola posizione di Hizbullah. Per questo motivo è possibile affermare che esiste un consenso contro il precipitarsi in una guerra regionale totale.

Il discorso, in quanto opera composita, era molto ricco di sfumature – il che potrebbe spiegare alcune interpretazioni errate. Come al solito, gli organi di stampa mainstream volevano solo "il punto chiave del discorso". Così, "Hizbullah non ha dichiarato guerra" è diventato il "punto chiave" facile e immediato.

Il primo punto essenziale del discorso di Seyed Nasrallah, tuttavia, è che egli ha effettivamente reso Hizbullah il "garante" della sopravvivenza di Hamas (nello specifico, identificando Hamas per nome, piuttosto che riferendosi alla "resistenza" come entità generica).

Hizbullah si limita quindi, per il momento, a operazioni (non definite) e limitate ai dintorni del confine libanese – finché la sopravvivenza di Hamas non sarà a rischio. Il Partito promette tuttavia di intervenire direttamente in qualche modo, qualora la sopravvivenza di Hamas fosse messa a rischio.

Questa è una "linea rossa" che preoccupa la Casa Bianca. Chiaramente, l'obiettivo di Netanyahu di estirpare Hamas è in diretto contrasto con la "linea rossa" di Hizbullah e rischia di coinvolgere direttamente Hizbullah.

Tuttavia, il "cambiamento strategico" in questa dichiarazione politica chiave a nome dell'intero Asse è il passaggio alla percezione della politica estera statunitense in Medio Oriente come chiave di volta dei mali della Regione.

Invece di percepire Israele come autore della crisi attuale, quest'ultimo è stato declassato da Nasrallah da attore indipendente a protettorato militare statunitense, tra gli altri.

In parole povere, Seyed Nasrallah ha contestato direttamente non solo l'occupazione della Palestina, ma anche gli Stati Uniti nel loro complesso, in quanto alla base di ciò che ha colpito la regione – dal Libano, alla Siria, all'Iraq, alla Palestina. Per certi versi, in questo senso, Nasrallah ha riecheggiato l'avvertimento del Presidente Putin a Monaco nel 2007, rivolto a un Occidente che stava per ammassare forze NATO ai confini della Russia. La risposta di Putin all'epoca fu: "Sfida accettata."

Così come gli Stati Uniti hanno inviato ingenti forze navali in tutta la Regione – per "dissuadere Hizbullah e l'Iran" – ma quest'ultimo ha rifiutato di essere dissuaso. Nasrallah ha detto delle navi da guerra statunitensi: "Abbiamo preparato qualcosa per loro", (e nel corso della settimana il Partito ha svelato le sue capacità missilistiche terra-nave).

Il punto fondamentale è che un fronte unito di Stati e attori armati sta avvertendo di una sfida più ampia all'egemonia statunitense. In effetti, anche loro stanno dicendo: "Sfida accettata."

La loro richiesta è chiara: fermare le uccisioni di civili; fermare gli attacchi e ottenere un cessate il fuoco. Niente espulsioni, niente nuova Nakba. In termini specifici, gli Stati Uniti sono stati avvertiti di "aspettarsi dolore" se l'attacco a Gaza non verrà fermato rapidamente. Quanto tempo rimane per ottenere questa cessazione (se è possibile)? Non ci sono dettagli sulla tempistica.

Cosa si intende per "dolore"? Non è chiaro. Ma guardiamoci intorno: gli Houthi inviano ondate di missili da crociera diretti contro Israele (alcuni non ce la fanno e vengono abbattuti; quanti siano non si sa). Le basi statunitensi in Iraq sono regolarmente (attualmente ogni giorno) sotto attacco; molti soldati americani sono stati feriti. E Hizbullah e Israele sono, per ora, in guerra limitata oltre il confine libanese.

Non una guerra totale – ma se gli attacchi di Israele a Gaza continueranno nelle prossime settimane, dovremo aspettarci un'escalation gestita di vite su diversi fronti – che ovviamente rischia di sfuggire al controllo.

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti