Facebook ha limitato la diffusione di informazioni sul portatile di Hunter Biden su richiesta dell'FBI

Facebook ha limitato la diffusione di informazioni sul portatile di Hunter Biden su richiesta dell'FBI

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Ieri, Mark Zuckerberg ha riconosciuto che Facebook ha ricevuto un avvertimento dall'FBI che lo ha portato a limitare la diffusione della storia del laptop di Hunter Biden sui social network prima degli Stati Uniti elezioni del 2020.

Il fondatore e CEO di Facebook ha commentato nell'ultimo episodio del podcast 'The Joe Rogan Experience' che la telefonata è avvenuta poco prima che il New York Post riportasse il computer che ha fatto luce sui loschi affari esteri del figlio dell'attuale presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Sebbene Zuckerberg abbia sottolineato che Facebook "ha preso una strada diversa da Twitter”, che ha vietato la diffusione diretta di informazioni a riguardo e addirittura impedito agli utenti di condividerle nei messaggi diretti, ha spiegato che il suo gruppo alla fine ha deciso di limitare la diffusione del Nuovo articolo York Post sulla base dei consigli che aveva ricevuto dall'FBI.

"Lo sfondo qui è che l'FBI fondamentalmente è venuto da noi e ha detto, 'Ehi, che si sappia, devi stare in allerta.’ Pensiamo che ci fosse molta propaganda russa in corso nelle elezioni del 2016; gli ho fatto notare che fondamentalmente c’era una sorta di agitazione simile a quella. Quindi resta sintonizzato", ha detto l'uomo d'affari, parafrasando le parole di un agente federale.

Allo stesso modo, Zuckerberg ha osservato che per la prima settimana dopo la pubblicazione della storia del laptop, Facebook ha cercato di verificare la veridicità della segnalazione e, nel frattempo, ha deciso di limitare la distribuzione della storia attraverso l'algoritmo delle notizie della piattaforma: "La classifica in "newsfeed" era un po' più basso. Quindi meno persone l'hanno visto di quanto l'avrebbero visto altrimenti", ha precisato, aggiungendo che il numero di utenti che non sono stati in grado di vedere l'articolo era "significativo".

L'FBI ha prolungato le indagini

Questa settimana il senatore repubblicano Ron Johnson ha rivelato nuove dichiarazioni di diversi "informatori" secondo cui l'FBI ha deliberatamente prolungato l'indagine su Hunter Biden e ha incaricato i suoi agenti di non guardare nel suo laptop.

Secondo quanto riferito, questi informatori hanno affermato che la leadership dell'FBI ha detto ai suoi dipendenti: “Non guardare quel laptop di Hunter Biden", promettendo che l'ufficio non avrebbe alterato l'esito delle elezioni del 2020, un riferimento all'FBI che ha riaperto le indagini sul server Hillary L'e-mail privata di Clinton giorni prima delle elezioni del 2016.

"Inoltre, questi informatori affermano che l'FBI non ha iniziato a esaminare il contenuto del laptop di Hunter Biden fino a dopo le elezioni presidenziali del 2020", ha osservato il senatore, aggiungendo che le nuove rivelazioni dovrebbero essere sufficienti per l'ispettore generale del Dipartimento di giustizia, Michael Horowitz, per agire rapidamente.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti