Evo Morales evidenzia i cambiamenti promossi da AMLO in Messico

Evo Morales evidenzia i cambiamenti promossi da AMLO in Messico

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'ex presidente della Bolivia Evo Morales (2006-2019) ha elogiato questa domenica il “profondo cambiamento” promosso in Messico dal presidente Andrés Manuel López Obrador, ritenendo che questo abbia rafforzato l'integrazione regionale.

Morales ha fatto riferimento alla questione in un contatto virtuale con la radio dei coltivatori di coca Kawsachun Coca dal Messico, dove ha viaggiato invitato da Morena, il partito di López Obrador, per “accompagnare” il processo elettorale che ha portato all'elezione di Claudia Sheinbaum, secondo quanto dichiarato dallo stesso ex presidente nelle sue reti sociali.

L'ex presidente, che fa parte della missione di osservazione elettorale del Gruppo di Puebla per le elezioni di domenica prossima, ha detto che gli ex presidenti messicani “hanno sempre avuto uno sguardo verso nord”.

“Con Andrés (c'è) uno sguardo verso sud, perché l'America Latina è la famiglia del Messico. Secondo il leader del partito boliviano Movimiento al Socialismo (MAS), López Obrador conclude il suo mandato presidenziale con un consenso di “oltre il 60%” e lo attribuisce alle sue “politiche sociali”.

Per Morales, la gestione pubblica del governatore messicano potrebbe significare che il suo partito è “ratificato in queste elezioni” e ha sottolineato che se la candidata al governo Claudia Sheinbaum vincesse, “sarebbe il primo presidente donna, non solo del Messico, ma del nord”.

Il politico boliviano ha assicurato che c'è stato “un cambiamento clamoroso in Messico e che rafforza l'integrazione latinoamericana” e “garantisce” la continuità della Comunità degli Stati latinoamericani e caraibici (Celac), che “è come un'Osa (Organizzazione degli Stati americani) senza gli Stati Uniti”.

Morales ha accusato gli Stati Uniti di cercare di “logorare” o far scomparire la Celac con iniziative come il Gruppo di Lima o l'Alleanza del Pacifico, ma ritiene che essa “continui a consolidarsi”.

Ha deplorato che l'Unione delle Nazioni Sudamericane (UNASUR) sia attualmente “con molte debolezze” e ha ricordato che prima di essa “i popoli” erano organizzati nel cosiddetto Runasur, una piattaforma internazionale di movimenti sociali e indigeni che l'ex sovrano boliviano promuove.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Le "non persone" di Gaza di Paolo Desogus Le "non persone" di Gaza

Le "non persone" di Gaza

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez di Geraldina Colotti Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

Il Venezuela alle urne per il compleanno di Chávez

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura di Michelangelo Severgnini 20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

20 anni fa a Baghdad: quando cominciò la censura

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute di Giuseppe Masala La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La crisi del debito Usa, Trump e le criptovalute

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa" di Paolo Arigotti La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

La crisi (senza fine) della fu "locomotiva d'Europa"

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti